morti bianche

Post recenti

Perché continuiamo a morire di lavoro in Italia

Le statistiche fotografano un Paese in cui si continua a perdere la vita nei cantieri e nelle fabbriche. E la battaglia per la sicurezza sembra interessare solo ai familiari delle vittime e a pochi altri. L’inchiesta di Michele Azzu per l’Espresso. “Stato… Stato… giustizia…”, dice così il padre di una delle vittime del rogo alla Thyssen di […]

Continua a Leggere...

Strage sul lavoro: quei morti che le statistiche ufficiali non vedono

Dall’inizio dell’anno sono 446 le morti per infortuni sui luoghi di lavoro. Oltre 910 se si aggiungono i lavoratori che hanno perso la vita sulle strade e in itinere. Sono i dati dell’Osservatorio Indipendente di Bologna sulle morti sul lavoro, che denuncia l’incompletezza delle statistiche ufficiali.  Un’autentica carneficina, che smentisce i numeri delle statistiche ufficiali. L’Osservatorio […]

Continua a Leggere...

Lettera al padre morto sul lavoro: “I candidati rispondano”

Morti sul lavoro: quale momento migliore per tirare fuori dal cassetto questo dramma italiano, se non durante la campagna elettorale? Eppure nessuno ne parla, nonostante sia in corso una procedura d’infrazione della Commissione Europea contro l’Italia, carente in materia di sicurezza. Abbiamo realizzato in passato due inchieste sul tema: “Morti sul lavoro, le cifre vere” […]

Continua a Leggere...

Morti sul lavoro, quanto vale la loro vita?

«Più giovane muori sul lavoro, meno vale la tua vita», è questa la conclusione di Graziella Marota sul dramma italiano delle morti sul lavoro. Graziella nel 2006 ha ricevuto al Quirinale l’onoreficenza di “Cavaliere del lavoro”. Suo figlio Andrea Gagliardoni aveva 23 anni quando morì in fabbrica a causa di un macchinario non a norma. […]

Continua a Leggere...

Morti sul lavoro, le cifre vere

«Non chiamatele morti bianche», dice Marco Bazzoni, operaio metalmeccanico di Firenze, riferendosi alle morti sul lavoro. «Fa pensare che non ci siano colpevoli, che sia una cosa pulita, e non è mai così». Marco, come Carlo Soricelli che ha creato l’Osservatorio Indipendente morti sul lavoro, ha lottato tutta la vita per la sicurezza sul lavoro. […]

Continua a Leggere...

Perché sono morti gli operai

«Come un castello di carta», dice Erminio. «E’ venuto giù come un castello di carta». Erminio Veronesi, della Fiom di Modena, ha assistito al crollo della Meta, azienda meccanica di San Felice sul Panaro dove martedì sono morti due operai e un ingegnere. Uno dei tanti capannoni che non ci sono più: se andate sui luoghi […]

Continua a Leggere...

Chiuse circa 4.000 aziende

Venerdi 25 maggio – dopo la prima scossa, prima della seconda – si sono ritrovati in Regione Emilia Romagna enti locali, sindacati, Confcommercio, Coldiretti e Confindustria, per fare il punto della situazione sui danni del terremoto del 20 maggio. E’ stato firmato un Protocollo d’Intesa che prevede ammortizzatori sociali, ordinari e in deroga, per far ripartire le […]

Continua a Leggere...

Operai morti nel terremoto: il filo conduttore

Dei sette morti nel terremoto del ferrarese quattro sono operai. I capannoni crollati sono tre: la ceramica Sant’Agostino, poco lontano la Tecopress, poi la Ursa a Bondeno. Mentre la procura apre il fascicolo sul crollo dei capannoni diventa inevitabile interrogarsi sulla sicurezza di questi prefabbricati. Ma il giorno dopo le morti, e finché non si […]

Continua a Leggere...

Saras e Moratti: una batcaverna non basta NOMINATION

Ricordate la notizia di qualche settimana fa, quella secondo cui Moratti Junior –  figlio di Letizia e manager della Saras di proprietà della dinastia Moratti – si sarebbe fatto costruire, in pieno abuso edilizio, una casa su copia della batcaverna? Con tanto di ponti levatoi e botole, poligono di tiro e ring per la boxe […]

Continua a Leggere...

Saras: morire dentro una culla, senza colpe

La Saras ha perso 4 uomini in due anni, non è una partita di pallone, nessuno è stato venduto o è infortunato. Bruno Muntoni di 56 anni, Daniele Melis di 30 anni, Gigi Solinas di 26 anni e Pierpaolo Pulvirenti di 25, sono deceduti respirando idrogeno solforato. Se non lavori in un petrolchimico forse non […]

Continua a Leggere...