I tassi dei mutui stanno scendendo di nuovo, ma ci sono altri ostacoli per gli acquirenti di case

I tassi dei mutui sono scesi per la quarta settimana consecutiva, offrendo agli acquirenti di case un po’ più di conforto. Ma potrebbero essere necessari cali maggiori per compensare altre sfide che gli acquirenti devono affrontare questa primavera.

Il tasso medio su un mutuo fisso di 30 anni è sceso al 6,28% dal 6,32% della settimana precedente. Freddy Mac. I tassi sono scesi di circa mezzo punto nell’ultimo mese, riflettendo un calo dei rendimenti dei Treasury a 10 anni dall’inizio di marzo, prima innescato dalla crisi bancaria e poi sostenuto dai segnali di un possibile raffreddamento dell’inflazione.

Mentre la recessione allevia la pressione sugli acquirenti, la continua mancanza di inventario in vendita ostacola la possibilità di accaparrarsi una casa. I prezzi non sono scesi abbastanza da mantenere l’accessibilità economica degli alloggi per molti proprietari per elencare le loro case.

“L’accessibilità e la disponibilità di alloggi sono i maggiori ostacoli per gli acquirenti nel mercato odierno, sebbene entrambi siano guidati dai tassi dei mutui”, ha dichiarato a Yahoo Finance Jeff Tucker, economista senior di Zillow. “Molti proprietari di case non sono disposti a entrare in un mercato ristretto e costoso con la loro casa attuale e pagamenti mensili bassi”.

Nonostante i tassi bassi, gli acquirenti non acquistano o non possono farlo.

Secondo i dati per la settimana terminata il 31 marzo, il volume delle domande di mutuo per l’acquisto di case è diminuito del 4% su base destagionalizzata rispetto alla settimana precedente. Associazione dei banchieri ipotecari (MBA) L’attività è inferiore del 35% rispetto a un anno fa.

Le domande di acquisto di prestiti sostenuti dalla Federal Housing Administration and Veterans Affairs – popolari tra i nuovi acquirenti – sono diminuite la scorsa settimana.

READ  Biden ha celebrato il 2° anniversario il 6 gennaio assegnando 14 medaglie presidenziali

“Gli acquirenti a buon mercato sono i più colpiti”, ha dichiarato a Yahoo Finance Keith Cumbinger, vicepresidente del sito web di mutui HSH.com. 4,5% o addirittura 5%, ma si ferma al 6%.

Anche se i prezzi sono più bassi rispetto a un mese fa, questo è quasi dove sono adesso. Un altro grande deterrente per gli acquirenti è il numero ostinatamente basso di case in vendita, che sta contribuendo a far salire i prezzi.

“La primavera è arrivata, ma il mercato immobiliare non ha visto la solita esplosione di quotazioni e attività di acquisto che tipicamente segna la stagione”, ha detto in una nota Mike Fradantoni, capo economista di MBA.

Ad esempio, l’inventario invenduto a marzo era di 2,6 mesi di fornitura Dati pubblicati dall’Associazione Nazionale Agenti Immobiliari. Un mercato sano, dove né gli acquirenti né i venditori hanno il sopravvento, di solito ha un’offerta di 6 mesi.

Inoltre, questa settimana sono state immesse sul mercato solo 410.000 case unifamiliari, in calo di quasi l’1% rispetto alla settimana precedente. Ricerca Altos.

Un cartello in vendita davanti a una casa a Westwood, in California, martedì 6 ottobre 2020 (AP Photo/Steven Cheney)

Gran parte del problema dell’inventario è che i proprietari di case che in genere vendono sono scoraggiati a causa dei prezzi. Secondo Redfin, L’85% sono proprietari di case A settembre 2022, il rapporto era inferiore al 6%.

“Proprio come gli acquirenti comprano per un motivo, i venditori vendono per un motivo”, ha detto Cumbinger. “Certamente, un proprietario di casa è meno disposto a rinunciare a un tasso record per un mutuo se si sta spostando lateralmente o spostandosi. Sopra, quindi potrebbe far riflettere tutti.

READ  Joel Embiid di Sixers vince il premio NBA MVP 2023

I venditori che mettono la loro casa sul mercato sono riluttanti a offrire sconti poiché i prezzi scendono e le scorte scarseggiano, un’altra frustrazione per gli acquirenti. Per esempio, Ultimi dati Redfin Il prezzo medio richiesto ha continuato a salire da gennaio.

“Stiamo ricevendo di nuovo più offerte, nessuna offerta da parte dei venditori e gli acquirenti tornano alle aste”, ha detto in precedenza a Yahoo Finance la presidente di Real Estate Group Adriana Pereszica. “Con l’aumentare della concorrenza, i venditori se ne accorgono e sono meno disposti a negoziare”.

Rebecca è una giornalista per Yahoo Finance e in precedenza ha lavorato come stratega degli investimenti Dottore Commercialista Certificato (CPA).

Fai clic qui per le ultime notizie sulla finanza personale per aiutarti a investire, saldare i debiti, acquistare una casa, andare in pensione e altro ancora.

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finance

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *