La Russia uccide l’affare di grano del Mar Nero Cosa sta succedendo adesso? – Politica

Lunedì la Russia si è ritirata dalla Black Sea Grain Initiative, un accordo delle Nazioni Unite che ha reso possibile l’esportazione di decine di migliaia di tonnellate di cereali e semi oleosi in Ucraina lo scorso anno.

L’accordo è fondamentale per il flusso di cibo dall’Ucraina – un grande granaio – al resto del mondo. Ma la Russia aveva già effettivamente strangolato l’accordo prima di ucciderlo definitivamente, affermando che le sue esportazioni di cibo e fertilizzanti soffrivano di sanzioni occidentali “mascherate”.

Ecco come è andata a finire l’accordo e cosa potrebbe succedere dopo:

Che cos’era l’accordo sui cereali del Mar Nero e come funzionava?

Le Nazioni Unite e la Turchia hanno raggiunto un accordo un anno fa per consentire il passaggio sicuro delle esportazioni di grano ucraine attraverso il Mar Nero dopo che l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022 e il blocco dei suoi porti hanno interrotto le esportazioni.

Come previsto dall’accordo, è stato istituito un Centro di coordinamento congiunto per ispezionare le navi e monitorarne i movimenti. Tre porti ucraini sulla costa del Mar Nero erano coperti dal trattato: Odessa, Chernomorsk e Yuzhny.

Perché è importante?

In tempo di pace, l’Ucraina ha prodotto esportazioni alimentari sufficienti a sfamare 400 milioni di persone. Il paese, uno dei maggiori esportatori mondiali di grano e olio di girasole, spedisce circa 5 milioni di tonnellate di cereali e semi oleosi al mese attraverso i porti del Mar Nero.

Quando è sceso a zero in seguito all’invasione russa, gli agricoltori ucraini non hanno avuto un posto dove immagazzinare o vendere il loro raccolto eccezionale. L’impatto sulla sicurezza alimentare globale è stato immediato: gli importatori netti come l’Egitto e la Libia sono stati tagliati fino a due terzi delle loro forniture di grano, mentre altri paesi sono stati colpiti dall’impennata dei prezzi alimentari globali mentre i mercati hanno reagito.

READ  Notizie sulla guerra Russia-Ucraina: fughe di notizie dal Pentagono rivelano le sfide del contrattacco

L’iniziativa Black Sea Grains ha offerto un modo. Lo scorso ottobre, le esportazioni ucraine di cereali e semi oleosi attraverso il Mar Nero sono salite a 4,2 milioni di tonnellate. In totale, in base all’accordo sono state esportate circa 33 milioni di tonnellate, sostenendo gli agricoltori ucraini e aiutando a ridurre i prezzi alimentari globali.

Cos’è successo ora?

Tuttavia, la Russia si è ritirata dall’accordo, affermando che le Nazioni Unite e i paesi occidentali non hanno soddisfatto le sue richieste di continuare l’accordo.

Mentre le sanzioni occidentali fanno eccezioni per cibo e fertilizzanti, il Cremlino sostiene che le sanzioni contro individui russi e la sua banca agricola statale bloccano le sue stesse esportazioni, violando così un secondo accordo concordato lo scorso luglio in base al quale le Nazioni Unite – Periodo dell’anno.

Mosca ha ripetutamente minacciato di ritirarsi a meno che queste sanzioni non vengano revocate e la banca agricola statale non venga riammessa nel sistema di pagamento internazionale SWIFT.

Questa volta il Cremlino è rimasto impassibile. Mosca ha rifiutato un compromesso proposto dall’ONU e dall’UE per creare una nuova divisione all’interno della banca che avrebbe il permesso di effettuare transazioni legate al commercio di grano.

Cosa sta succedendo adesso?

Prima che la Russia si ritirasse definitivamente, la Black Sea Grain Initiative era più o meno in stallo. I numeri delle esportazioni sono diminuiti, con solo 1,3 milioni di tonnellate esportate a maggio. Nessuna nuova nave è stata registrata nell’ambito dell’iniziativa dalla fine di giugno.

Pertanto, il ritiro della Russia dal trattato non avrebbe lo stesso impatto della sua invasione su vasta scala nel febbraio 2022. L'”embargo de facto” della Russia sulle esportazioni ucraine indicava che i mercati delle materie prime si aspettavano che la Russia abbandonasse l’accordo.

READ  I documenti di Trump sondano la resa dei conti delle scintille alla corte d'appello

L’Ucraina ha un piano B?

L’Ucraina sta preparando un piano di riserva per uscire dalle sue esportazioni di grano senza un accordo. Fa parte di un fondo di garanzia di 500 milioni di dollari per coprire danni o costi sostenuti dalle navi che transitano nel Mar Nero e trasportano più grano attraverso il fiume Danubio in Europa.

Prima della guerra, attraverso questa rotta venivano esportate poche migliaia di tonnellate al mese. Nell’ultimo anno è salito a 2 milioni e c’è la possibilità di raddoppiare questo numero, secondo l’Associazione ucraina del grano.

Sebbene l’Ucraina possa continuare a esportare senza l’accordo sui cereali del Mar Nero, la fine non arriverà senza dolore. Gli agricoltori ucraini soffriranno. E poiché i costi logistici sono aumentati, potrebbero dover vendere con uno sconto, affermano gli analisti.

I paesi poveri moriranno di fame?

L’accordo sul grano del Mar Nero è al centro di una guerra di propaganda durata mesi tra Mosca e Kiev.

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato la scorsa settimana che solo il 3% delle esportazioni ucraine va verso i paesi poveri. Statistiche compilate dal database di spedizione Kpler Totalmente contraddittorio insistendo che

Tuttavia, qualsiasi calo delle forniture globali o volatilità nei mercati, per quanto piccolo, colpisce i paesi poveri che affrontano l’insicurezza alimentare. “Ora che questo accordo è fuori discussione, è ancora più urgente ripensare a come nutriamo il mondo”, ha affermato l’agenzia umanitaria Oxfam, sollecitando un maggiore sostegno per i piccoli agricoltori nei paesi che dipendono dalle importazioni di cibo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *