Terremoto in Emilia Romagna

DATE: 20 maggio 2012, 29 maggio 2012
LOCALITÀ COLPITE: Bassa ferrarese, bassa modenese.
SETTORI: meccanica, farmaceutico, ceramica, caseifici.
TOTALE MORTI SUL LAVORO: 17

MORTI (20 MAGGIO)
• Leonardo Ansaloni e Nicola Cavicchi sotto il crollo della Ceramica Sant’Agostino, nella frazione omonima.
• Gerardo Greco sotto il crollo della Tecopress di Sant’Agostino.
• Tarik Nauch sotto il crollo dell’Ursa, a Bondeno.

MORTI (29 MAGGIO)
• Mohamed Arzag e Kumar Pawan (operai) e l’Ing. Gianni Bignardi sotto il crollo della Meta, a San Felice sul Panaro.
• Vincenzo Grilli e Eddi Borghi (operai) e il titolare Enea Grilli sotto il crollo della Bbg a Mirandola.
• Vincenzo Iacono e Mario Mantovani sotto il crollo della Aries di Mirandola.
• Daniela Salvioli sotto il crollo del mobilificio Malavasi, a Cavezzo.
• Paolo Siclari, Biagio Fantucci, Matteo Serra e Giordano Visconti alla Heamotronics di Medolla.

Post recenti

Emilia, l’allarme inascoltato29 maggio 2013

A chi un anno fa ha vissuto il terremoto in Emilia Romagna capita ancora di sentire le scosse la mattina, al risveglio. Era il 29 maggio 2012, ore 9 del mattino: il terremoto colpì la bassa modenese uccidendo venti persone. Di queste, 13 morirono sotto i capannoni industriali: la Meta, la Haemotronics, la Bbg, la […]

Continua a Leggere...

Le scosse continuano e nei capannoni si lavora12 giugno 2012

Questo video è la versione originale della video inchiesta ‘Il filo conduttore‘ pubblicata su L’Espresso assieme al pezzo ‘Perché sono morti gli operai‘, del 30 maggio 2012. Siamo andati sui luoghi dove sono crollati i capannoni, e dove ad oggi sono morte 17 persone. In queste settimane abbiamo letto di operai costretti a lavorare nei […]

Continua a Leggere...

Perché sono morti gli operai30 maggio 2012

«Come un castello di carta», dice Erminio. «E’ venuto giù come un castello di carta». Erminio Veronesi, della Fiom di Modena, ha assistito al crollo della Meta, azienda meccanica di San Felice sul Panaro dove martedì sono morti due operai e un ingegnere. Uno dei tanti capannoni che non ci sono più: se andate sui luoghi […]

Continua a Leggere...

Chiuse circa 4.000 aziende

Venerdi 25 maggio – dopo la prima scossa, prima della seconda – si sono ritrovati in Regione Emilia Romagna enti locali, sindacati, Confcommercio, Coldiretti e Confindustria, per fare il punto della situazione sui danni del terremoto del 20 maggio. E’ stato firmato un Protocollo d’Intesa che prevede ammortizzatori sociali, ordinari e in deroga, per far ripartire le […]

Continua a Leggere...

Operai morti nel terremoto: il filo conduttore22 maggio 2012

Dei sette morti nel terremoto del ferrarese quattro sono operai. I capannoni crollati sono tre: la ceramica Sant’Agostino, poco lontano la Tecopress, poi la Ursa a Bondeno. Mentre la procura apre il fascicolo sul crollo dei capannoni diventa inevitabile interrogarsi sulla sicurezza di questi prefabbricati. Ma il giorno dopo le morti, e finché non si […]

Continua a Leggere...