Il finlandese Marin deve affrontare una dura candidatura per la rielezione alle elezioni nazionali

  • Il partito del premier Marin è ai ferri corti con l’opposizione
  • Leader del sondaggio, Alleanza Nazionale vuole tagliare la spesa pubblica
  • Anche il Partito nazionalista finlandese potrebbe vincere le elezioni
  • I risultati parziali sono attesi poco dopo la chiusura dei seggi alle 17:00 GMT

HELSINKI, 2 aprile (Reuters) – I finlandesi sono andati alle urne domenica in un’elezione parlamentare molto combattuta che potrebbe costare il potere al primo ministro di sinistra Sanna Marin tra le preoccupazioni degli elettori sul futuro di generosi servizi pubblici in una recessione economica.

Si ritiene che nessun partito abbia un vantaggio decisivo, ed è probabile che dopo le elezioni seguiranno lunghi colloqui di coalizione, anche se il partito che vincerà domenica sarà il primo tentativo di formare un governo.

Marin, 37 anni, è visto dai fan di tutto il mondo come un modello millenario per i nuovi leader progressisti ed è molto popolare tra molti finlandesi, in particolare i giovani moderati. Ma si oppone ad alcuni conservatori con spese per pensioni e istruzione che considerano irresponsabili.

La votazione inizia alle 9:00 (06:00 GMT) e termina alle 20:00 (17:00 GMT). I risultati parziali delle votazioni anticipate saranno presto pubblicati.

I sondaggi mostrano i socialdemocratici di Marin, il più grande partito nella coalizione di governo uscente, in una situazione di stallo con il partito di destra dell’Alleanza nazionale e il partito nazionalista dei finlandesi, con il trio che ottiene circa il 18,7-19,8% dei voti e fa affidamento su altri minori voti. I partiti formano il governo.

“Se vuoi una Finlandia aperta, pluralista ed equa, dove investi nell’istruzione e ti prendi cura dei servizi quotidiani delle persone, vota per l’SDP”, Marin ha fatto appello agli elettori in un video pubblicato su Twitter domenica.

READ  Janet Yellen ha criticato la gestione cinese delle società statunitensi

L’Alleanza Nazionale ha guidato le urne per quasi due anni, ma negli ultimi mesi il suo vantaggio si è dissolto. Da quando è entrato in carica nel 2019, Marin si è impegnato a contenere la spesa a oltre il 70% del PIL e ad arrestare l’aumento del debito pubblico.

Il gruppo accusa Marin di minare la resilienza economica della Finlandia in un momento in cui la crisi energetica dell’Europa, alimentata dalla guerra della Russia in Ucraina, ha colpito duramente il paese e aumentato il costo della vita.

Anche il partito finlandese chiede l’austerità, ma il suo leader, Riikka Purra, afferma che il suo obiettivo principale è ridurre l’immigrazione “dannosa” dai paesi in via di sviluppo al di fuori dell’UE.

“Spero che il primo ministro cambi”, ha detto l’esperta di comunicazione Susanna Isohani mentre esprimeva il suo voto all’Helsinki Art Museum. “Ma l’attuale governo ha gestito molto bene alcune cose. Ad esempio, la situazione della corona. Darei qualcosa come sette e mezzo su dieci, il che è altamente encomiabile”.

Adesione alla NATO

Il prossimo governo vedrà i primi giorni dell’adesione della Finlandia alla NATO. La più notevole delle azioni di politica estera di Marin da quando è entrato in carica nel 2019 è stata la sua spinta affinché il paese rivedesse una politica idrica cercando di aderire alla Western Security Alliance sulla scia di problemi di sicurezza, insieme al presidente Sauli Niinisto. L’invasione russa dell’Ucraina.

Tale processo è ora quasi completato e Helsinki dovrebbe aderire tra pochi giorni.

Circa 1,7 milioni di persone, ovvero il 40,5% degli aventi diritto al voto, avevano già votato durante il periodo di voto anticipato di una settimana che si è concluso martedì, secondo i dati del ministero della Giustizia.

READ  Kevin McCarthy lotta per assicurarsi la sua offerta per il relatore mentre vota

I socialdemocratici di Marin credono che la crescita economica aiuterà a controllare il debito pubblico e sono disposti a prendere in considerazione l’aumento delle tasse piuttosto che i tagli alla spesa se hanno bisogno di pareggiare le casse.

Tuttavia, la crescita economica auspicata dal suo partito non è stata immediata. L’economia finlandese, che ospita 5,5 milioni di persone, è sopravvissuta alla pandemia meglio della maggior parte dei paesi europei, ma la crescita è rallentata all’1,9% lo scorso anno e si prevede che il paese entrerà in una lieve recessione quest’anno, mentre l’inflazione è salita al 9,1%. In dicembre.

“Era come una rock star, ma era molto nervosa (durante i dibattiti)”, ha detto Matti Valonen, un ingegnere laureato in pensione, di Marin durante il suo voto nella capitale.

Reportage di Anne Kauranen, Essie Lehto e Attila Cesar a Helsinki Montaggio di Justina Pavlak, Frances Kerry e Philippa Fletcher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *