I picchetti WGA non si alzano immediatamente in caso di sciopero – scadenza

Esclusivo: Mentre la Writers Guild of America continua a negoziare con gli studi fino alla scadenza del loro attuale contratto il 1 maggio, sono in corso i preparativi per lo sciopero, ma Hollywood potrebbe non essere così veloce nel trovare picchetti come potresti pensare.

In effetti, fonti mi dicono che la WGA non terrà i suoi primi picchetti per le strade fino a “martedì pomeriggio”. Inoltre, la leadership della gilda sta pianificando un grande incontro il 3 maggio presso l’auditorium del paddock con una capacità di oltre 6.000 persone per spiegare ai membri perché stanno o meno stipulando un contratto con AMPTP.

Con l’atmosfera tesa che ora avvolge la città, la spiegazione per l’inizio ritardato del previsto dello sciopero WGA è più burocratica che effettivamente drammatica.

Come ogni grande organizzazione, la WGA ha delle procedure. E parte della procedura riguardante uno sciopero è che il WGA West Board e il WGA East Council devono formalmente approvare tale azione di sciopero. L’approvazione e la successiva implementazione potrebbero richiedere ore, quindi il picchettaggio inizierà nel pomeriggio del 2 maggio.

Se non si raggiunge un accordo con AMPTP per un nuovo contratto triennale, tecnicamente gli scrittori scioperano il 2 maggio alle 00:01. Con quasi il 98% dei mandati e dei cartelli per l’autorizzazione allo sciopero già stampati all’inizio di questo mese, la leadership della WGA è pronta a premere il pulsante dell’azione sindacale ogni volta che lo desidera.

Un fine settimana di colloqui “profondamente coinvolgenti” si è concluso oggi, come ha affermato un insider. Con l’obiettivo di riprendere domani, il team di negoziazione WGA guidato da Ellen Stutzman e i rappresentanti dello studio guidati da Carole Lombardini prevedono di tenere i colloqui fino a lunedì sera prima della scadenza del contratto.

READ  Poca suspense sul voto russo. Ciò che viene dopo è meno.

La WGA ha inviato domenica un sondaggio ai membri chiedendo dove vorrebbero picchettare in caso di sciopero.

“Mentre il team negoziale WGA continua a negoziare con l’AMPTP, con l’obiettivo di raggiungere un accordo equo entro domani, 1 maggio.S Con la scadenza del contratto, dobbiamo essere preparati per un possibile sciopero “, ha detto oggi la gilda in un promemoria con un sondaggio sui picchetti dei membri su quando e dove potrebbero partecipare ai picchetti. La più grande leva che apportiamo collettivamente a un’azione di sciopero è il ritorno del nostro lavoro. Il picchettaggio è una tattica importante per dimostrare che siamo tutti d’accordo e che fino a quando lo sciopero non sarà risolto, le cose non andranno come al solito.

“Uno sciopero è una situazione dinamica”, ha detto la gilda in una e-mail ai membri con un collegamento al sondaggio. “Pertanto, le posizioni e i turni dei picchetti potrebbero essere soggetti a modifiche. Se scioperiamo, i capitani WGA sono addestrati a guidare i picchetti e il personale WGA sarà sul posto per supportare le operazioni. In tale contesto, un sondaggio a scelta multipla chiede ai membri WGA domande come: In caso di sciopero, nell’area di Los Angeles, puoi picchettare?”

Afflitti da bassi residui, mancanza di dati in streaming, precarietà del lavoro e altro, gli scrittori stanno guadagnando meno soldi in generale nonostante il boom di spettacoli e contenuti su più piattaforme negli ultimi anni. Sebbene attualmente esistano approcci ampiamente divergenti su come le controversie dovrebbero essere risolte.

L’ultimo sciopero WGA è durato 100 giorni nel 2007-2008, molto prima che streamer come Netflix, Prime Video e AppleTV+ diventassero i protagonisti.

READ  La guardia costiera cinese ha sparato con i cannoni ad acqua una nave filippina pochi giorni dopo che gli Stati Uniti avevano appoggiato Manila nelle acque contese.

Se lo sciopero inizia dal 2 maggio, tutti i progetti per il grande schermo o il piccolo schermo che perfezionano o macinano stanze e sceneggiature degli scrittori verranno immediatamente interrotti. Inoltre, altre corporazioni e sindacati come DGA, IATSE e Teamsters possono rifiutarsi di attraversare i picchetti consentiti. In quest’epoca di rinnovata solidarietà sindacale una reazione è volata dentro e fuori le strade.

David Robb ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *