Intervista a Oleksiy Danilov: controffensiva ucraina “pronta a iniziare”

  • Di James Lawndale
  • Corrispondente diplomatico

fonte dell’immagine, Belle foto

L’Ucraina è pronta a lanciare una tanto attesa controffensiva contro le forze russe, ha detto alla BBC un alto funzionario della difesa.

Oleksiy Danilov non ha specificato una data, ma ha affermato che l’offensiva per riconquistare il territorio dalle forze di occupazione del presidente Vladimir Putin inizierà “domani, dopodomani o tra una settimana”.

Ha avvertito che il governo ucraino “non aveva il diritto di sbagliare” in questa decisione, in quanto si trattava di “un’opportunità storica” ​​che “non possiamo permetterci di perdere”.

In qualità di segretario del Consiglio nazionale per la difesa e la sicurezza dell’Ucraina, Danilov è al centro del gabinetto di guerra de facto del presidente Volodymyr Zelensky.

La sua rara intervista alla BBC è stata interrotta da un messaggio telefonico del presidente Zelensky, che lo convocava a un incontro per discutere della controffensiva.

Danilov si è detto “assolutamente calmo” riguardo all’inizio del dispiegamento di armi nucleari da parte della Russia in Bielorussia: “Non è una novità per noi”.

L’Ucraina pianifica da mesi un contrattacco. Ma vuole più tempo possibile per addestrare truppe e ricevere equipaggiamento militare dagli alleati occidentali.

Il governo di Kiev deve mostrare al popolo ucraino – e ai suoi alleati occidentali – che può sfondare i confini russi, porre fine all’effettiva situazione di stallo militare e riconquistare parte del suo territorio sovrano.

Danilov ha affermato che le forze armate lanceranno un’offensiva quando i comandanti hanno calcolato che “possiamo ottenere il miglior risultato a quel punto della guerra”.

Alla domanda se le forze armate ucraine fossero pronte per un attacco, ha risposto: “Siamo sempre pronti. Eravamo pronti a difendere il nostro Paese in qualsiasi momento. Non era una questione di tempo.

“Dobbiamo capire che non possiamo perdere quell’opportunità storica che ci è stata data – da Dio – al nostro Paese, per poter diventare un grande Paese europeo veramente indipendente”.

Ha aggiunto: “Potrebbe succedere domani, dopodomani o tra una settimana.

“Sarebbe strano se citassi le date di inizio di quello o quegli eventi. Non si può fare…. Abbiamo un compito molto responsabile davanti al nostro paese. E comprendiamo che non abbiamo il diritto di commettere errori”.

fonte dell’immagine, Belle foto

didascalia dell’immagine,

Le truppe ucraine avevano trascorso mesi ad addestrarsi con attrezzature occidentali prima dell’attacco previsto

Danilov ha respinto i suggerimenti secondo cui una controffensiva era già iniziata, affermando che la “demolizione dei centri di controllo russi e delle attrezzature militari russe” era compito delle forze armate ucraine dal 24 febbraio dello scorso anno.

“Durante questa guerra non abbiamo vacanze.

Ha sostenuto per mesi la decisione dell’esercito ucraino di combattere a Bakmut, che è costata la vita a molti dei suoi soldati.

“Pakmut è la nostra terra, il nostro territorio, e dobbiamo proteggerlo”, ha detto. “Se iniziamo a lasciare ogni insediamento, questo potrebbe riportarci al nostro confine occidentale come voleva Putin fin dai primi giorni di guerra”.

“Controlliamo solo una piccola parte della città, lo ammettiamo. Ma devi ricordare che Bagmuth ha svolto un ruolo importante in questa guerra”, ha detto.

Alla domanda se i mercenari Wagner se ne stavano andando, ha risposto: “Sì, sta succedendo. Ma questo non significa che smetteranno di combatterci. Si concentreranno maggiormente su altri fronti… Si stanno riorganizzando al altre tre località”.

READ  Le azioni di PacWest sono scese con l'aggravarsi dei problemi bancari regionali statunitensi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *