Diario dall’Asinara

I diari, scritti personalmente dagli operai sull’isola. Segui ora dopo ora la vita de L’isola dei cassintegrati.

Post recenti

Ho 36 anni e tanta rabbia mentre cerco un lavoro16 luglio 2014

Ti vendi bene tu, che prendi 500 euro al mese per lavorare 12 ore al giorno? Ti vendi bene tu, che a 35 anni hai dovuto chiedere un prestito ai tuoi genitori? Ti vendi bene tu, all’ennesimo rinnovo del determinato? #tivendibenetu è una campagna de L’isola dei cassintegrati sulle reali condizioni di lavoro, e di […]

Continua a Leggere...

Noi, avvocati stagisti pronti a lavorare gratis11 luglio 2014

Della nostra generazione dicono di tutto: che siamo inadeguati, insoddisfatti, scansafatiche. Che dovremmo andare a zappare o a fare i mestieri, che gli studi non ci preparano al lavoro, che dovremmo accontentarci. Oppure, che non sappiamo protestare abbastanza. E mentre dicono questo continuano a stanziare soldi per i prepensionamenti, mentre a noi lasciano solo le briciole. […]

Continua a Leggere...

La guerra fra vecchi e giovani di cui non si parla più9 luglio 2014

Ieri mattina a Roma c’è stata la protesta dei giornalisti precari davanti la sede del sindacato Fnsi. Reo, quest’ultimo, di avere firmato l’accordo sull’equo compenso. 120 milioni di euro dal governo per i prepensionamenti a fronte di un compenso minimo di 20 euro a pezzo per i precari. Ma i fatti di ieri mattina sono […]

Continua a Leggere...

10 cose da fare mentre aspetti un pagamento a 90 giorni8 luglio 2014

Partita Iva? Precario? Lavori con la Pubblica Amministrazione? Beh, allora sai di cosa stiamo parlando, di quelle fatture che invii di fretta perché loro devono scaricarle come costi, ma a te verranno pagate tra mesi. Molti mesi. Quanti mesi? Meglio non pensarci. Giacomo Cannelli in questo post ci rivela 10 semplici trucchi per ingannare il proprio […]

Continua a Leggere...

Lavoro ai giovani: il caos delle regioni7 luglio 2014

Nel nostro paese i disoccupati tra i 15 e il 24 anni sono il 43,3 per cento. Ma il programma europeo per impiegare i giovani, partito due mesi fa, stenta a decollare. Perché ogni regione può fare a modo suo. E in molte è caos. L’inchiesta di Michele Azzu per L’Espresso. “Garanzia Giovani” compie due mesi: sono passati […]

Continua a Leggere...

Electrolux, tutto quello che non è stato detto sull’accordo2 luglio 2014

Il “patto” firmato a Palazzo Chigi salva 1.200 posti di lavoro. Entusiasti i ministri, Matteo Renzi, i sindacati. Eppure i sindacalisti territoriali non hanno potuto leggere il testo prima della firma. E la velocizzazione della produzione rischia di scontrarsi con l’insorgere di patologie professionali. L’inchiesta di Michele Azzu per L’Espresso. Il 15 maggio si è conclusa la […]

Continua a Leggere...

Morti sul lavoro, ‘L’isola dei cassintegrati’ ospite del Tg330 giugno 2014

Le morti sul lavoro sono un problema politico. Se gli incidenti si ripetono sugli stessi luoghi – all’Ilva, alla Marcegaglia, alla metro di Roma – vuol dire che qualcosa non va. Michele Azzu ha partecipato come ospite nella trasmissione del Tg3 “Fuori Tg” del 26 giugno per parlare della sua inchiesta sulla strage morti sul lavoro […]

Continua a Leggere...

Cosa ci ha insegnato il 1 maggio di Taranto senza sindacati28 giugno 2014

Nella città dell’Ilva si è svolta una giornata alternativa a quella organizzata dai sindacati a Piazza San Giovanni a Roma. Per marcare la differenza su come si deve intendere la lotta per i diritti e per il lavoro. L’articolo di Michele Azzu per L’Espresso. «Il primo maggio ci deve ricordare che alla base del lavoro, del […]

Continua a Leggere...

74 licenziati: non è una sitcom20 giugno 2014

Pubblichiamo il pensiero di Giulia Marrone, ex dipendente Sitcom che ora scrive ai suoi ex colleghi che stanno per subire 74 licenziamenti, e che oggi hanno fatto un sit-in di protesta davanti l’azienda.  I 45 giorni di trattativa obbligatoria tra azienda e sindacato si sono conclusi con un mancato accordo. Quando sono andata via da Sitcom ho […]

Continua a Leggere...

Perché continuiamo a morire di lavoro in Italia4 giugno 2014

Le statistiche fotografano un Paese in cui si continua a perdere la vita nei cantieri e nelle fabbriche. E la battaglia per la sicurezza sembra interessare solo ai familiari delle vittime e a pochi altri. L’inchiesta di Michele Azzu per l’Espresso. “Stato… Stato… giustizia…”, dice così il padre di una delle vittime del rogo alla Thyssen di […]

Continua a Leggere...