I manifestanti preparano un ultimo disperato tentativo per fermare la revisione delle pensioni francesi

PARIGI, 6 giugno (Reuters) – I sindacati francesi hanno tenuto martedì il loro 14° giorno di proteste contro i piani del governo di innalzare l’età pensionabile a 64 anni, in quello che potrebbe essere un ultimo disperato tentativo di fare pressioni sui legislatori affinché abroghino la legge, che è già in vigore legge. Libri.

La decisione del presidente Emmanuel Macron di forzare la riforma con poteri costituzionali speciali ha suscitato rabbiose proteste questa primavera, ma la questione è salita lentamente nell’agenda dei media, rendendo più difficile la mobilitazione dei sindacati.

“Le proteste vanno avanti da sei mesi, il che non ha precedenti”, ha detto a BFM TV Sophie Binet, il nuovo leader del sindacato intransigente CGT. “C’è molta rabbia ma anche stanchezza”, ha detto, aggiungendo che gli scioperanti stanno risentendo della crisi in busta paga.

Tuttavia, Binet ha dichiarato martedì di essersi impegnato in un livello di mobilitazione “altissimo” e che il sindacato CGT è pronto a continuare la sua lotta contro la riforma nelle prossime settimane.

Macron, che ora gode di una spaventosa ripresa nei sondaggi, ha lanciato un blitz di pubbliche relazioni dopo l’approvazione della riforma, attraversando il Paese per affrontare la rabbia popolare e annunciare grandi investimenti nelle nuove tecnologie.

Si prevede che tra le 400.000 e le 600.000 persone prenderanno parte alle manifestazioni in tutta la Francia, rispetto a più di un milione che hanno preso parte alle marce al culmine delle proteste per la pensione all’inizio di quest’anno, hanno detto i funzionari.

I treni tra le città potrebbero subire “lievi interruzioni”, ha affermato la compagnia ferroviaria SNCF, mentre la rete metropolitana di Parigi gestirà un servizio normale. Tuttavia, un terzo dei voli dall’aeroporto di Parigi-Orly è stato cancellato.

READ  I lavoratori di Amazon se ne vanno in mezzo ai licenziamenti citando preoccupazioni per il clima

“Questo sarà uno degli ultimi giorni di proteste contro la riforma”, ha detto alla radio Europe 1 Laurent Berger, capo del sindacato più moderato CFDT.

La CFDT deve ora trasformare la sua rabbia contro le riforme in una “espressione di forza” in futuro con il governo su questioni come il miglioramento delle condizioni di lavoro e del potere d’acquisto, ha affermato.

I sindacati, che mantengono un raro fronte unito sull’episodio della pensione completa, stanno organizzando uno sciopero nazionale due giorni prima che un disegno di legge sostenuto dall’opposizione volto a eliminare l’aumento dell’età minima per la pensione venga rivisto dal parlamento.

Il provvedimento dovrebbe essere respinto dal presidente della Camera bassa, membro del partito di Macron, perché secondo la costituzione francese, i legislatori non possono emanare una legislazione che grava sulle finanze pubbliche senza misure per compensare tali costi.

Ma i sindacati ritengono che una grande folla di protesta potrebbe fare pressioni sui legislatori affinché riconsiderassero il disegno di legge e votassero comunque. Nel frattempo, i legislatori dell’opposizione affermano che il rifiuto del disegno di legge rinnoverebbe la rabbia pubblica, definendo tale mossa “antidemocratica”.

Macron, che afferma che la riforma è necessaria per colmare un enorme deficit, spera che le vacanze estive e il miglioramento dei numeri sull’inflazione aiutino il pubblico ad andare avanti.

La popolarità del presidente ha guadagnato quattro punti nel sondaggio Elabe di giugno e otto punti nel sondaggio YouGov, sebbene sia ancora indebolita del 30%.

Rapporto di Michael Rose; Segnalazione aggiuntiva di Dominique Vidalon, montaggio di Hugh Lawson e Sharon Singleton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  L'attività delle fabbriche cinesi rallenta ad aprile a causa dei deboli consumi globali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *