Lavoratori Jabil: “Cari colleghi, il futuro è nostro!”

4 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 4 4 Flares ×

Su L’isola dei cassintegrati la seconda lettera-testimonianza di Anna Lisa Minutillo, che da oltre 5 mesi porta avanti coi suoi colleghi un presidio permanente davanti ai cancelli dell’azienda a tutela del posto di lavoro. Stiamo parlando della Jabil che quattro anni fa ha rilevato i lavoratori da Nokia (il mandante di questa situazione scomoda e pesante). 

Forse sono io ad avere una visione differente della vita e del lavoro, delle relazioni interpersonali, dell’educazione e del rispetto. Forse di illusi ne sono rimasti anche pochi e forse fa meglio chi non ci crede più. Forse per qualcuno la vita e il rispetto per le persone sono solo parole vuote e prive di valore. Forse qualche soldo in più fa sentire ricco chi basa la propria esistenza sul denaro, non saprei. Forse ci si dimentica che chi circonda di attenzioni esseri che credono di avere in mano lo scettro del potere alla fine sono solo delle “povere persone”, poiché non hanno ancora compreso che i sentimenti non si comprano.

Ma forse è anche vero che questo Paese non ha bisogno di personaggi così e che noi con la nostra determinazione e con la trasparenza dei nostri ideali, se vogliamo e se restiamo uniti, possiamo far cambiare lo stato delle cose. Non riesco personalmente a comprendere come si possa continuare ad essere fieri dopo aver reso incubi i sogni di chi nel proprio lavoro ci credeva e pensava di poter semplicemente continuare a vivere onestamente. Non riesco a capire come si possa essere fieri delle lacrime stampate sui volti di persone che hanno sempre lavorato e che da sole se ne sono tornate a casa. Per il loro ultimo giorno di lavoro, senza nemmeno aver avuto la possibilità di salutare i colleghi, ritrovandosi a fissare per l’ultima volta gli interni dell’azienda dove hanno sempre prestato servizio quasi a non volerne dimenticare mai i contorni, quasi come se fosse stato tutto e solo un lungo sogno.

Non riesco a capire se e quanto valga questa spocchia arrogante nei confronti di chi con la parola “LAVORO” non si è solo riempito la bocca ma ha fatto andare sempre le mani, i pensieri, la competenza, la voglia di portare il suo contributo e non di essere appiattito e condannato al silenzio. Devo essere una persona che ha sbagliato secolo per nascere e vivere, devo essere una persona idealista e sognatrice, devo essere una persona illusa e non arrendevole, devo essere una persona poco incline alla rasseganzione. Devo essere una persona alla ricerca di qualcosa che magari, forse, non c’è. Ma tutto sommato so di essere una persona contenta di sé, una persona che non ha mai smesso di sognare e di credere nelle sue potenzialità. E non credo di sbagliare, anche perchè con me ci sono altre 324 persone che credono nelle stesse cose, che non hanno voglia di svendersi al peggior offerente, che credono ancora che nessuna abbia il diritto di arrogarsi decisioni che vanno aldilà del posto di lavoro.

Non ci si rende conto che intorno all’occupazione ed alla retribuzione vi sono una miriade di situazioni da sistemare e da vivere, non ci si rende conto che restare senza impiego toglie la dignità e non ti fa quasi più comprendere chi sei e dove stai andando, non ci si rende conto o non ci si vuole rendere conto? Perché non proviamo a dimezzare lo stipendio di chi mette le sue idee a disposizione della tristezza futura altrui?

Non ci siamo proprio, ma nonstante il brutto momento che sto vivendo sono sempre fiera di me, dei miei ideali e di non essermi fatta imbruttire dalla vita fino al punto da restare indifferente difronte alle lacrime ed alla disperazione creata.

Avanti ragazzi/e consoliamoci perchè il futuro, questo 2012, non è in quelle mani sporche ma nella trasparenza dei nostri sguardi!

di Anna Lisa Minutillo (lavoratrice Jabil ex Nokia)
(30 dicembre 2011)


Lettore, aiutaci a diffondere questo articolo in 3 modi:

  1. Copialo sul tuo blog inserendo il link all’articolo orginale (Licenza Creative Commons)
  2. Condividilo su Facebook
  3. Cinguettalo su Twitter
SEI UN GIORNALISTA?
  • RISPETTA IL NOSTRO LAVORO: SE RIPORTI QUESTA NOTIZIA, CITACI COME FONTE. GRAZIE.

 

4 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 4 4 Flares ×

Tags: , , , , , , , , , ,

  • uno di voi

    anche se oggi posso considerami fortunato perche’ lavoro, sono vicino a te’ e a tutti gli altri che si trovano senza lavoro. Per questo vorrei dirti che bisognerebbe raccoglierci in un unico punto della nostra ITALIA (non la loro) senza organizzazioni o etichette (che tendono a dividerci)e camminare tutti insieme ( chi lavora e chi il lavoro non l’ha piu’) per trovare delle soluzioni create dal basso .
    UN ABBRACCIO FORTE A TUTTI VOI !!!!

  • Michele

    In solidarietà con i lavoratori della Jabil di Cassina de’ Pecchi

    DICHIARAZIONI DI CHIARA CREMONESI

    “Quanto accaduto oggi alla Jabil di Cassina de’ Pecchi non è ne più ne meno che l’ennesimo epifenomeno di una mancata gestione, da parte di Regione Lombardia, di tutta quella economia che non sia strettamente correlata allo sviluppo del mattone.

    Formigoni e Gibelli, ad oggi, non sono stati all’al
    tezza, e la loro incapacità nella gestione di politiche industriali innovative – al di là dei proclami e delle iniziative di facciata – manda in frantumi un polo tecnologico di altissima qualità e di indubbia rilevanza produttiva e occupazionale.

    Non è tollerabile che Regione Lombardia, in una situazione di crisi quale che viviamo attualmente, si chiami fuori rispetto a un problema occupazionale di queste dimensioni e che perda, senza intervenire, un patrimonio di professionalità, di know-how, di ricerca e sviluppo così prezioso.

    Proprio per questa solitudine istituzionale a cui sono stati destinati i lavoratori in presidio da parte di Regione Lombardia, esprimo loro tutta la mia solidarietà e il mio sostegno”. Lo dichiara Chiara Cremonesi, capogruppo di Sinistra Ecologia Libertà in Regione Lombardia”

Top post

Post recenti