Archive for maggio 2nd, 2011

Giorno 431: Un altro 1° Maggio nell’isola.

lunedì, maggio 2nd, 2011

(01  Maggio 2011)Giorno 431

Ore 7:30 Siamo entusiasti delle ragazze della Torres, da sempre nostre grandi sostenitrici con il loro Presidente Leonardo Marras, hanno vinto nuovamente lo scudetto riempiendo di orgoglio tutti i loro sostenitori.

Ore 8:30 Contro tutte le previsioni partono per l’Asinara le persone a noi care, fanno un viaggio bellissimo.

Ore 11:00 Arrivano in diramazione centrale, il nostro carcere. Un gruppo vario, Legambiente, sindacalisti, amici. Primo Maggio (altro…)

Intervista dal Festival di Perugia!

lunedì, maggio 2nd, 2011

Aggiornamento dai media sulla nostra vittoria del premio Eretici Digitali 2011, e la partecipazione al Festival del Giornalismo di Perugia. Nelle parole dell’amico Alessandro Gilioli di Piovonorane, che scrive un post su di noi, nell’intervista realizzata dalle ragazze di Step1 e nella video intervista, qui sotto, realizzata dalla troupe di EffesTv. Anche qualche rivelazione…

 

Napolitano ai sindacati: Statevi accuort’ NOMINATION

lunedì, maggio 2nd, 2011

E’ decisamente un altro millennio: le tradizioni si sfaldano, i campanilismi si mitigano , la famiglia non esiste più, il lavoro si precarizza (scusate: si flessibilizza per rispondere alla dinamicità della globalizzazione!).

Nulla è più sacro, e assistiamo a scene assurde, vedi un Capo dello Stato che tira le orecchie ai sindacati.

Che tristezza! Ma… il Capo dello Stato! Fossi nel Sindacato sarei morto di vergogna… immaginate se Papa Ratzinger incitasse i giovani: “Ma trombare un poco più, regaz?!”

La CGIL corre da sola per lo sciopero nazionale del 6 maggio, la FIOM corre da sola contro Marchionne – e contro tutti – mentre la CISL è convinta che: “Il sindacato serve a proteggere gli investimenti delle aziende”.

Chi nominiamo questa settimana, Napolitano, Bonanni, la CGIL o la FIOM? (altro…)

FIAT Melfi: Ecco il documento che ci assolve

lunedì, maggio 2nd, 2011

Il documento, firmato da tutti i sindacati, a difesa dei tre di Melfi è stato ritrattato al processo. Abbiamo tagliato le firme, in calce, come richiestoci dal Barozzino.

Continuano le rivelazioni di Giovanni Barozzino, uno dei tre operai Fiat di Melfi licenziati e riassunti (ma isolati), causa sciopero. Giovanni ci ha svelato qualcosa d’importante (ripreso da L’Espresso): i tabulati telefonici dimostrano che loro non si trovavano al blocco. Dopo gli sms di minacce ecco un’altra prova: un documento relativo a quella sera, firmato dagli altri sindacalisti, che assolveva i tre. Salvo venire poi ritrattato in sede processuale… Perchè?

Ci hai raccontato che la sera dello sciopero – quella per cui foste licenziati – erano presenti i delegati di altri sigle sindacali. Cosa hanno fatto quando hanno visto quello che stava accadendo?

Quella sera gli altri delegati sono andati a parlare con Marco Pignatelli sulla linea, volevano rassicurarlo sul fatto che il preposto aziendale che gli aveva urlato contro non si sarebbe più permesso di trattarlo in quel modo. Un documento firmato quella notte dall’Rsu di tutte le organizzazioni sindacali, non solo della Fiom, condannò quest’ultimo dicendo che aveva portato avanti delle azioni provocatorie. Non avremmo mai immaginato quello che sarebbe accaduto il giorno dopo, ovvero (altro…)