accordo

Post recenti

Electrolux, tutto quello che non è stato detto sull’accordo

Il “patto” firmato a Palazzo Chigi salva 1.200 posti di lavoro. Entusiasti i ministri, Matteo Renzi, i sindacati. Eppure i sindacalisti territoriali non hanno potuto leggere il testo prima della firma. E la velocizzazione della produzione rischia di scontrarsi con l’insorgere di patologie professionali. L’inchiesta di Michele Azzu per L’Espresso. Il 15 maggio si è conclusa la […]

Continua a Leggere...

Le ragioni dei postini: perché protestano?

Negli uffici postali troviamo ormai quasi qualsiasi prodotto in vendita (dalla tecnologia, agli attrezzi di giardinaggio e persino gli scooter), ma la figura del postino rimane centrale. Quali sono le condizioni in cui lavorano queste persone nell’epoca della crisi? Perché protestano? Per capirlo, abbiamo fatto un passo indietro. Poste italiane, da quando è diventata una […]

Continua a Leggere...

Firem, accordo con i sindacati: lo stabilimento di Formigine non chiuderà

Dopo due settimane di tensione, finalmente una buona notizia. La famiglia Pedroni, titolare della Firem di Formigine (Modena), ha raggiunto un accordo con la Fiom. Lo stabilimento modenese non chiuderà, pur senza rinunciare all’avvio della produzione in Polonia. Tra 20 giorni verrà presentato il piano industriale. Nel frattempo, però, da lunedì verranno attivati gli ammortizzatori sociali necessari […]

Continua a Leggere...

Ex Golden Lady, le grossolane ‘sviste’ del Ministero

La riconversione della ex Golden Lady di Gissi in Silda è fallita, lo sappiamo bene: lo scorso 12 luglio i 160 dipendenti sono stati licenziati. E dalla superficialità con la quale il Ministero dello Sviluppo Economico sta gestendo la vertenza, traspare lo scarso interesse delle istituzioni. Pubblichiamo l’articolo di Antonino Dolce, giornalista de iltrigno.it, sui […]

Continua a Leggere...

Almaviva riparte da qui: reintegrati 632 lavoratori

Il 30 maggio il call center Almaviva ha applicato in tutte le sue sedi i contratti di solidarietà. Abbiamo pubblicato i dettagli di questo accordo in “Il durissimo accordo di Almaviva“. Lo scorso 1 maggio a Roma Marina Chimenti era salita sul palco a leggere una lettera indossando la maglia de L’Isola dei cassintegrati. Ora […]

Continua a Leggere...

Il durissimo accordo del call center Almaviva

Abbiamo seguito passo dopo passo la vertenza del call center Almaviva: dagli ‘esuberi a blocchi’, al flashmob, alla lettera a Napolitano pubblicata su L’isola a cui il Presidente ha risposto, poi Marina sul palco del 1 Maggio con la maglietta del blog. Qui trovate tutti gli articoli. Il 30 maggio è stato firmato un accordo […]

Continua a Leggere...

Richard Ginori, iniziano i colloqui per tornare al lavoro

Lo scorso 18 maggio i lavoratori della Richard Ginori, dopo mesi di proteste, hanno firmato l’accordo con Gucci che permetterà a 230 lavoratori su 300 di tornare al lavoro. I restanti 70 lavoratori sono stati licenziati, e oggi affrontano i primi colloqui per tornare al lavoro. La lotta della Ginori è figlia dei nostri tempi: […]

Continua a Leggere...

Ex Golden Lady, a un anno dalla riconversione il progetto è già fallito

Sono due anni che questi lavoratori oscillano tra gli ammortizzatori sociali e la disoccupazione, in seguito alla chiusura dello stabilimento Golden Lady di Gissi. Poi dopo la tanto attesa riconversione opera di due aziende tessili, a Natale sono stati licenziati nuovamente. Una riconversione fallita, che è durata appena un paio di mesi. Esattamente un anno fa i lavoratori […]

Continua a Leggere...

Diario Agile-Eutelia: Il ministero rimanda al prossimo governo

Oggi 12.12.12, dopo 10 mesi e 10 giorni da quel 2.2.12 in cui venne firmato l’accordo per la gestione degli espulsi dal lavoro di Agile, finalmente il Ministero dello Sviluppo Economico – dopo aver ospitato negli ultimi mesi le manifestazioni dei lavoratori in tutt’Italia – ha convocato le parti (commissari straordinari di Agile, sindacati, Regioni, TBS) […]

Continua a Leggere...

VIDEOdiario Rockwool: il Sulcis, la miniera e la rabbia

Solo due giorni fa – prima dei pesanti scontri delle manifestazioni a Roma, Torino e Milano – nel Sulcis i ministri Barca e Passera erano costretti a lasciare l’incontro sulla crisi del territorio a bordo di un elicottero (guarda il VIDEO della loro fuga), per via della tensione di operai e minatori che manifestavano contro un incontro deludente. […]

Continua a Leggere...