licenziamento

Post recenti

Tutti licenziati: i dimenticati Vinyls presi in giro dalla politica

Con in mano una lettera di licenziamento collettivo, dopo cinque anni di lotta, Alessandro Gabanotto, cassintegrato della Vinyls di Porto Marghera, ci scrive: “Tante promesse non mantenute, tante prese in giro istituzionali… e adesso abbiamo ricevuto la lettera di licenziamento collettivo da parte della nostra azienda: la Vinyls Italia, unico produttore nazionale di PVC, con […]

Continua a Leggere...

Elena, scrittrice e cassintegrata: ‘Ho ritrovato la mia libertà’

Pochi giorni fa Elena Torresani ci ha scritto su facebook: dopo aver lavorato per tanti anni, rinunciando al sogno di scrivere, dopo aver provato a lottare per il lavoro, ora si ritrova in cassa integrazione. E si è ricostruita una vita: ha appena pubblicato un libro, ed è solo l’inizio.  Sono cassintegrata da quattro giorni […]

Continua a Leggere...

Teledurruti con i postini precari delle ‘Truppe d’appalto’

“Il marchese Fulvio Abbate dichiara che la bandiera rossa e nera di Teledurruti in questo momento sventola dalla parte di questi lavoratori!” Il marchese Fulvio Abbate su Teledurruti parla delle Truppe d’appalto, i lavoratori dell’appalto postale orfani del lavoro nell’ingiusto silenzio del mondo. Avevamo parlato di loro già cinque mesi fa nella nostra inchiesta per l’Espresso “Ora licenziano […]

Continua a Leggere...

Il primo licenziamento ‘made in Fornero’

È passato appena un mese e mezzo da quel 18 Luglio in cui la Riforma del Lavoro è diventata legge. Un mese e mezzo, e ora arriva (senza le vacanze sarebbe successo prima) il primo caso di licenziamento per “motivi economici” destinato a fare scuola e costituire precedente. È quello che afferma Giorgio Serao, della segreteria […]

Continua a Leggere...

Quando l’ANPI licenziò @Tigella perché incinta

In Italia sono ben 800.000 le donne che almeno una volta nella vita sono state costrette a lasciare il lavoro perché incinta (dati ISTAT). Alcuni pensano che una cosa del genere non possa capitare a qualcuno di talento, e conosciuto. Il messaggio sotto – copiato da un post su precarie.com del 19 Luglio 2007 – dimostra […]

Continua a Leggere...

Lavoratori Jabil: “Cari colleghi, il futuro è nostro!”

Su L’isola dei cassintegrati la seconda lettera-testimonianza di Anna Lisa Minutillo, che da oltre 5 mesi porta avanti coi suoi colleghi un presidio permanente davanti ai cancelli dell’azienda a tutela del posto di lavoro. Stiamo parlando della Jabil che quattro anni fa ha rilevato i lavoratori da Nokia (il mandante di questa situazione scomoda e pesante).  Forse sono io ad avere […]

Continua a Leggere...

Tutti in presidio con Golden Lady!

Siamo a Gissi, in provincia di Chieti, negli stabilimenti della Golden Lady: una “dama” che ha perso ormai tutto il suo fascino, come potete intuire guardando la vignetta di Manuel de Carli. Stiamo parlando di quasi 400 posti di lavoro persi, buttati via, quasi 400 famiglie in più che dovranno fare sacrifici per arrivare a […]

Continua a Leggere...

Anna Lisa e il suo Natale in presidio alla Jabil ex-Nokia

Pubblichiamo la lettera-testimonianza di Anna Lisa Minutillo, che da oltre 5 mesi porta avanti coi suoi colleghi un presidio permanente davanti ai cancelli dell’azienda a tutela del posto di lavoro. Stiamo parlando della Jabil che quattro anni fa ha rilevato i lavoratori da Nokia (il mandante di questa situazione scomoda e pesante).  Non abbiamo intenzione di arrenderci a questa mattanza che […]

Continua a Leggere...

FIAT Melfi, processo agli operai. Siamo innocenti

La settimana scorsa si è svolta, al tribunale di Potenza, l’udienza che vede la Fiat contrapposta a Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, i tre operai di Melfi licenziati da Fiat in seguito ad uno sciopero e reintegrati dal giudice del lavoro. Il processo è stato aggiornato a martedì prossimo e la Fiat, che […]

Continua a Leggere...

FIAT: minacce e avvertimenti per i 3 di Melfi

Continua la rubrica in collaborazione con i tre operai FIAT di Melfi, simbolo delle lotte dei lavoratori uin Italia. I tre, che  vennero licenziati e poi riassunti senza poter lavorare a causa degli scioperi, ma durante una intervista ci svelano elementi inediti che fanno pensare che il loro sia stato un licenziamento politico (Leggi la prima intervista). Pubblichiamo […]

Continua a Leggere...