Germania: Iran arrestato con l’accusa di complotto di attacco chimico

BERLINO (AP) – Un uomo iraniano di 32 anni è detenuto in Germania perché sospettato di aver pianificato un attacco con sostanze chimiche mortali, hanno detto le autorità domenica.

L’uomo e un altro uomo sono stati arrestati durante la notte nella città di Castrop-Raxel, a nord-ovest di Dortmund, hanno detto la polizia e i pubblici ministeri.

In un comunicato congiunto, l’uomo è sospettato di aver architettato un grave attentato ispirato all’estremismo islamico, per il quale avrebbe cercato di procurarsi i potenti veleni cianuro e ricina.

Specialisti che indossavano tute anti-inquinamento sono stati visti portare prove fuori dalla casa dell’uomo.

Un portavoce dei pubblici ministeri di Dusseldorf ha successivamente affermato che un test iniziale del composto non aveva trovato sostanze tossiche, ha riferito l’agenzia di stampa tedesca Dpa.

Non è stato immediatamente chiaro quanto fossero avanzati i piani per l’attacco e se il sospettato avesse scelto un obiettivo specifico.

La Dpa ha citato Herbert Reul, il massimo funzionario della sicurezza nello stato del Nord Reno-Westfalia, secondo cui le autorità hanno ricevuto “una seria soffiata che ha portato all’intervento della polizia quella stessa notte”.

Il quotidiano scandalistico Bild ha riferito che la soffiata sul presunto complotto proveniva da un’agenzia di intelligence amichevole.

Citando un anonimo funzionario della sicurezza tedesco, non vi era alcuna indicazione che il sospetto agisse per conto dello stato iraniano, ma piuttosto sosteneva un gruppo estremista sunnita. I sunniti sono una religione minoritaria in Iran.

Il massimo funzionario della sicurezza tedesca ha ringraziato la polizia e gli esperti dell’agenzia di controllo delle malattie del paese per aver preso parte al test.

READ  Scandalo di corruzione in Ucraina: gli Stati Uniti giurano di "monitoraggio rigoroso" degli aiuti

“I nostri servizi di sicurezza prendono molto sul serio qualsiasi informazione sulle minacce terroristiche islamiche e agiscono di conseguenza”, ha dichiarato il ministro dell’Interno Nancy Fasser in una dichiarazione, aggiungendo che 21 attacchi islamisti sono stati prevenuti in Germania dall’inizio del secolo.

Fesser ha sottolineato l’importanza della cooperazione internazionale nella lotta alle minacce terroristiche e ha affermato che ulteriori indagini dei pubblici ministeri di Düsseldorf mostreranno se i sospetti che hanno spinto l’azione della polizia sono giustificati.

Cinque anni fa, la polizia tedesca ha arrestato un uomo tunisino e sua moglie con l’accusa di aver pianificato un attacco di ricina in nome del gruppo dello Stato islamico. Successivamente sono stati giudicati colpevoli e condannato rispettivamente a 10 e otto anni di carcere.

Anche piccole quantità di ricina, prodotte dai semi delle piante di olio di ricino, possono uccidere un adulto se mangiate, iniettate o inalate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *