esodati

Post recenti

Esodati a Fornero: “Vogliamo un Osservatorio”

È stato firmato ieri dal Premier Monti e il Ministro Fornero il decreto per tutelare gli esodati, coloro che sono rimasti senza pensione per via della riforma. Purtroppo il decreto riguarda solo 65.000 esodati, quelli inizialmente contemplati dal Governo, mentre per le rimanenti migliaia (l’Inps non ha ancora capito quanti siano, per Cgil e Pd […]

Continua a Leggere...

Esodati postali: “Mastrapasqua, intervenga subito”

Pubblichiamo la lettera che Beppe Zani – postino esodato che cerca sul suo blog di informare sul tema – assieme a due ex colleghi, ha scritto al direttore dell’Inps Mastrapasqua, di cui la Camusso ha chiesto le dimissioni, sul problema delle ricongiunzioni onerose. Passando dal vecchio ente previdenziale postale Ipost all’Inps qualcosa è andato storto: […]

Continua a Leggere...

Ora licenziano anche alle Poste

«Se entri alle Poste sei sistemato», si diceva una volta. Perchè chi aveva la fortuna di venire assunto si aggiudicava un posto dall’altra parte del muro, quello che separava i lavoratori garantiti dai non garantiti. Il paradiso del lavoro dipendente, questo erano le Poste, da sempre roccaforte della Cisl. Questo, una volta. Adesso ci sono le […]

Continua a Leggere...

Sono fallite 11.600 imprese nel 2011

Nel 2011 ben 11.615 aziende hanno chiuso i battenti per fallimento, un dato mai toccato in questi ultimi 4 anni di grave crisi economica. Un record che ci segnala la difficoltà delle imprese italiane per tirare avanti, soprattutto quelle di piccole dimensioni che, come ricorda la CGIA, continuano a rimanere il motore occupazionale ed economico del Paese. La […]

Continua a Leggere...

350.000 esodati: il Governo ha sbagliato i conti

Il Governo avrebbe sbagliato i calcoli sul numero degli esodati (coloro che perdono pensione e stipendio) secondo questo articolo pubblicato oggi sul Corriere della Sera. Il governo aveva calcolato un numero oscillante fra i 50 e i 70mila lavoratori intorno ai 60 anni, non riassumibili, che rischiavano di trovarsi entro breve senza più lavoro e […]

Continua a Leggere...