Aiazzone

CITTÀ: Roma e 44 punti vendita in tutta Italia.
SETTORE: Arredamento, mobili.
LAVORATORI: 850
SITUAZIONE ATTUALE: Dopo 12 mesi di cassa integrazione (ordinaria), mobilità per 530 lavoratori.

AZIONI DI PROTESTA:
• Sciopero nei punti vendita di tutta Italia (21 gennaio 2011)
• Tre mesi di assemblea permanente in un punto vendita di Pomezia (gennaio 2011 – aprile 2011)

STIPENDIO PRIMA E ADESSO: da 1200 euro netti ai 800 di mobilità. Si perdono 600 euro a busta paga, per un totale di 318.000 euro persi al mese dai lavoratori.

Post recenti

Cassintegrati, l’inferno è doppio6 febbraio 2012

Una volta erano operai, colletti bianchi, operatori di call center, e molte cose li rendevano diversi. Chi andava a lavorare in tuta e chi in cravatta, chi stava in catena di montaggio, chi davanti a un computer: ora sono tutti uguali, accomunati da quella che definiscono “la livella”. La cassa integrazione. Una realtà che oggi […]

Continua a Leggere...

TAVOLO LAVORO. Aiazzone, 320 giorni senza paga21 settembre 2011

Ad inizio giugno scrivevamo che i lavoratori, senza stipendio da 7 mesi, speravano di ricevere i primi soldi della cassa a luglio. Ad oggi, quasi fine settembre, non hanno ancora visto un euro. C’erano anche loro il 10 settembre al Tavolo sul Lavoro a Piazza San Giovanni a dire la loro rabbia. “Per spiegare qual […]

Continua a Leggere...

Una mail per AIAZZONE14 giugno 2011

Lo scandalo Aiazzone, prima ancora dei clienti truffati a migliaia, coinvolge 850 lavoratori, 6 mesi senza stipendio e ora senza lavoro. “Non possiamo fare nulla – ci dice Carmine Improta dal punto vendita di Mariglianella (NA) – nemmeno occupare perchè i curatori fallimentari hanno staccato acqua e luce”. I lavoratori, allora, hanno pensato di inviare email […]

Continua a Leggere...

AIAZZONE: I furbetti del comodino2 giugno 2011

Sul fallimento Aiazzone si è parlato soprattutto delle decine di migliaia di clienti truffati, e troppo poco degli 850 lavoratori vessati e con mesi di stipendi non pagati. La vicenda parte da lontano ed è la solita storia di scatole cinesi e mala imprenditoria. “Nel punto vendita dove lavoravo, qui a Mariglianella (NA) non possiamo […]

Continua a Leggere...