Fox Dominion risolve una causa per frode elettorale negli Stati Uniti per 787,5 milioni di dollari

  • Il CEO di Dominion definisce “storica” ​​la risoluzione della causa del 2021
  • Fox ha detto di voler evitare una “indagine controversa”
  • Dopo la selezione della giuria, l’accordo è stato annunciato all’undicesima ora

WILMINGTON, Delaware, 18 aprile (Reuters) – Fox Corp (FOXA.O) e Fox News martedì hanno risolto una causa per diffamazione intentata da Dominion Voting Systems per 787,5 milioni di dollari, scongiurando un processo che avrebbe messo nel mirino una delle principali società di media del mondo . Copertura delle accuse di falsa frode elettorale nelle elezioni statunitensi del 2020.

L’accordo, che secondo gli esperti legali è stato il più grande mai raggiunto da una società di media americana, è stato annunciato all’undicesima ora da entrambe le parti e dal giudice del caso.

La giuria era stata selezionata all’inizio della giornata e il processo era stato fissato per le dichiarazioni di apertura a Wilmington, nel Delaware. Dominion ha chiesto $ 1,6 miliardi di danni in una causa intentata nel 2021.

Il CEO di Dominion, John Poulos, ha definito l’insediamento “storico”.

“Fox ha ammesso di aver mentito su Dominion che ha causato gravi danni alla mia azienda, ai nostri dipendenti e ai nostri clienti”, ha dichiarato Poulos in una nota.

“I resoconti veritieri nei media sono vitali per la nostra democrazia”, ​​ha detto Poulos.

In questione nel caso era se Fox fosse responsabile della diffusione di false affermazioni secondo cui le macchine per il conteggio dei voti di Dominion con sede a Denver sarebbero state utilizzate per truccare le elezioni presidenziali a favore del democratico Joe Biden rispetto all’allora presidente repubblicano Donald Trump.

L’accordo di martedì ha liberato Fox dal rischio di chiamare alcune delle sue figure più note sul banco dei testimoni, tra cui il presidente Rupert Murdoch, 92 anni, e i dirigenti che servono come presidente della Fox Corp.. In onda ospita Tucker Carlson, Sean Hannity e Jeanine Brough.

READ  La "masterclass" di Holiday aiuta C a ottenere la coraggiosa vittoria in Gara 3 sui Cavs

Alle 16:30 ET, il conduttore della Fox Neil Goudow è entrato nel suo programma di notizie “Your World” per riferire sull’accordo. La dichiarazione di Fox è stata letta in onda.

“Siamo lieti di aver raggiunto una soluzione alla nostra controversia con Dominion Polling Systems”, afferma la dichiarazione. “Siamo d’accordo con le sentenze del tribunale che hanno ritenuto false alcune affermazioni su Dominion. Questo accordo riflette il continuo impegno di FOX verso elevati standard giornalistici. Riteniamo che la nostra decisione di risolvere amichevolmente questa controversia con Dominion, piuttosto che un processo divisivo, consenta al paese di andare avanti da questi problemi”.

Fox ha miliardi in contanti

Le azioni di Fox Corp sono state leggermente superiori a $ 34 per azione, ma sono scese dell’1% nelle negoziazioni fuori orario dopo il rilascio dell’importo della liquidazione. Fox ha denaro da saldare. Ha impegnato 3 miliardi di dollari per riacquistare azioni nel primo trimestre dopo che gli utili hanno superato le stime. Il CEO di Fox Corp, Lachlan Murdoch, ha detto agli analisti di Wall Street a febbraio che la società aveva circa 4 miliardi di dollari in contanti.

Gli avvocati di Dominion hanno rifiutato di rispondere alle domande sul fatto che Fox News avrebbe rilasciato scuse pubbliche o apportato modifiche.

Fox News è la rete di notizie via cavo americana più seguita.

READ  Sottomarino turistico Titanic: l'operazione di ricerca è stata spostata dopo aver sentito il rumore

L’accordo di 787,5 milioni di dollari è il più grande pagato per risolvere un caso di diffamazione dei media statunitensi, ha affermato Richard Toffel, preside di Gallatin Advisory. Il precedente pagamento più grande è arrivato nel 2017, quando Walt Disney Co. ha pagato 177 milioni di dollari, oltre ai recuperi assicurativi, per risolvere la causa per diffamazione “pink slime” di Beef Products Inc contro la rete ABC.

Dominion ha citato in giudizio Fox Corp. e Fox News, sostenendo che la sua attività è stata rovinata da false affermazioni di brogli elettorali trasmesse dal notiziario noto per il suo elenco di commentatori conservatori. Come affermato da Dominion e negato da Fox, il test era se la copertura di Fox oltrepassasse il confine tra giornalismo etico e ricerca di ascolti. Fox si è ritratto come un difensore della libertà di stampa nella situazione di stallo preliminare.

Il giudice della Corte Superiore del Delaware, Eric Davis, che ha ascoltato il caso, ha aggiornato l’udienza per un giorno lunedì. Fox ha continuato i colloqui di risoluzione, hanno detto due fonti a conoscenza della questione. Martedì Davis ha ritardato l’udienza perché sembrava che le due parti avessero concluso l’accordo in privato.

La domanda principale per i giurati sarà se Fox diffonda consapevolmente informazioni false o ignori la verità, lo standard di “effettiva malizia” che Dominion deve mostrare per vincere una causa per diffamazione.

Nelle dichiarazioni del tribunale di febbraio, Dominion ha citato comunicazioni interne in cui Murdoch e altri dirigenti della Fox hanno riconosciuto privatamente che le affermazioni di brogli elettorali di Dominion erano false. Dominion ha affermato che Fox ha gonfiato le false affermazioni per aumentare i suoi ascolti e impedire al suo pubblico di migrare verso altri media rivali sulla destra.

READ  Le azioni di GameStop guadagnano oltre il 60% mentre il mercato azionario dei meme ritorna con una vendetta

Un altro caso è pendente

In aggiunta ai rischi legali per Fox, un’altra società statunitense di tecnologia di voto, Smartmatic, ha intentato una causa per diffamazione presso il tribunale dello stato di New York chiedendo un risarcimento di 2,7 miliardi di dollari.

“Per molti querelanti, un’udienza in tribunale e l’ammissione di falsità da parte dell’imputato sono più importanti dei danni monetari effettivi”, ha affermato Mary-Rose Papandrea, professoressa di diritto costituzionale presso la School of Law dell’Università della Carolina del Nord.

Fox ha precedentemente affermato che le affermazioni fatte da Trump e dai suoi avvocati sulle elezioni sono di natura degna di nota e protette dal Primo emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti. Davis ha stabilito a marzo che Fox non poteva usare quegli argomenti come difesa che la sua copertura era falsa, diffamatoria e non protetta dal Primo Emendamento.

La causa cita casi in cui i soci di Trump, i suoi ex avvocati Rudolph Giuliani e Sidney Powell, sono apparsi su Fox News per fare false accuse.

Murdoch ha descritto le affermazioni di frode elettorale come “davvero folli” e “dannose”, ma ha rifiutato di usare la sua autorità editoriale per bloccarle e ha ammesso sotto giuramento che alcuni conduttori della Fox avevano “sostenuto” le affermazioni infondate, che Dominion ha presentato in tribunale. .

Interrogato dall’avvocato di Dominion, Murdoch ha testimoniato che pensava che tutto ciò che riguardava le elezioni fosse “esagerato” e sospettava fin dall’inizio denunce di frode, secondo il deposito di Dominion.

Alla domanda se avrebbe potuto intervenire per impedire a Giuliani di continuare a diffondere false notizie in onda, Murdoch ha risposto: “Potrei. Ma non l’ho fatto”, ha detto il deposito.

Reportage di Helen Koster a Wilmington e Jack Quinn a New York; Montaggio di Will Dunham

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *