L’attività delle fabbriche cinesi rallenta ad aprile a causa dei deboli consumi globali

L’attività manifatturiera cinese si è ridotta ad aprile, secondo i dati ufficiali, mentre la domanda globale di beni è rallentata, con i leader del Partito Comunista che hanno avvertito che la ripresa post-Covid nella seconda economia mondiale non aveva ancora raggiunto una solida base.

L’indice dei responsabili degli acquisti del Bureau for National Statistics è sceso a 49,2 punti rispetto ai 51,9 di marzo, scendendo al di sotto delle aspettative degli analisti di 51,4 in un sondaggio Reuters.

L’indice cinese dei responsabili degli acquisti non manifatturieri, che copre i settori dei servizi e delle costruzioni, era 56,4, in rialzo rispetto al 58,4 di marzo, ma mostrava ancora un’espansione da quando il presidente Xi Jinping ha posto fine alla politica zero-covid per frenare l’economia del paese a dicembre.

Una lettura superiore a 50 indica un’espansione rispetto al mese precedente, mentre una inferiore a 50 indica una contrazione.

“È un rapporto PMI misto e la ripresa post-Covid della Cina ha perso un po’ di vigore e ha continuato a chiedere sostegno politico”, ha affermato Zhou Hao, capo economista di Guotai Junan International, un broker con sede a Hong Kong.

In segno della ripresa economica della Cina rispetto allo scorso anno, i media statali hanno previsto circa 240 milioni di viaggi di passeggeri durante i cinque giorni di vacanza del Primo Maggio di questa settimana, più che nel 2019 prima della pandemia.

Ma mentre l’attività dei consumatori si sta riprendendo da una base bassa, altre parti dell’economia devono affrontare sfide più profonde, con il settore immobiliare ancora zoppicante dopo un giro di vite del governo e i mercati di esportazione che si indeboliscono mentre le economie avanzate si indeboliscono.

READ  Il commissario dell'ACC Jim Phillips sulle voci di riallineamento: "Siamo tutti insieme"

A marzo, il PMI cinese ha mostrato un quadro simile, con la crescita del settore manifatturiero in rallentamento nonostante una ripresa delle esportazioni, mentre altri settori hanno mostrato un rapido aumento dell’attività, indicando una ripresa disomogenea.

“La crescita economica ha superato le aspettative. . . E l’economia cinese è partita bene”, ha detto venerdì il Politburo del Partito Comunista in una riunione. Ma la “forza trainante dei contenuti” dell’economia è “ancora debole e la domanda è insufficiente”, hanno riferito i media statali all’Ufficio Xinhua.

Zhao Qinghe, uno statistico senior presso la NBS, ha dichiarato domenica in una dichiarazione che la contrazione del PMI manifatturiero è dovuta a “una domanda di mercato sufficiente e una base elevata creata dalla rapida ripresa del settore manifatturiero nel primo trimestre”.

Il settore manifatturiero è cresciuto leggermente, ma sono diminuiti tutti i sottoindici per i nuovi ordini, le scorte di materie prime e l’occupazione nel settore manifatturiero.

In una nota, Goldman Sachs ha affermato che la performance dell’indice non manifatturiero è stata “ancora solida ma al di sotto delle aspettative del mercato, suggerendo una ripresa continua nei settori delle costruzioni e dei servizi, ma a un ritmo sequenziale più lento”.

Parte della ripresa nel settore delle costruzioni è stata guidata dalle infrastrutture, ha affermato la NBS. Pechino ha utilizzato le infrastrutture per stimolare la crescita dopo il crollo del settore immobiliare negli ultimi due anni.

Il Politburo ha segnalato un ulteriore sostegno alla ripresa economica e ha chiesto una “politica fiscale efficace” mirata e una “politica monetaria prudente”.

“Il reddito delle popolazioni urbane e rurali dovrebbe essere aumentato in molti modi… e il consumo di servizi in campi come la cultura e il turismo dovrebbe essere aumentato”, ha riferito il Politburo di Xinhua.

READ  Donald Trump: l'ex presidente incriminato dal Grand Jury di Manhattan

Nomura prevede che le industrie di esportazione cinesi rimarranno sotto pressione a causa “dell’attuale recessione tecnologica globale, delle turbolenze del mercato finanziario globale e del deterioramento delle relazioni commerciali USA-Cina”.

“Il calo delle esportazioni continuerà a ostacolare la ripresa dell’occupazione e degli investimenti produttivi”, ha affermato in una dichiarazione prima del rilascio dei dati PMI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *