La posizione di Feinstein fa temere che non tornerà al Senato

Tre persone che hanno visitato la senatrice o sono state informate sulle sue condizioni nelle ultime settimane affermano che la sua diagnosi ha avuto un impatto su di lei. Altri confidenti, tra cui due che hanno visto o parlato con il senatore, hanno sottolineato di essere ancora fiduciosi che possa scontare i circa due anni rimanenti del suo mandato. Ma nessuno degli uomini, che ha parlato a condizione di anonimato sulla delicata questione, ha indicato di ritenere di poterlo fare da Washington.

In una dichiarazione rilasciata mercoledì dopo che questa storia è stata pubblicata per la prima volta, Feinstein non ha identificato una data di ritorno prevista e ha detto che non avrebbe permesso al leader della maggioranza Charles E. Ha detto di aver chiesto a Schumer (DNY) di essere temporaneamente trasferito al comitato giudiziario. Appuntamenti di processo – Un’attività molto insolita.

“Capisco che la mia assenza ritarderà l’importante lavoro del Comitato giudiziario”, ha detto.

La democratica della California ha dichiarato di voler tornare a Washington “non appena il mio team medico mi dirà che è sicuro per me viaggiare” e ha ribadito che lavorerà da casa a San Francisco. “Quando mi è stato diagnosticato per la prima volta l’herpes zoster, mi aspettavo di tornare alla fine del trimestre di marzo. “Sfortunatamente, il mio ritorno a Washington è stato ritardato a causa di persistenti complicazioni associate alla mia diagnosi”, ha detto.

In precedenza, il portavoce di Feinstein, Adam Russell, aveva detto che non c’erano aggiornamenti sulla data prevista per il suo ritorno a Washington, anche se almeno un assistente del senatore aveva detto che stava “facendo buoni progressi nella sua guarigione”.

READ  Unilever scorpora Ben & Jerry's e taglia 7.500 posti di lavoro

La richiesta di Feinstein di una sostituzione temporanea nel comitato giudiziario riconosce che la sua assenza ha già costretto il suo partito a cambiare il modo in cui gestisce il Senato, dove i democratici non possono spostare le scelte giudiziarie del presidente Joe Biden senza il suo voto. E in California, la corsa per succedere a Feinstein è serrata grazie all’incertezza sul suo futuro e alle continue chiacchiere sul fatto che il governatore democratico Gavin Newsom sarà costretto a sconvolgere la corsa nominando il suo successore.

Il senatore, che ha vinto il suo primo seggio nella commissione giudiziaria del Senato nel 2020, è stato una presenza iconica nel partito tra le speculazioni sulla sua acutezza mentale, tacendo sulla sua posizione. Il suo staff è stato riluttante a discutere della sua salute, anche con altri membri della delegazione della California, secondo sei democratici che hanno familiarità con le conversazioni.

È una mossa delicata, resa ancora più dura dalla maggioranza di 51 voti dei Democratici al Senato. Le speculazioni sul futuro di Feinstein seguono la recente partenza del suo capo dello staff, David Granis, per un nuovo ruolo presso la Commissione sulla strategia di sicurezza nazionale. James Sauls, assistente di lunga data del Senate Intelligence Committee, è entrato nel ruolo di capo dello staff, secondo Russell.

La sua malattia ha impedito a Feinstein di votare in commissione giudiziaria per confermare i candidati di Biden alla panchina federale, bloccando di fatto quelle conferme per ora, una mossa che si è fatta sentire anche all’aula del Senato. La democratica della California ha perso quasi 60 voti dopo la sua diagnosi di fuoco di Sant’Antonio a metà febbraio.

READ  L'economia cinese è stata ostacolata dai blocchi di Covid lo scorso anno

Quella lunga assenza ha lasciato i Democratici con una maggioranza di 51-49 alla Camera, il Sen. John Fettermann (D-Pa.) è fuori trattamento per la depressione da settimane.

La vicepresidente Kamala Harris ha tagliato diversi legami per confermare le candidature giudiziarie alla corte, ma la sua assenza ha ritardato l’azione del comitato su diverse nomine. Ci sono attualmente 14 nomine giudiziarie pendenti che hanno avuto udienze ma non sono state votate dalla giuria.

“Sono curioso perché non posso avere un markup di nuovi candidati alla giustizia fino a quando non è lì”, ha detto Chen. Dick Turbina (D-Ill.), il partito n. 2 e il presidente della Commissione Giustizia del Senato hanno detto a POLITICO alla fine del mese scorso.

Durbin ha preso il primo seggio democratico nel pannello alla fine del 2020, e Feinstein in seguito ha corteggiato il GOP – e l’allora candidata alla Corte Suprema Amy Coney Barrett – dopo l’indignazione liberale.

Da allora, Feinstein ha subito pressioni da parte di alcuni colleghi democratici per porre fine alla sua carriera in sala alle sue condizioni. Proprio questa settimana, i liberali hanno ripreso a chiedere a gran voce che si dimettesse; Rappresentante Jamal Arciere (DN.Y.) ha ritwittato un post chiedendo il ritiro di Feinstein, anche se non è chiaro se la mossa abbia approvato tale posizione. Mercoledì, poco dopo la pubblicazione di questo articolo, Il rappresentante Ro Khanna della California ha fatto, così come il rappresentante Dean Phillips del Minnesota..

La donna più longeva nella storia del Senato ha dichiarato a febbraio che non avrebbe cercato un altro mandato, ma ha promesso di terminare il suo attuale mandato.

READ  Il caso di Stephen Smith è ora indagato come omicidio, ha detto una fonte vicina alle indagini.

Giorni dopo quell’annuncio, Shingles ha messo da parte Feinstein.

Con i rappresentanti di House Democratic, la corsa per sostituire i giganti politici della California è già affollata. Adam Schiff, Kate Porter E Barbara Lee Lotta per più di 30 anni di spazio libero. A complicare la loro crescente rivalità c’è l’impegno di Newsom nel 2021 di nominare una donna di colore al Senato se Feinstein si dimette.

Se mantiene quella promessa, metterà un dito su Lee – che, se nominato per scontare il resto del mandato di Feinstein, potrebbe candidarsi per un intero mandato con il beneficio del mandato del prossimo anno.

La California è uno dei 36 stati, tuttavia, che non potrebbe coordinare un’elezione del Senato con una primaria se un caucus si svolgesse troppo vicino a marzo 2024, hanno detto gli esperti.

Nicholas Wu, Sarah Ferris e Daniel Diaz hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *