Emmanuel Macron ha distrutto il governo francese con le sue riforme?

WLa gallina Emmanuel Macron Ha perso la maggioranza parlamentare alle elezioni legislative del giugno 2022, il che avrebbe sempre reso difficile il suo secondo mandato come presidente francese. Quanto è stato rivelato il 16 marzo. Nonostante i frenetici sforzi dell’ultimo minuto, il suo governo non è riuscito a garantire i voti necessari per far passare la riforma delle pensioni attraverso il normale processo parlamentare. Invece, ha invocato l’articolo 49.3 della costituzione, che gli consente di forzare la riforma senza un referendum, ma con il rischio di innescare una crisi politica.

Fino alla fine, Macron e il suo primo ministro, Elisabeth Borne, hanno sperato di mettere insieme abbastanza voti per approvare la loro riforma, che avrebbe innalzato l’età minima legale per il pensionamento da 62 a 64 anni. La legislazione è stata ritardata di mesi per cercare di creare un compromesso tra i partiti. Macron non sarebbe mai stato costretto NUPES, la Coalizione di Sinistra o la destra nazional-populista di Marine Le Pen lo sosterrebbero. Ma alla fine i voti non sono arrivati ​​nemmeno dai repubblicani di centrodestra, anche se loro stessi hanno alzato l’età pensionabile francese mentre erano in carica.

L’applicazione dell’articolo 49.3 è insolita, ma non senza precedenti. Sotto il primo ministro socialista Michel Rogarde, che ha diretto un governo di minoranza dal 1988 al 1991, è stato utilizzato 28 volte. Questa disposizione consente al governo di imporre la propria sopravvivenza attraverso la legislazione. L’opposizione ha ora 24 ore per presentare una mozione di sfiducia che potrebbe far cadere il governo. La Le Pen ha già detto che lo farà. Una mozione di sfiducia deve essere sostenuta da 289 voti su 577 per passare.

READ  Il Manchester City ha battuto l'Inter 1-0 in un'emozionante finale a Istanbul e ha vinto la Champions League per la prima volta.

Numericamente, l’opposizione ha dei numeri. La vittoria annullerebbe la riforma delle pensioni, provocherebbe le dimissioni di Borne e (se non automaticamente) costringerebbe Macron a sciogliere il parlamento e a tenere nuove elezioni parlamentari, a meno di un anno dall’inizio del mandato quinquennale dell’attuale Assemblea nazionale.

Tuttavia, date le fazioni rivali contro il partito di Macron, potrebbe essere difficile per entrambi i gruppi politici sostenere la proposta dell’altro. Eric Ciotti, il leader del Partito Repubblicano, afferma che non presenterà il proprio né voterà per il governo. Altri nel suo partito potrebbero pensare diversamente. Il voto si terrà nei prossimi giorni, probabilmente il 20 marzo. A meno che non venga favorita una mozione trasversale, il governo può tecnicamente sopravvivere.

Il problema di Macron è che è politicamente danneggiato. I leader sindacali minacciano un nuovo round di scioperi e proteste nei prossimi giorni. Le strade di Parigi sono disseminate di immondizia non raccolta. Folle di manifestanti si sono radunate nella capitale il giorno in cui la signora Borne ha annunciato la sua decisione ai legislatori ribelli, che hanno chiesto a Macron di abbandonare il piano e rispettare la volontà del popolo. I sondaggi mostrano costantemente che la maggioranza dei francesi è fermamente contraria all’innalzamento dell’età pensionabile.

È difficile vedere una buona conclusione da questo pasticcio. Macron potrebbe provare a trovare nuove ispirazioni cambiando il suo primo ministro. Ma senza portare avanti il ​​suo programma di riforme, sarà difficile riportare l’ordine nel Paese a breve termine. Quando lo scorso giugno gli elettori si sono rifiutati di concedere la maggioranza parlamentare a un presidente rieletto, alcuni speravano che avrebbe contribuito a creare una cultura politica consensuale in Francia. Finora, sembra aver fatto il contrario.

READ  Dylan Mulvaney la mette sotto i riflettori per averla abbandonata a una folla di destra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *