Gli ibridi sono molto popolari, ma fanno bene all’ambiente? : NATIONAL PUBLIC RADIO, RADIO PUBBLICA

Toyota ha lanciato la nuova Prius il 16 novembre 2022 a Tokyo. Un quarto di secolo dopo che la Toyota ha introdotto la Prius, gli ibridi rimangono popolari tra gli acquirenti.

Kazuhiro Nogi/AFP tramite Getty Images


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Kazuhiro Nogi/AFP tramite Getty Images

Toyota ha lanciato la nuova Prius il 16 novembre 2022 a Tokyo. Un quarto di secolo dopo che la Toyota ha introdotto la Prius, gli ibridi rimangono popolari tra gli acquirenti.

Kazuhiro Nogi/AFP tramite Getty Images

Un quarto di secolo fa, la Toyota lanciò un veicolo rivoluzionario: la Prius.

La Prius è stata la prima di una nuova classe di automobili che ha unito un motore elettrico a un motore a benzina per aumentare notevolmente il risparmio di carburante e ridurre le emissioni.

Oggi, i veicoli ibridi sono apprezzati da molti conducenti e continuano a essere popolari in un segmento di veicoli in crescita. E sta emergendo una nuova rivoluzione, con le case automobilistiche che investono miliardi di dollari in veicoli completamente elettrici che non usano il gas.

Gli acquirenti di auto preferiscono ancora gli ibridi perché possono risparmiare sul gas e ridurre la loro impronta di carbonio senza preoccuparsi dell’autonomia o dover ricaricare a casa.

Ma anche se gli ibridi entrano nel mainstream, stanno perdendo trazione tra i loro entusiasti originali: gli ambientalisti.

Molti dicono che è tempo che gli ibridi svaniscano nella storia; Nella migliore delle ipotesi sono un diversivo e nella peggiore una distrazione nella lotta al cambiamento climatico.

“Stiamo affrontando una crisi climatica in questo momento e dobbiamo ridurre completamente la nostra dipendenza dalle auto a combustibili fossili”, afferma Catherine Garcia, che dirige la campagna Clean Transportation for All del Sierra Club.

Ecco cosa devi sapere sul dibattito ambientale sugli ibridi.

Gli ibridi sono una scelta popolare tra gli acquirenti

Gli ibridi potrebbero non ottenere tanto ronzio quanto i veicoli elettrici, ma stanno volando via dal lotto della concessionaria.

Prendi Steve Bond, che stava controllando alcuni degli ibridi in mostra al Washington DC Auto Show il mese scorso. “Penso che sia ora di passare direttamente dalla benzina a un modello ibrido per un migliore chilometraggio”, ha detto, spiegando perché pensava che la Toyota Highlander ibrida sarebbe stata il suo prossimo veicolo.

Ha pensato a un veicolo elettrico, ma la mancanza di caricabatterie veloci per i viaggi a lunga distanza gli impedisce di acquistarne uno oggi, dice.

READ  Kevin McCarthy ha promesso di rimanere in corsa per il presidente della Camera degli Stati Uniti in mezzo a una feroce opposizione

Ha riassunto la sua visione dei veicoli elettrici in quattro parole: “Sì, ma non ancora”.

Allo show Subaru, Carla Grenell ha affermato che è più probabile che acquisti un ibrido piuttosto che un veicolo elettrico.

“Se potessi collegarlo a casa mia, lo farei”, ha detto. Ma come abitante di città non ne è sicura Potere Addebiti a casa – Non molte persone possono.

Michael Krebs, analista capo di Cox Automotive, afferma che queste preoccupazioni sono comuni. Di conseguenza, gli ibridi sono più popolari tra gli acquirenti rispetto ai veicoli completamente elettrici.

“Circa l’11% degli acquirenti di auto nuove guarda ai veicoli elettrici”, afferma. “Circa il 20% degli acquirenti di auto nuove acquista ibridi”.

Le cifre di vendita effettive per entrambi i tipi di veicoli sono basse in quanto non ci sono abbastanza veicoli per soddisfare la domanda. Ma lo shopping calcola che molte persone preferiscono gli ibridi, se riescono a metterli tra le mani.

Ora ci sono molte più opzioni ibride

Inizialmente, la Prius dominava il mercato degli ibridi. Ma oggi gli ibridi si sono moltiplicati, con opzioni in quasi tutti i segmenti, e Toyota e altre case automobilistiche continuano a investire in essi.

I veicoli più piccoli come la Prius hanno persino ricevuto una riprogettazione ben accolta. (Esempio di citazione della recensione: “Non possiamo credere che stiamo scrivendo questo in una recensione della Prius, ma – la nuova Prius…divertente Guidare!” ) e sono ancora 57 miglia per gallone

Toyota ha presentato un’altra versione della Prius al North American International Auto Show del gennaio 2000 a Detroit. La Toyota Prius, introdotta per la prima volta in Giappone nel 1997, è stata il primo veicolo ibrido benzina/elettrico per il mercato di massa al mondo.

Daniel Lippitt/AFP tramite Getty Images


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Daniel Lippitt/AFP tramite Getty Images

Toyota ha presentato un’altra versione della Prius al North American International Auto Show del gennaio 2000 a Detroit. La Toyota Prius, introdotta per la prima volta in Giappone nel 1997, è stata il primo veicolo ibrido benzina/elettrico per il mercato di massa al mondo.

Daniel Lippitt/AFP tramite Getty Images

Ma i SUV vendono più delle piccole auto in tutto il mercato, compresi gli ibridi. Il crossover ibrido RAV-4 di Toyota (41 miglia al gallone) e il SUV ibrido Highlander (36 mpg) hanno battuto la Prius l’anno scorso.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Kia, Hyundai e Honda offrono tutti SUV ibridi di varie dimensioni. Il minivan di Toyota, il Sienna, arriva solo come ibrido (36 mpg).

E poi ci sono i camioncini. Ford vende una versione ibrida del suo F-150 e il popolare Maverick, un pick-up compatto progettato per attrarre gli abitanti delle città che desiderano un camion, si presenta come un ibrido nella sua configurazione standard. Il Maverick ottiene circa 42 miglia per gallone.

Sul lato più sportivo dello spettro, Corvette ha introdotto il suo primo ibrido: l’E-Ray. la distanza in miglia del gas non è impressionante. Ma con un motore elettrico delle dimensioni di un caffè Folger tra le ruote anteriori, è la Corvette più veloce in grado di passare da zero a 60 in 2,5 secondi.

Ma gli ibridi sono buoni per il pianeta a questo punto?

Attualmente, nell’industria automobilistica si sta svolgendo un dibattito – tra aziende, sostenitori e regolatori governativi – sul fatto che gli ibridi stiano aiutando o danneggiando la lotta in corso contro il cambiamento climatico.

Francamente, un veicolo ibrido è migliore per il clima e la salute umana di un divoratore di benzina.

Ma mentre guardano al futuro, i sostenitori del clima non sottolineano più la necessità di rendere più efficienti le auto a gas. Vogliono ridurre il numero di viaggi in auto investendo nel trasporto pubblico ea piedi.

E vogliono che tutte le nuove auto in circolazione siano veicoli a emissioni zero, il che significa, attualmente, tutti i veicoli elettrici alimentati dalla rete elettrica verde. Una tale transizione presenta sfide difficili: dalla costruzione di veicoli all’ottenimento di minerali per batterie.

Garcia, con il Sierra Club, afferma che è importante portare a termine la transizione verso veicoli a emissioni zero il più rapidamente possibile. Le emissioni di carbonio vengono ritardate ogni anno a causa della maggiore durata dei veicoli su strada.

“Ogni anno avremo un’estensione dell’inquinamento da traffico”, dice. “La verità è che avremmo dovuto cambiare 20 anni fa.”

Questi sostenitori sostengono che tutto il denaro e il know-how ingegneristico investiti negli ibridi non andranno verso veicoli elettrici puri, rallentando la transizione.

Un attivista per il clima protesta durante lo sciopero per il clima “Silver for the Future” il 23 settembre 2022 a Chicago, Illinois.

Kamil Krsacinski/AFP tramite Getty Images


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Kamil Krsacinski/AFP tramite Getty Images

Toyota fa un caso ambientale per gli ibridi

Dall’altro lato del dibattito, c’è la Toyota.

Sebbene abbia rivoluzionato gli ibridi, la casa automobilistica giapponese è stata a lungo scettica nei confronti dei veicoli elettrici. Di conseguenza, è molto indietro rispetto ai suoi concorrenti nella corsa per portarli sul mercato.

Oggi, Toyota ha un nuovo CEO che è molto interessato ai veicoli completamente elettrici. Ma l’azienda continua a sostenere, a chiunque ascolti, che gli ibridi possono e devono essere una componente centrale nella lotta al cambiamento climatico.

“Penso che stiamo adottando un approccio pragmatico a questo”, ha affermato Cooper Erickson, vicepresidente senior di Toyota Motor North America per i veicoli elettrici a batteria.

Ha sottolineato che gli ibridi sono significativamente più economici dei veicoli elettrici da produrre e acquistare e non richiedono un caricabatterie. Un acquirente di auto può acquistare un veicolo ibrido invece di un tradizionale veicolo a gas senza modificare il suo comportamento di guida e venderlo facilmente.

Ma anche se tutti i conducenti sono assolutamente pronti a passare ai veicoli elettrici, Toyota sostiene che gli ibridi hanno ancora senso. Poiché le loro batterie sono così piccole, un’azienda può costruire molti più ibridi rispetto ai veicoli elettrici dalle stesse fonti di batterie.

In che modo le autorità di regolamentazione tratteranno gli ibridi?

La discussione sugli ibridi non è immaginaria. Le autorità di regolamentazione devono decidere se le loro politiche debbano passare ai veicoli elettrici il più rapidamente possibile o concentrarsi sulla promozione degli ibridi e del loro migliore chilometraggio del gas.

In Europa, California e molti altri stati, i politici hanno assunto una posizione più estrema, imponendo che tutte le nuove auto siano a emissioni zero entro il 2035. Ha bisogno di benzina per funzionare.

Per capire come sono cambiate le opinioni delle autorità di regolamentazione, considera ciò che Marco Ogin, ex direttore dell’Ufficio dei trasporti e della qualità dell’aria dell’EPA, ha parcheggiato nel suo vialetto.

Quando la Prius è uscita per la prima volta, era elettrizzata. “Sono stato uno dei primi acquirenti”, dice. “Ero eccitato perché ho avuto modo di parlare”.

In questi giorni, tuttavia, guida un veicolo completamente elettrico. E lei chiamando La sua vecchia agenzia stabilì standard automobilistici nazionali “ambiziosi” e accelerò la transizione da tutti i veicoli con serbatoi di benzina, comprese le Prius che prediligeva.

Gli ibridi potrebbero essere stati rivoluzionari una volta, ma Oke afferma che il suo problema con loro è semplice: funzionano ancora con combustibili fossili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *