Le Filippine stanno dando agli Stati Uniti un maggiore accesso alle basi tra le preoccupazioni della Cina

  • Filippine e Stati Uniti accettano di aggiungere quattro destinazioni nell’ambito dell’EDCA
  • L’accordo arriva tra le tensioni nel Mar Cinese Meridionale su Taiwan
  • L’EDCA consente agli Stati Uniti l’accesso alle basi militari filippine

MANILA, 2 febbraio (Reuters) – Le Filippine hanno concesso agli Stati Uniti un più ampio accesso alle proprie basi militari, hanno detto giovedì i loro capi della difesa, tra le crescenti preoccupazioni per la crescente assertività della Cina nel conteso Mar Cinese Meridionale e le tensioni sull’autogoverno Taiwan.

A Washington sarà concesso l’accesso ad altri quattro siti nell’ambito dell’Accordo di cooperazione rafforzata per la difesa (EDCA) del 2014, hanno dichiarato il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin e il segretario alla Difesa filippino Carlito Galvez in una conferenza stampa congiunta.

Austin, che era nelle Filippine per i colloqui, ha descritto la decisione di Manila come un “grande affare” per lui e per il suo alleato mentre Washington cerca di espandere le sue opzioni di sicurezza nel paese come parte degli sforzi per bloccare qualsiasi mossa della Cina contro l’autogoverno Taiwan. Hanno ribadito il loro impegno a rafforzare l’alleanza dei loro paesi.

“Rende le nostre due democrazie più sicure e aiuta a sostenere un Indo-Pacifico libero e aperto”, ha detto Austin, dopo la visita del vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris nelle Filippine a novembre, che includeva una sosta a Palawan, nel sud della Cina. il mare

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

“Abbiamo discusso misure concrete per affrontare le attività dirompenti nelle acque intorno alle Filippine, compreso il Mar delle Filippine occidentali, e rimaniamo impegnati a rafforzare le nostre capacità reciproche per contrastare gli attacchi armati”, ha affermato Austin.

READ  Iam Tongi, vincitore del primo premio "American Idol" delle isole del Pacifico, incoraggia gli hawaiani

“Questo fa parte dei nostri sforzi per modernizzare la nostra alleanza. E questi sforzi sono particolarmente importanti in quanto la Repubblica popolare cinese continua ad avanzare le sue rivendicazioni illegali nel Mar delle Filippine occidentali”, ha aggiunto.

Le sedi aggiuntive sotto EDCA portano a nove il numero di basi militari a cui gli Stati Uniti hanno accesso e Washington ha annunciato oltre 82 milioni di dollari in investimenti infrastrutturali nelle basi esistenti.

L’EDCA consente agli Stati Uniti l’accesso alle basi militari filippine per l’addestramento congiunto, il pre-posizionamento di attrezzature e la creazione di strutture come piste, depositi di carburante e alloggi militari, ma non la presenza permanente.

Austin e Galvez non hanno detto dove sarebbero state le nuove location. Un ex capo militare filippino aveva affermato che gli Stati Uniti avevano richiesto l’accesso alle basi sulla terraferma settentrionale di Luzon e sull’isola di Palawan, il territorio più vicino delle Filippine a Taiwan, che si affaccia sulle contese isole Spratly nel Mar Cinese Meridionale.

Non ci sono stati commenti immediati dall’ambasciata cinese a Manila.

Fuori dal quartier generale dell’esercito, dozzine di manifestanti hanno cantato slogan anti-USA e chiesto la demolizione dell’EDCA, protestando contro la continua presenza militare negli Stati Uniti.

Austin, che giovedì ha incontrato il presidente filippino Ferdinand Marcos Jr. al Palazzo presidenziale, ha assicurato al leader del sud-est asiatico che “siamo pronti ad aiutarti in ogni modo possibile”.

Le relazioni tra l’ex colonia degli Stati Uniti e le Filippine sono state tese dai commenti del predecessore Rodrigo Duterte nei confronti della Cina, dalla sua famosa retorica antiamericana e dalle minacce di ridimensionare i loro legami militari.

READ  Twitter reagisce al ritiro di Teixeira dopo Hill

Ma Marcos ha incontrato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden due volte dalla sua schiacciante vittoria alle elezioni dello scorso anno e ha ribadito che non può vedere un futuro per il suo paese senza il suo partner di lunga data.

“Mi sembra che il futuro delle Filippine e dell’Asia Pacifico coinvolgerà sempre gli Stati Uniti”, ha detto Marcos ad Austin.

Segnalazione di Karen Lema Montaggio di Ed Davis e Jerry Doyle

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *