Una storia ‘Agrodolce’, anzi amara

199 Flares Facebook 181 Twitter 9 Google+ 4 LinkedIn 5 199 Flares ×

Riportiamo con piacere una lettera, per accendere i riflettori (e questa volta la metafora non è casuale) sul desolante caso di “Agrodolce”, una fiction che doveva portare lavoro ed energie vitali a Termini Imerese. Sarebbe dovuta nascere una nuova Cinecittà: 230 puntate, al 100mila euro ciascuna. Ora ci sono 134 persone in cassintegrazione e l’invito a diffondere questa storia… amara.

“Gentile Redazione de L’isola dei cassintegrati, sono una sarta che lavora da tempo nel cinema e per la tv. Un lavoro quasi da bottega che amo molto e mi gratifica ancora nonostante gli anni passino. Nel 2007 sono stata chiamata a partecipare alla realizzazione di Agrodolce, fiction andata in onda su Raitre e sospesa nel marzo 2011 per delle storie tra la Rai e la società di produzione.

Il clima chiaramente tra noi lavoratori è iniziato a farsi teso da quando la produzione è stata sospesa e tutti noi siamo rimasti “a spasso”. Abbiamo anche manifestato nelle piazze ma senza che nessuno ci ascoltasse. Giornali e tv hanno dato poca visibilità alla vicenda, ma proprio in questi giorni qualcuno si è deciso a pubblicare un’inchiesta con tutta la storia e i suoi protagonisti. Il Fatto Quotidiano ha infatti realizzato degli articoli e video in cui si chiarisce in parte la vicenda:

Vi scrivo per invitarvi a ri-pubblicare la notizia e i video in modo che se ne dia il più possibile diffusione. Se non altro per tutti quei lavoratori che come me sono rimasti a casa.

Grazie mille.

Un’umile sarta”

di Marco Nurra
(16 dicembre 2011)


Diffondi questo articolo in 3 modi:

  1. Copialo sul tuo blog inserendo il link all’articolo orginale (Licenza Creative Commons)
  2. Condividilo su Facebook dalla nostra pagina
  3. Cinguettalo su Twitter usando l’hashtag #AsinaraRevolution

 

199 Flares Facebook 181 Twitter 9 Google+ 4 LinkedIn 5 199 Flares ×

Tags: , , , , , , , ,

Top post

Post recenti