Il sospetto attacco di droni provoca un enorme incendio in un deposito di carburante nella Crimea occupata dai russi

(CNN) Un enorme incendio è scoppiato in un deposito di carburante nella città portuale della Crimea, occupata dai russi, dopo un sospetto attacco di droni. Sebastopoli.

Il governatore della città sostenuta dalla Russia, Mikhail Rasvosev, ha detto che quattro serbatoi di carburante sono stati colpiti ma nessuno è rimasto ferito.

“Il fuoco è duro… ci sono ancora molte ore di lavoro”, ha detto Rasvosev in un aggiornamento su Telegram.

Rasvosev ha affermato che l’incendio non influenzerà le forniture di carburante a Sebastopoli, aggiungendo che i vigili del fuoco stanno aiutando in tutta la Crimea e che la flotta russa del Mar Nero si unirà presto allo sforzo.

La Crimea è stata annessa illegalmente dalla Russia nel 2014 ed è riconosciuta a livello internazionale come parte dell’Ucraina.

Un importante porto per la flotta russa del Mar Nero e un’importante base navale, Sebastopoli ospita molti sospetti ucraini. attacchi. Lunedì, ha detto Razvozhaev Attacco di droni Sopra la città, uno di loro è stato distrutto e l’altro è esploso da solo.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha promesso di liberare tutte le parti del paese, compresa la penisola occupata.

Mentre strappare la Crimea al controllo russo può sembrare un’impresa impossibile, gli attacchi dell’Ucraina stanno rendendo le cose difficili per l’occupazione mentre combattono per il loro fronte orientale.

READ  L'indice di gradimento di Biden tocca un nuovo minimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *