OMSA. Galeotti alla CGIL: “Voglio restare”

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×

Idilio Galeotti  - sindacalista di Omsa Faenza rimosso dalla Cgil – non é solo mosso da un puro sentimentalismo, ma da una profonda conoscenza del territorio in cui si muove, che si fonde con una visione più ampia, quella di allargare, di parlare del caso Omsa, cercando e creando circuiti di solidarietà con altre realtà, coinvolgendo i media e facendo una chiara distinzione fra le aziende che in questa crisi hanno realmente perduto e pagato qualcosa da quelle che invece hanno solo speculato.

Gli chiedo cosa ci può insegnare il caso Omsa. “Il caso Omsa credo ci insegni a fare una netta distinzione fra situazioni di crisi reale e di speculazione. Occorrerebbero in effetti dei coordinamenti nazionali specifici in grado di analizzare fra le diverse situazioni e in grado, di conseguenza, di trattare con tutte le armi sindacali, le aziende che speculano sulla pelle dei lavoratori. Se si pensa all’Omsa é evidente poi che l’azienda, nel corso della stessa trattativa, si sia comportata in modo vergognoso”.

Galeotti non si esprime sui perché di questa scelta della Cgil. Certo, la sua rimozione non aiuta le lavoratrici, vero? “Io l’ho detto e lo ripeto, io vorrei rimanere. La situazione in cui mi sono trovato se sembra strana da fuori lo é ancor più da dentro. Ma io voglio restare. Ho ricevuto davvero molta solidarietà e credo fermamente nel rapporto diretto con i lavoratori, anzi credo bisognerebbe recuperarlo, anche ad un livello più generale. Io ho sempre avuto un attivismo abbastanza forte, difendo le mie idee cercando  di pormi dal punto di vista dei lavoratori, dei più deboli, perché il sindacato deve proprio fare questo, tutelare gli interessi dei più deboli”.

Cosa succederà secondo lei? “Non so come finirà la mia vicenda personale, cioé se verrò riconfermato oppure no, ma certo con le ragazze, con le dipendenti dell’Omsa rimarrò in contatto e continuerò ad aiutarle finché potrò, perché comunque quando si instaura un rapporto così, non lo si può tagliare, fregandosene di come finirà la vicenda”.

Ci verrebbe da dire: così parla un vero sindacalista.

di Francesco Farinelli
(14 maggio 2011)

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×

Tags: , , ,

Top post

Post recenti