Almaviva

Post recenti

Abbiamo detto sì al lavoro precario, saltuario, sottopagato

Non posso fare regali ai miei nipoti. Non avrò mai una pensione perché su 20 anni di lavoro 14 sono stati da precaria.

Continua a Leggere...

Lo sciopero significa non poter sfamare i propri figli

Sciopero e corteo partecipatissimi per Almaviva di Palermo, mercoledì 29. Eppure ognuno dei dipendenti ha perso una giornata di lavoro dalla busta paga già ridotta alla fame nell’accordo del 30 maggio scorso. Ormai scioperare è diventato un lusso.   Sembrava tutto risolto in Almaviva dopo la firma dell’accordo dello scorso 30 maggio, che ha introdotto i […]

Continua a Leggere...

Almaviva riparte da qui: reintegrati 632 lavoratori

Il 30 maggio il call center Almaviva ha applicato in tutte le sue sedi i contratti di solidarietà. Abbiamo pubblicato i dettagli di questo accordo in “Il durissimo accordo di Almaviva“. Lo scorso 1 maggio a Roma Marina Chimenti era salita sul palco a leggere una lettera indossando la maglia de L’Isola dei cassintegrati. Ora […]

Continua a Leggere...

Il durissimo accordo del call center Almaviva

Abbiamo seguito passo dopo passo la vertenza del call center Almaviva: dagli ‘esuberi a blocchi’, al flashmob, alla lettera a Napolitano pubblicata su L’isola a cui il Presidente ha risposto, poi Marina sul palco del 1 Maggio con la maglietta del blog. Qui trovate tutti gli articoli. Il 30 maggio è stato firmato un accordo […]

Continua a Leggere...

Lavoratori dei Call Center uniti contro la delocalizzazione

I lavoratori dei call center di Almaviva Contact sabato scorso hanno organizzato un flashmob in contemporanea a Catania in piazza Università, a Palermo in piazza Politeama, a Napoli in piazza del Plebiscito, e a Roma al centro commerciale Cinecittà 2, per dire NO alla delocalizzazione che distrugge il settore e le vite dei lavoratori (qui potete leggere i dettagli). L’isola dei cassintegrati ha intervistato i lavoratori […]

Continua a Leggere...

Almaviva Contact, lettera aperta a Giorgio Napolitano

I lavoratori Almaviva Contact di Catania, Palermo, Roma e Napoli annunciano un flashmob, il 6 aprile,  per protestare contro le delocalizzazioni che danneggiano il settore del call center. E da Catania parte la lettera-appello di due lavoratori, Stefano Zappalà e Isabella Cassibba, diretta al Presidente della Repubblica. “Ill.mo Signor Presidente della Repubblica a scriverle sono i lavoratori […]

Continua a Leggere...

Call Center: flashmob in 4 città contro la delocalizzazione

I lavoratori Almaviva Contact di Catania, Palermo, Roma e Napoli annunciano un flashmob per protestare contro le delocalizzazioni che danneggiano il settore del call center. L’appuntamento è per il 6 aprile alle 18:00, sono invitati a partecipare tutti i lavoratori del settore che risiedono in una di queste città. [Conferma su Facebook: CATANIA – PALERMO […]

Continua a Leggere...

La tecnica degli esuberi ‘a blocchi’ di Almaviva

Pubblichiamo il comunicato dei Cobas Almaviva Contact di Roma (tutti i dettagli sulla vertenza qui). Cinque mesi fa i Cobas lanciavano un allarme: la società avrebbe messo in piedi un’operazione di esuberi ‘a blocchi’, per evitare una protesta unita delle diverse sedi. Il tempo ha dato loro ragione e adesso i dipendenti della sede di Via Lamaro […]

Continua a Leggere...

Almaviva, 4.000 lavoratori siciliani col fiato sospeso

Non è la prima volta che il nome Almaviva Contact compare tra le pagine di questo blog: da mesi seguiamo, infatti, la vertenza dei 632 lavoratori di Roma a rischio cassa integrazione. Oggi dalla capitale ci spostiamo al sud, in Sicilia, dove sono circa 4.000 i lavoratori con il fiato sospeso: 900 esuberi all’orizzonte e […]

Continua a Leggere...

Lavoratori Almaviva: cercasi Sindacato, astenersi perditempo

Abbandonata dal Sindacato, prosegue la vertenza dei 632 lavoratori Almaviva di Roma, sospesi dal lavoro e a rischio cassa integrazione straordinaria. Noi dell’Isola dei cassintegrati li abbiamo seguiti quando sono andati Mostra del Cinema di Roma, mesi fa, per sfilare il proprio malcontento assieme ad altri lavoratori provenienti da tutta Italia. E quando una loro delegazione è riuscita ad […]

Continua a Leggere...