L’Arsenal porta il titolo ad Anfield: ecco le lezioni che il Liverpool deve imparare

Mentre l’Arsenal si preparava per la trasferta di Premier League ad Anfield negli ultimi istanti, l’allenatore Mikel Arteta ha compiuto l’insolito passo di far esplodere “Non cammini da solo” dagli altoparlanti posizionati intorno al campo mentre i suoi giocatori si allenavano.

Questo non ha funzionato. Ironia della sorte, è stato Arteta ad accendere davvero l’atmosfera durante uno scontro furioso con il numero avversario Jurgen Klopp sulla linea laterale dopo aver fatto eccezione a una sfida di Sadio Mane di Takehiro Tomiyatsu.

Dopo una mezz’ora tranquilla, il Liverpool è subito tornato in vita e ha battuto l’Arsenal 4-0 nel novembre 2021. La squadra di Klopp ha completato una doppietta in campionato contro i londinesi al Marguerite e li ha retrocessi tra quelle due partite. Bella azione nella fase semifinale della Carabao Cup.

C’erano 24 punti tra i club alla fine della scorsa stagione. Il Liverpool ha minacciato di tirare fuori una storica piazza pulita in tutte e quattro le competizioni con notevole coerenza su tutti i fronti, prima di fallire in modo straziante sia in Premier League che in Champions League.

Al contrario, l’Arsenal ha perso cinque delle ultime 10 partite di campionato per assicurarsi un piazzamento tra i primi quattro e la conseguente qualificazione alla Champions League, un senso di angoscia che i rivali storici del Tottenham hanno capitalizzato. Le loro battute d’arresto.

Tuttavia, dallo scorso maggio, ci sono state scosse.

L’Arsenal non solo ha colmato il divario, ma ha superato il Liverpool ed è scomparso in lontananza. Sono 29 punti di vantaggio sull’ottava squadra di Klopp in testa alla classifica e hanno conquistato il primo titolo di Premier League dal 2003-04. Nessuno riderà dei metodi di Arteta.

Probabilmente, un club che non è nemmeno arrivato tra i primi quattro dal 2015-16 ha avuto l’opportunità di rivendicare il più grande premio nazionale del gioco.

Sì, tutti i loro rivali hanno faticato in questa stagione, con persino il Manchester City non così forte come lo è stato negli ultimi anni. Ma l’Arsenal ha fissato uno standard incredibilmente alto in 9 partite per raggiungere 72 punti. Per il contesto, nella stessa fase di un anno fa, il Liverpool aveva segnato 70 contro il City da sfavorito.

READ  Miss Dean USA Umasophia Srivastava rassegna le dimissioni pochi giorni dopo le dimissioni di Miss USA

Qualunque cosa accada durante il rodaggio, ci sono lezioni dai rapidi progressi monitorati negli Emirati alla gerarchia di Anfield.

Tanto per cominciare, è la prova che non sei così lontano come a volte ti senti. Lo scorso aprile, l’allenatore ad interim Ralf Rangnick ha annunciato che il Manchester United era “sei anni” indietro rispetto al Liverpool. Il programma di questa mattina si fa beffe di quella previsione. Il terreno può cambiare rapidamente.

I critici hanno deriso la lealtà mostrata ad Arteta quando l’Arsenal è stato lusingato di imbrogliare, ma quella fiducia è stata ripagata nella sua terza stagione completa in carica. Il Liverpool ha un approccio simile alla stabilità e ha un piano a lungo termine sotto Jurgen Klopp.

L’Arsenal è un caso di studio su come può reclutare brillantemente senza grandi risorse, anche di fronte alla terribile situazione di operare al di fuori del prestigio e delle ricchezze della Champions League.

Ben White, Martin Odegaard e Aaron Ramsdale sono stati aggiunti alla squadra prima della scorsa stagione. Questa volta hanno aggiunto Gabriel Jesus e Oleksandr Zinchenko, seguiti da Leandro Trassart e Jorginho nella finestra di gennaio.

L’attività di trasferimento del Liverpool la scorsa estate non li ha aiutati. Darwin Nunez ha mostrato le sue indubbie capacità, ma Fabio Carvalho è stato sempre più favorito e la prima stagione di Calvin Ramsey è stata segnata da un infortunio. Lo sviluppo delle competenze richiede tempo e pazienza in un mondo che richiede sempre più risultati immediati. Basta guardare l’influenza del duo di 21 anni Gabriel Martinelli e Bucayo Saka sulla squadra dell’Arsenal ora.

Il sistema dei prestiti è stato abilmente utilizzato nel caso del giovane difensore francese William Saliba, che è entrato in campo in modo piuttosto impressionante da quando ha trascorso la scorsa stagione al Marsiglia.

READ  Le azioni restano a galla con il Dow in un'altra offerta a 40.000

Guarda il centrocampo dell’Arsenal: Granit Xhaka, Odegard e Thomas Partey. È stato risolto e dominato. Una miscela perfetta di seta e acciaio. Hanno 18 gol e 12 assist in Premier League.

Che dire di Fabinho, Jordan Henderson, Thiago, James Milner, Naby Keita, Curtis Jones, Harvey Elliott, Arthur Melo, Stefan Bajcetic e Alex Oxlade-Chamberlain? Un totale di tre gol e quattro assist. Un sacco di tagli e cambiamenti. Quindi poca energia, equilibrio e controllo.

I proprietari del Liverpool sanno di dover effettivamente acquistare un nuovo centrocampista in estate. Proprio come la sala macchine ha spinto l’Arsenal alla gloria, è stata al centro della regressione di questa stagione sotto Klopp. Sì, il Liverpool è spesso sembrato difensivo e sdentato in attacco, ma fornire un centrocampo funzionale, difesa e creatività cambia tutto.

Non puoi nemmeno trascurare la suddetta fortuna. A parte la prolungata assenza di Jesus, l’Arsenal ha ampiamente evitato una costosa battuta d’arresto per infortunio. Al contrario, il Liverpool ha sofferto più di chiunque altro. Luis Diaz, che ha subito un intervento chirurgico al ginocchio, non ha calciato un pallone da quando l’Arsenal ha interrotto una siccità di 605 minuti contro il Liverpool in tutte le competizioni dopo una controversa sconfitta per 3-2 all’Emirates a ottobre.

La differenza tra queste squadre è sottolineata dal fatto che nove giocatori di movimento dell’Arsenal hanno iniziato 20 o più partite nella massima serie in questa stagione: Martinelli, White, Sacha, Gabriel Magalhas, Xhaka, Odegaard, Saliba, Party e Zinchenko. Per il Liverpool solo cinque giocatori hanno raggiunto quella cifra: Mohamed Salah, Trent Alexander-Arnold, Fabinho, Andrew Robertson e Virgil van Dijk. La continuità aiuta sempre.

Arteta è stato spietato nel passare ai giocatori più anziani i cui giorni migliori sono alle spalle. Un ottimo esempio è Pierre-Emerick Aubameyang, che in precedenza era stato esonerato da capitano dallo spagnolo per problemi disciplinari.

READ  3 agenti di polizia di San Antonio accusati di omicidio dopo una sparatoria mortale

Al momento il Liverpool è in fase di transizione, con Klopp diviso tra una squadra e l’altra. Ha già rimodellato l’attacco negli ultimi 15 mesi con gli acquisti di Diaz, Nunez e Cody Kakpo. Ora l’attenzione si sposta su altri ambiti. Deve decidere chi sta avendo un brutto anno e chi è giù. Non c’è spazio per la fede cieca.

Mikel Arteta ha vinto l’ultima partita di Premier League dell’Arsenal ad Anfield nel settembre 2012 (Foto di Stuart Macfarlane/Arsenal FC via Getty Images)

C’è un dibattito tra i tifosi del Liverpool – quale scenario è più spiacevole – Arsenal o City per il grande premio?

Di certo nessun amore perso con il City. Per alcuni, vederli vincere il loro quinto titolo in sei stagioni sarà scoraggiante, soprattutto vista la rivalità e i cori sporchi che hanno rovinato la partita della scorsa settimana tra i due club all’Etihad. Per altri, sarebbe più facile ribaltare un trionfo della città poiché sarebbe quasi prevedibile, date le loro risorse, che aspetterebbero che rispondano a un elenco di accuse di presunte violazioni delle regole del fair play finanziario.

Pochi rimprovereranno l’Arsenal, che non ha raccolto un punto ad Anfield dal 2016, la loro prima vera sfida per il titolo e il fatto che Arteta sarà alla pari con Klopp sul numero di titoli della Premier League.

Il Liverpool ha dovuto lottare molto duramente per molto tempo per porre fine alla siccità del titolo. Dal 2004, l’Arsenal non ha subito una sconfitta in quei 30 anni.

Tuttavia, non si può discutere su come l’Arsenal abbia gestito la pressione e sia rimasto fedele al compito in questa stagione. Coltivare giovani talenti, trovare valore e qualità nel mercato dei trasferimenti, ignorare i rumori esterni, creare un’etica di squadra speciale, rimanere fedeli ai propri principi e sostenere un allenatore che crede in loro in modo innato.

Ora il Liverpool ha un terreno serio da coprire.

(Immagine in alto: Robin Jones/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *