Jabil ex-Nokia

CITTÀ: Cassina de Pecchi (Milano).
SETTORE: Telecomunicazioni.
LAVORATORI: 325
SITUAZIONE ATTUALE: Mobilità.

AZIONI DI PROTESTA:
• Presidio in azienda (dal 16 luglio 2011 ad oggi).
• Occupazione del Comune di Cassina Dè Pecchi per ricevere garanzie da parte del Sindaco (14 febbraio 2010)
• Manifestazioni a Milano: davanti al Palazzo di Giustizia, alla Prefettura, al palazzo della Regione, e alla sede della Nokia (2010-2011)

STIPENDIO PRIMA E ADESSO: da 1200 euro netti agli 800 di cassa integrazione. Si perdono 400 euro a busta paga, per un totale di 130.000 euro persi al mese dai lavoratori.

Post recenti

Km 158, la lotta dei lavoratori Jabil in libreria14 agosto 2013

“Da quasi due anni a questa parte quel posto è abitato, giorno e notte, ventiquattro ore su ventiquattro, da qualcuno che ne ha fatto la sua seconda casa, la sua ragione di lotta, di vita”. Ci troviamo in uno stabilimento che si affaccia sulla strada padana, al Km 158, e la lotta è quella degli ex lavoratori […]

Continua a Leggere...

Jabil ex Nokia: 600 giorni di presidio in fabbrica21 marzo 2013

Che fine hanno fatto gli operai della Jabil ex nokia Siemens di Cassina de Pecchi, poco fuori Milano? Quelli di cui abbiamo scritto tanto, quelli che pochi mesi fa erano stati assediati dalle forze dell’ordine perché i proprietari volevano riprendersi i macchinari? Sono ancora li, in presidio, e ormai sono 613 giorni: tutto è iniziato il […]

Continua a Leggere...

Passera, il ministro che non c’è28 agosto 2012

Corrado Passera quando vuole sa farsi notare. Come nei giorni subito dopo Ferragosto: l’intervista esclusiva con foto romatiche su ‘Oggi’, la visita all’Ilva di Taranto, il discorso appassionato al Meeting di Cl. Gioca d’anticipo sull’autunno, il ministro allo sviluppo economico, e sono in molti ormai a darlo come candidato alla prossima legislatura. Eppure c’è chi […]

Continua a Leggere...

Lavoro, chi lotta a Ferragosto31 luglio 2012

La crisi non ammette ferie. Devono stare all’erta sempre, soprattutto adesso, quei lavoratori che da mesi scioperano, protestano o occupano la fabbrica. Perché è questo il momento più rischioso. Quello in cui tutti sono in vacanza, anche i giornalisti, gli attivisti, i movimenti che ti danno una mano. Ora che non c’è Santoro ad invitarti […]

Continua a Leggere...

Jabil occupata: “Ci hanno assediato coi camion all’alba”30 luglio 2012

Venerdì mattina le forze dell’ordine sono penetrate alla Jabil di Cassina Dè Pecchi (Milano) – occupata da oltre un anno dagli operai – per permettere all’azienda di riprendersi i macchinari. Sono stati momenti di forte tensione, ecco il racconto di Anna Lisa, che lì vive da un anno: È ancora buio quando arrivano i manovali […]

Continua a Leggere...

I lavoratori Jabil occupano il Comune14 febbraio 2012

Ci scrive Anna Lisa Minutillo, che da oltre otto mesi porta avanti coi suoi colleghi un presidio permanente davanti ai cancelli dell’azienda a tutela del posto di lavoro. Stiamo parlando della Jabil che quattro anni fa ha rilevato i lavoratori da Nokia. Stamani alle 9,00 ci siamo ritrovati ed abbiamo deciso di interrompere questi mesi […]

Continua a Leggere...

Cassintegrati, l’inferno è doppio6 febbraio 2012

Una volta erano operai, colletti bianchi, operatori di call center, e molte cose li rendevano diversi. Chi andava a lavorare in tuta e chi in cravatta, chi stava in catena di montaggio, chi davanti a un computer: ora sono tutti uguali, accomunati da quella che definiscono “la livella”. La cassa integrazione. Una realtà che oggi […]

Continua a Leggere...

Jabil, lettera dalla fabbrica “Riaccendiamo i macchinari”17 gennaio 2012

Su L’isola dei cassintegrati la terza lettera-testimonianza di Anna Lisa Minutillo, che da oltre 5 mesi porta avanti coi suoi colleghi un presidio permanente davanti ai cancelli della Jabil di Milano. Da quando hanno ricevuto i licenziamenti (14 dicembre) gli operai hanno occupato la fabbrica, e pochi giorni fa hanno deciso di rimettere in moto i […]

Continua a Leggere...

Lavoratori Jabil: “Cari colleghi, il futuro è nostro!”30 dicembre 2011

Su L’isola dei cassintegrati la seconda lettera-testimonianza di Anna Lisa Minutillo, che da oltre 5 mesi porta avanti coi suoi colleghi un presidio permanente davanti ai cancelli dell’azienda a tutela del posto di lavoro. Stiamo parlando della Jabil che quattro anni fa ha rilevato i lavoratori da Nokia (il mandante di questa situazione scomoda e pesante).  Forse sono io ad avere […]

Continua a Leggere...

Cenone sì ma sul tetto28 dicembre 2011

Ora sono sulla bocca di tutti, e spesso li avete visti nei talk show televisivi: sono gli operai, la classe lavoratrice per eccellenza. Fino a pochi mesi fa per far parlare delle fabbriche che chiudevano erano costretti a salire sui tetti, sulle gru, ad occupare il carcere dell’Asinara. Quando in Italia la crisi – a […]

Continua a Leggere...