Ilva

CITTÀ: Taranto.
SETTORE: Siderurgico.
LAVORATORI: 11.477 (9.224 operai, 1.374 impiegati, 868 capisquadra, 11 dirigenti).
SITUAZIONE ATTUALE: Cassa integrazione (ordinaria) per 2.000 lavoratori a partire dal 19 novembre 2012. 6.417 in cassa integrazione dal 3 marzo per due anni.

AZIONI DI PROTESTA:
• Lavoratori somministrati occupano il cavalcavia davanti la fabbrica (18 novembre 2010).
• Lavoratori somministrati occupano e minacciano di buttarsi dal ponte (13 febbraio 2012).
• 7.000 operai in piazza a favore dell’azienda (1 aprile 2012).
• Operai occupano l’altoforno a 60 metri di altezza (25 settembre 2012).
• Operai bloccano la statale (27 settembre 2012).

STIPENDIO PRIMA E ADESSO: da 1400 euro netti agli 800 di cassa integrazione. Si perdono 600 euro a busta paga, per un totale di 1.200.000 euro persi al mese dai lavoratori.

Post recenti

L’Ilva uccide solo d’estate11 aprile 2014

“Ma l’Ilva ucciderà anche noi?” “Tranquillo. Ora siamo in primavera. L’Ilva uccide solo d’estate”. Risponderei così – citando il film di Pif – a un operaio dell’Ilva e degli appalti che si preoccupa della sua sicurezza. O a una delle 386 persone morte nell’arco di 13 anni per colpa delle emissioni industriali, come stabilisce la […]

Continua a Leggere...

Ilva: “Dopo la tromba d’aria le gru sono ancora a rischio”19 dicembre 2012

È passato quasi un mese dal 28 novembre e dalla tromba d’aria ha colpito Taranto e l’Ilva, uccidendo Francesco Zaccaria di 29 anni, intrappolato dentro la gru che manovrava finita in mare. Solo un’ora dopo sarebbero rimasti uccisi 70 lavoratori sotto il crollo della mensa, e viene da chiederci perché in queste catastrofi muoiano sempre […]

Continua a Leggere...

Ilva, cassa integrazione per 2.000 lavoratori6 novembre 2012

Torniamo a scrivere di Ilva, dopo il nostro reportage per l’Espresso di qualche mese fa e la testimonianza da Taranto di Teresa Sarripierro. Neanche questa volta si tratta di buone notizie: l’azienda ha chiesto di avviare le procedure di cassa integrazione per 2.000 dei suoi dipendenti. La richiesta è stata presentata nel corso di un incontro coi sindacati Fim, […]

Continua a Leggere...

Taranto, con l’Ilva ci si paga il mutuo28 luglio 2012

A Taranto è in corso una guerra, l’abbiamo raccontata mesi fa su L’Espresso: “Precari e veleni, Taranto muore“. Da una parte i tarantini chiedono salute, dall’altra 7000 operai che vogliono lavorare. In mezzo la perizia del tribunale che prova il legame tra tumori e emissioni dell’Ilva. Agli estremi governo e Vendola se ne fregano, aspettando […]

Continua a Leggere...

Ilva, la guerra di Taranto2 aprile 2012

La guerra di Taranto è una guerra fra poveri, quella di chi lotta contro l’inquinamento dell’Ilva e chi invece lì lavora, e chiede assunzioni e sicurezza. Siamo stati di recente a Taranto per presentare Asinara Revolution, e L’Isola ha cercato di capire quello che accade attorno al complesso siderurgico. Proprio nei giorni in cui una maxi […]

Continua a Leggere...

Precari e veleni, Taranto muore28 marzo 2012

«’A gueeerra, ‘a gueeerra!» urlava il piccolo Giovanni per i vicoli di Taranto, mentre assieme agli amici lanciava sassi ai questurini. Era il 1963 e a Giovanni, il figlio del fornaio, pareva proprio di stare in guerra: da una parte i tarantini a protestare contro il taglio delle convenzioni mutalistiche, dall’altra la polizia a reprimere […]

Continua a Leggere...