Claudia Sarritzu

Post recenti

Mario, Elsa e quelle lacrime italiane

Il Ministro Fornero ha pianto perché sotto scacco del Pdl, perché impossibilitata a fare diversamente, perché costretta da un veto sulla manovra a dover fare e poi dire – lei – ad alta voce, davanti agli italiani, dopo averci posto la firma su quel provvedimento che le costerà un giudizio storico pesantissimo, che un pensionato nella fascia […]

Continua a Leggere...

Giornalisti precari, dimenticatevi Lilli Gruber

Questo 7 e 8 ottobre a Firenze la due giorni di protesta al precariato dei giornalisti “Libera stampa, liberi tutti”, un fenomeno ben raccontato nell’ultima puntata di Presa Diretta, “Generazione Sfruttata” (sopra il video), e altrettanto ignorato dalla stampa.  Cinqueuronetti è una rete di giornalisti freelance abruzzesi, e il nome la dice tutta sulla loro […]

Continua a Leggere...

TELEPERFORMANCE. “Saltavo la dialisi per lavorare”

Dopo la storia di Silvia, mamma in esubero, continua la saga dei lavoratori Teleperformance. La storia di Agostino mi ha toccata profondamente perché è bella come possono essere le storie forti, dure e spesso tristi di chi affronta con dignità e coraggio la vita di tutti i giorni. Raccontaci la tua esperienza in azienda. Ho […]

Continua a Leggere...

TELEPERFOMANCE: “Sono diventata mamma e in esubero”

Quando Silvia mi ha raccontato la sua storia ho avuto un déjà vu. Laureata con curricula più che discreto, intrappolata poi in un call center, come la protagonista del primo libro di Michela Murgia, ripiego temporaneo in un primo momento, fonte primaria di sostentamento che poi diviene lavoro a Teleperformance Taranto dal 2007, prima con […]

Continua a Leggere...

Ottocentomila

Sono 800.000 le mamme italiane che hanno perso il proprio impiego a causa della gravidanza, lo dice l’ISTAT. Ecco un altro spaccato dell’Italia che non ci piace, quella con cui dovremmo fare i conti per risolvere un problema, che è chiaramente non solo delle donne, ma di tutto il Paese. Che in questo momento avrebbe bisogno […]

Continua a Leggere...

Thyssen: quegli applausi inopportuni di Confindustria

Gli ispettori del lavoro appaiono sempre come personaggi pericolosi. In un Italia sotto ricatto come quella che ci troviamo a vivere oggi, per molti, che ormai accettano qualsiasi condizione di sfruttamento pur di lavorare, sono percepiti come i responsabili della chiusura di cantieri, aziende, stabili e così via. Invece sono le anime salvatrici di un […]

Continua a Leggere...

Marianna Madia e le sue “Storie di un’Italia che lavora”

Marianna Madìa è nata nel 1980, e la sua data di   nascita è già bandiera, un tesserino di riconoscimento, che la fa entrare nella categoria “giovane italiana” ergo precaria. Ma Marianna Madia, laureata in Scienze Politiche a La Sapienza di Roma con una tesi sulla teoria economica del mercato del lavoro tra regolazione e sindacato, […]

Continua a Leggere...

Laureata in… Isola dei cassintegrati!

Una giovane studentessa, Iris Soma, classe 1985, si è laureata in Scienze Politiche alcuni giorni fa scegliendo il nostro blog come caso di studio per la sua tesi di Sociologia delle Reti. Per noi tutti questa è una grande soddisfazione, un riconoscimento ulteriore del lavoro svolto fino ad ora, che giunge proprio pochi giorni dopo […]

Continua a Leggere...

Saras: morire dentro una culla, senza colpe

La Saras ha perso 4 uomini in due anni, non è una partita di pallone, nessuno è stato venduto o è infortunato. Bruno Muntoni di 56 anni, Daniele Melis di 30 anni, Gigi Solinas di 26 anni e Pierpaolo Pulvirenti di 25, sono deceduti respirando idrogeno solforato. Se non lavori in un petrolchimico forse non […]

Continua a Leggere...

Il nostro tempo è adesso

Con il termine precariato si intende, generalmente, la condizione di quelle persone che vivono, involontariamente, in una situazione lavorativa che rileva contemporaneamente due fattori di insicurezza: 1. mancanza di continuità del rapporto di lavoro e certezza sul futuro; 2. mancanza di un reddito adeguato su cui poter contare per pianificare la propria vita presente e […]

Continua a Leggere...