napoli

Post recenti

Riprendersi il sindacato dei giornalisti campani: è il momento

Fra qualche giorno il sindacato dei giornalisti della Campania non esisterà più, dopo circa un secolo di storia. Era nato nel 1912 come “Unione dei giornalisti napoletani” e nel 1954 divenuto “Associazione napoletana della stampa”. Pubblichiamo l’appello di Ciro Pellegrino. Il sindacato dei giornalisti della Campania è morto. L’ho appreso lo scorso 13 dicembre, quando sono stato convocato – […]

Continua a Leggere...

Lavoratori dei Call Center uniti contro la delocalizzazione

I lavoratori dei call center di Almaviva Contact sabato scorso hanno organizzato un flashmob in contemporanea a Catania in piazza Università, a Palermo in piazza Politeama, a Napoli in piazza del Plebiscito, e a Roma al centro commerciale Cinecittà 2, per dire NO alla delocalizzazione che distrugge il settore e le vite dei lavoratori (qui potete leggere i dettagli). L’isola dei cassintegrati ha intervistato i lavoratori […]

Continua a Leggere...

Almaviva Contact, lettera aperta a Giorgio Napolitano

I lavoratori Almaviva Contact di Catania, Palermo, Roma e Napoli annunciano un flashmob, il 6 aprile,  per protestare contro le delocalizzazioni che danneggiano il settore del call center. E da Catania parte la lettera-appello di due lavoratori, Stefano Zappalà e Isabella Cassibba, diretta al Presidente della Repubblica. “Ill.mo Signor Presidente della Repubblica a scriverle sono i lavoratori […]

Continua a Leggere...

Call Center: flashmob in 4 città contro la delocalizzazione

I lavoratori Almaviva Contact di Catania, Palermo, Roma e Napoli annunciano un flashmob per protestare contro le delocalizzazioni che danneggiano il settore del call center. L’appuntamento è per il 6 aprile alle 18:00, sono invitati a partecipare tutti i lavoratori del settore che risiedono in una di queste città. [Conferma su Facebook: CATANIA – PALERMO […]

Continua a Leggere...

Non sono una signora, il ‘piucheprefetto’ e il prete

Anche chiamare “signora” una donna nello svolgimento del suo lavoro – sia essa un prefetto o un medico – può essere una violenza. Nei giorni in cui riemerge il dibattito sulla discriminazione femminile, ecco il pensiero di Silvia Bencivelli, giornalista: “Ho visto un video. C’erano un prefetto e un prete. Lo confesso subito: si tratta […]

Continua a Leggere...

Diari Agile-Eutelia: Primo giorno di presidio al ministero

Cadigia Perini, RSU Fiom Agile di Ivrea, scrive e ci invia il diario del presidio al Ministero dello Sviluppo Economico, per l’accordo di cessione a TBS e gestione esuberi. Questo è il diario di lunedì 23 gennaio: Domenica sera: dalle sedi più lontane da Roma ci prepariamo a partire, chi in pullman, chi in treno, chi […]

Continua a Leggere...

Lunedì 23 gennaio: il giorno della verità per Agile

Lunedì 23 gennaio sarà una giornata decisiva per Agile. Al mattino le parti sociali incontrano al Ministero dello Sviluppo Economico la TBS, per la chiusura della procedura di cessione e al pomeriggio si svolgerà l’incontro con le Regioni per la discussione dei piani regionali per il ricollocamento degli esuberi. Per sindacati e lavoratori l’obiettivo della […]

Continua a Leggere...

EUTELIA: vince Della Francesca. AGILE: perdono i lavoratori

Dopo l’annuncio di fine dicembre dell’assegnazione del bando di vendita di Agile alla triestina Tbs, finalmente è uscito anche il nome di chi si prenderà Eutelia. Nessuna sorpresa, si tratta della ormai nota cordata Piero della Francesca guidata da Mark De Simone di Cloud Italia. Cloud Italia con De Simone in primo piano è dal […]

Continua a Leggere...

Agile-Eutelia, finalmente noto il compratore

Alla fine, a tre mesi dalla chiusura del bando di vendita, abbiamo il nome del compratore e il piano di cessione. Drammatico, ma l’abbiamo. Rimangono in piedi quattro sedi, Ivrea, Milano, Roma e Bari, ma con poco più di 200 lavoratori nel 2012 su un totale di 1350. Scompaiono sette: Torino, Bologna, Padova, Firenze, Napoli, Avellino, Rende […]

Continua a Leggere...

Fincantieri vuole chiudere… e Passera?

Fincantieri dettaglia gli esuberi cantiere per cantiere, ma le caselle di Sestri e Castellamare le ha lasciate in bianco… Non ha avuto il coraggio di scrivere un numero che corrisponde a tutti gli occupati? O si aspetta che sia il Ministero dello Sviluppo Economico a riempire quelle caselle? C’è poco da fare, Fincantieri ha deciso di […]

Continua a Leggere...