manifestazione

Post recenti

Operai Alcoa in tenda davanti al ministero

La fabbrica sarda di alluminio Alcoa ha chiuso a gennaio di quest’anno Oggi l’incontro al Ministero per la vendita a Klesch, ma le trattative sono ferme da mesi Il presidente della Regione Ugo Cappellacci non si è presentato Che cos’è il tanto sbandierato “Piano Sulcis”? Poco più di un pezzo di carta L’INUTILE “PIANO SULCIS” […]

Continua a Leggere...

Terra di Lavoro tra orgoglio e Gomorra

La vicenda dei quasi 1500 esuberi del gruppo Indesit è stata raccontata in più articoli da L’isola dei Cassintegrati. In sintesi, l’azienda ha deciso di delocalizzare parte della produzione in Polonia, Turchia e Russia, in particolare quella delle lavatrici. I motivi sono quelli noti che abbiamo imparato a conoscere bene in questi anni: abbattere i […]

Continua a Leggere...

E la Fiom è ormai un partito

Reddito di cittadinanza, lotta all’evasione fiscale, il referendum sulla scuola pubblica a Bologna. Questi i temi della manifestazione Fiom del 18 maggio a Roma. Queste le battaglie portate avanti negli ultimi mesi dal leader Maurizio Landini. E se è vero che più importante della meta è il cammino viene da chiedersi perché il cammino solitario […]

Continua a Leggere...

Diario Agile-Eutelia: Il ministero rimanda al prossimo governo

Oggi 12.12.12, dopo 10 mesi e 10 giorni da quel 2.2.12 in cui venne firmato l’accordo per la gestione degli espulsi dal lavoro di Agile, finalmente il Ministero dello Sviluppo Economico – dopo aver ospitato negli ultimi mesi le manifestazioni dei lavoratori in tutt’Italia – ha convocato le parti (commissari straordinari di Agile, sindacati, Regioni, TBS) […]

Continua a Leggere...

Alcoa, tra strumentalizzazioni e prese in giro

Brutte notizie per i lavoratori Alcoa: pare che la volontà dell’azienda sia quella di contravvenire all’accordo preso lunedì a Roma e procedere allo spegnimento immediato. Due sindacalisti hanno occupato il silos presidiato alla base dagli operai. Francesca Panzica, che è stata assieme a loro durante la grande manifestazione di Roma, ci racconta la sua testimonianza. […]

Continua a Leggere...

“E se domani bloccassimo le Poste?”

Abbiamo parlato con Nicola, lavoratore della Stac Italia, una società che opera nelle attività di gestione e manutenzione di impianti tecnologici automatizzati e telecomunicazioni, che ci ha raccontato la sua storia di sopravvivenza lavorativa. “Siamo quasi 400 tecnici in tutta Italia, ci occupiamo della lavorazione meccanizzata delle lettere: avviamo i macchinari per lo smistamento della […]

Continua a Leggere...

Fincantieri vuole chiudere… e Passera?

Fincantieri dettaglia gli esuberi cantiere per cantiere, ma le caselle di Sestri e Castellamare le ha lasciate in bianco… Non ha avuto il coraggio di scrivere un numero che corrisponde a tutti gli occupati? O si aspetta che sia il Ministero dello Sviluppo Economico a riempire quelle caselle? C’è poco da fare, Fincantieri ha deciso di […]

Continua a Leggere...

A Roma i Pastori Sardi non hanno diritti

Pubblichiamo il resoconto della giornata romana dei Pastori Sardi, a cui è stato tolto il diritto di manifestare, in modo razzista e illegale. Roma – 29 novembre 2011. Il cielo su Roma regala ampie sensazioni, sembra che ogni cosa sia colorata di bianco e di azzurro, mentre un’aria di ghiaccio ci accoglie, sbiancando i volti […]

Continua a Leggere...

Studenti in piazza: la precarietà ci unisce ai lavoratori

Intervista a Mariano Di Palma, leader dell’Unione degli studenti, tra i promotori della manifestazione nazionale degli studenti del 7 ottobre, hanno partecipato anche alla giornata del 15 a Roma.  Chi siete e cosa fate voi dell’Unione degli studenti?Siamo un’associazione studentesca nata nel 1994. Abbiamo un’ispirazione sindacale. Ciò significa che costruiamo nelle scuole e fuori da […]

Continua a Leggere...

Fincantieri, fabbrica occupata. Parlano gli operai

I lavoratori Fincantieri di Sestri Ponente (Genova) si aspettavano una semplice cosa dall’incontro di ieri al Ministero dello Sviluppo Economico: lavoro. Purtroppo, dai primi messaggi arrivati dalla delegazione scesa a Roma, si capisce che l’incontro è stato il solito film stravisto di promesse e rinvii (al 9 novembre). Immediatamente esplode la rabbia dei 400 lavoratori, […]

Continua a Leggere...