Fincantieri

FINCANTIERI SESTRI PONENTE

CITTÀ: Genova, Sestri Ponente.
SETTORE: Navale, siderurgico.
LAVORATORI: 700 (427 operai, 273 impiegati).
SITUAZIONE ATTUALE: Cassa integrazione (straordinaria) per 500 lavoratori, a zero ore.

AZIONI DI PROTESTA:
• Fincantieri presenta il Piano industriale con 2.500 esuberi (23 maggio 2011).
• Operai occupano l’aeroporto di Genova (4 gennaio 2012).
• Operai da tutti gli stabilimenti fincantieri manifestano a Roma (10 gennaio 2012).

STIPENDIO PRIMA E ADESSO: da 1200 euro netti agli 800 di cassa integrazione. Si perdono 400 euro a busta paga, per un totale di 200.000 euro persi al mese dai lavoratori.
__________________________________________________

FINCANTIERI PALERMO

CITTÀ: Palermo.
SETTORE: Navale, siderurgico.
LAVORATORI: 500 (340 operai).
SITUAZIONE ATTUALE: Cassa integrazione (straordinaria) per 100 lavoratori, a zero ore.

AZIONI DI PROTESTA:
• Fincantieri presenta il Piano industriale con 2.500 esuberi (23 maggio 2011).
• Operai bloccano la tangenziale (3 gennaio 2012).
• Operai da tutti gli stabilimenti fincantieri manifestano a Roma (10 gennaio 2012).

STIPENDIO PRIMA E ADESSO: da 1.500 euro netti (coi turni) agli 800 di cassa integrazione. Si perdono 700 euro a busta paga, per un totale di 70.000 euro persi al mese dai lavoratori.
__________________________________________________

FINCANTIERI ANCONA

CITTÀ: Ancona.
SETTORE: Navale, siderurgico.
LAVORATORI: 560 (374 operai).
SITUAZIONE ATTUALE: Cassa integrazione (straordinaria) per 100 lavoratori, a zero ore.

AZIONI DI PROTESTA:
• Fincantieri presenta il Piano industriale con 2.500 esuberi (23 maggio 2011).
• Gli operai bloccano la stazione (22 aprile 2011).
• Operai bloccano il traffico ad ASncona (14 ottobre 2011).
• Operai da tutti gli stabilimenti fincantieri manifestano a Roma (10 gennaio 2012).
• Operai bloccano il porto di Ancona (8 maggio 2012).

STIPENDIO PRIMA E ADESSO: da 1.500 euro netti (coi turni) agli 800 di cassa integrazione. Si perdono 700 euro a busta paga, per un totale di 70.000 euro persi al mese dai lavoratori.

Post recenti

Se la crisi è colpa del manager24 luglio 2013

Ilva, Eutelia, Alcoa, Phonemedia: società fallite o sull’orlo della bancarotta per la responsabilità di una dirigenza criminale. Le cui azioni ricadono poi sui dipendenti licenziati o in cassintegrazione. Che ora Confindustria vorrebbe ancora più ‘flessibili’ (cioè precari). L’inchiesta di Michele Azzu per l’Espresso. SEGUI TUTTE LE VERTENZE: AGILE-EUTELIA | FINCANTIERI | ILVA | ALCOA Confindustria non molla: per il presidente Giorgio Squinzi bisogna uscire dallo […]

Continua a Leggere...

Fincantieri, la prospettiva è cassa integrazione lunga29 novembre 2012

È passato quasi un anno dalle forti contestazioni degli operai navali della Fincantieri, tra Sestri Ponente (Genova), Castellamare di Stabia (Napoli), Palermo e Ancona. Avevano marciato a Roma, a Genova, a Castellamare erano entrati di forza al comune spaccando tutto. Poi era arrivata la toppa della Cassa Depositi e Prestiti, e l’azienda aveva ritirato l’ipotesi […]

Continua a Leggere...

Passera, il ministro che non c’è28 agosto 2012

Corrado Passera quando vuole sa farsi notare. Come nei giorni subito dopo Ferragosto: l’intervista esclusiva con foto romatiche su ‘Oggi’, la visita all’Ilva di Taranto, il discorso appassionato al Meeting di Cl. Gioca d’anticipo sull’autunno, il ministro allo sviluppo economico, e sono in molti ormai a darlo come candidato alla prossima legislatura. Eppure c’è chi […]

Continua a Leggere...

Sestri, la rabbia dei morti viventi12 gennaio 2012

Sono le 6.30 del mattino dell’11 gennaio a Genova quando, nei pressi del cantiere abbandonato alla periferia della città, non lontano dai binari della ferrovia, il silenzio dell’alba viene infranto dal rumore di una marcia. Sembrano poche persone, un brusio che ingrossa fino a diventare boato, e quelle persone diventano cento, duecento, un migliaio, e […]

Continua a Leggere...

Fincantieri, occupano l’aeroporto di Genova5 gennaio 2012

Ieri, martedì 4 gennaio, gli operai Fincantieri di Sestri Ponente hanno occupato per tutta la mattinata l’aeroporto di genova, per forzare l’azienda a dire che vorrà fare dello stabilimento ligure, e per ottenere un tavolo di trattative dal ministero dello sviluppo economico. La decisione di Fincantieri di licenziare 2500 dipendenti e di chiudere gli stabilimenti di […]

Continua a Leggere...

Cenone sì ma sul tetto28 dicembre 2011

Ora sono sulla bocca di tutti, e spesso li avete visti nei talk show televisivi: sono gli operai, la classe lavoratrice per eccellenza. Fino a pochi mesi fa per far parlare delle fabbriche che chiudevano erano costretti a salire sui tetti, sulle gru, ad occupare il carcere dell’Asinara. Quando in Italia la crisi – a […]

Continua a Leggere...

Fincantieri vuole chiudere… e Passera?14 dicembre 2011

Fincantieri dettaglia gli esuberi cantiere per cantiere, ma le caselle di Sestri e Castellamare le ha lasciate in bianco… Non ha avuto il coraggio di scrivere un numero che corrisponde a tutti gli occupati? O si aspetta che sia il Ministero dello Sviluppo Economico a riempire quelle caselle? C’è poco da fare, Fincantieri ha deciso di […]

Continua a Leggere...

Fincantieri, fabbrica occupata. Parlano gli operai12 ottobre 2011

I lavoratori Fincantieri di Sestri Ponente (Genova) si aspettavano una semplice cosa dall’incontro di ieri al Ministero dello Sviluppo Economico: lavoro. Purtroppo, dai primi messaggi arrivati dalla delegazione scesa a Roma, si capisce che l’incontro è stato il solito film stravisto di promesse e rinvii (al 9 novembre). Immediatamente esplode la rabbia dei 400 lavoratori, […]

Continua a Leggere...

video TUTTI IN PIEDI: Benigni, Fincantieri, le operaie18 giugno 2011

Un appassionato intervento di Roberto Benigni dal palco di TUTTI IN PIEDI, il proseguo post-Rai di Annozero in concomitanza con la festa dei 100 anni della Fiom da una Bologna gremita. “Amate il vostro lavorooh!”, dice Benigni. A seguire le parole dell’operaio Fincantieri.

Continua a Leggere...

ANNOZERO. Call center, Fincantieri e madri licenziate27 maggio 2011

Ieri ANNOZERO ci ha mostrato, in un lungo servizio, quello che i dati dell’ISTA dicono ma non possono farci vedere. La dimensione reale del precariato in Italia. Partendo dall’emblema del precario, il call center, fino ad arrivare agli operai Fincantieri e agli insegnanti di Bologna. Per concludere intervista a una giovane donna, che rinuncia a […]

Continua a Leggere...