Le potenze straniere proteggono i civili perché i sudanesi devono cavarsela da soli

(CNN) Le potenze straniere hanno salvato personale diplomatico e cittadini coinvolti nei combattimenti mortali del Sudan, lasciando molti sudanesi a terra bloccati in condizioni che peggiorano.

Le forze speciali statunitensi hanno contribuito a far entrare quasi 100 persone – per lo più personale dell’ambasciata degli Stati Uniti e un piccolo numero di esperti diplomatici di altri paesi – per la sicurezza sabato, hanno detto funzionari statunitensi.

Finora sono stati espulsi più di 1.000 cittadini dell’UE e molti altri paesi si stanno affrettando a fare lo stesso.

L’evacuazione è complicata da conflitti persistenti. Le due parti al centro di più di una settimana di combattimenti – l’esercito sudanese e un gruppo paramilitare noto come Rapid Support Forces (RSF) – si sono incolpate a vicenda, insieme a un francese, dopo che un convoglio francese in partenza dal Sudan è stato preso di mira . Lesione nazionale.

Il fumo sale su Khartoum sabato. I combattimenti tra l’esercito sudanese e le forze di supporto rapido sono ripresi nella capitale del Sudan dopo il fallimento di un cessate il fuoco mediato a livello internazionale.

Anche un dipendente dell’ambasciata egiziana in Sudan è stato colpito e ferito durante l’operazione di evacuazione, ha detto il ministero degli Esteri del Cairo.

Nel frattempo, molti cittadini sudanesi sono bloccati nelle loro case per la scarsità di cibo, o alla disperata ricerca di modi per lasciare il paese attraverso i suoi confini terrestri, con il principale aeroporto internazionale della capitale ancora chiuso.

Il nono giorno di scontri a Khartoum ha visto un turbinio di attività.

Il capo militare del Sudan, il generale Abdul Fattah al-Burhan, e il comandante della RSF, il tenente generale Mohammed Hamdan, hanno preso il controllo del paese con un colpo di stato militare nel 2021 e avrebbero dovuto cedere il potere a un governo civile, ma sono stati messi da parte. invece l’uno dell’altro.

READ  Kevin McCarthy lotta per assicurarsi la sua offerta per il relatore mentre vota

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), più di 420 persone sono state uccise e 3.700 ferite nei combattimenti. La situazione umanitaria sul terreno continua a deteriorarsi con i servizi medici non disponibili e molte persone senza cibo e acqua.

Una serie di cessate il fuoco è stata infranta, compreso un recente cessate il fuoco indetto per la festa musulmana di Eid al-Fitr.

I residenti in alcune parti di Khartoum hanno detto domenica alla CNN che non c’erano segni di un cessate il fuoco, poiché è stato scosso da attacchi aerei, artiglieria pesante, esplosioni e colpi di arma da fuoco. Hanno riferito di scontri scoppiati intorno al quartier generale militare e al palazzo presidenziale nel centro della città.

Operazioni ‘complesse e rapide’

Nonostante i forti rischi, i governi stranieri continuano ad annunciare missioni di salvataggio per ritirare i propri cittadini.

I cittadini americani in Sudan sono stati informati domenica che potevano unirsi ai convogli di evacuazione organizzati dagli Emirati Arabi Uniti e dalla Turchia, dopo che il governo degli Stati Uniti aveva dichiarato di non avere intenzione di evacuare i propri cittadini.

Ci sono circa 16.000 cittadini statunitensi in Sudan, la maggior parte dei quali ha la doppia cittadinanza.

La Germania sta evacuando i cittadini dal Sudan.

Alcuni paesi hanno già effettuato con successo evacuazioni, tra cui Regno Unito, Spagna, Giordania, Italia, Francia, Danimarca e Germania. Molti dei loro convogli trasportavano anche cittadini di altri paesi, compresa la Svezia. Portogallo, Messico, Palestina, Iraq e Siria.

Ci sono altri cicli di sfratti in arrivo. Altre evacuazioni sono pianificate o in corso verso Paesi Bassi, Belgio, Norvegia, Germania, Svezia, Egitto, Turchia, Libia, India, Russia, Australia, Giappone, Cina e Filippine.

READ  L'UE approva il decimo round di sanzioni contro la Russia per la guerra in Ucraina | Notizie sulla guerra Russia-Ucraina

L’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Joseph Borrell, ha dichiarato lunedì che più di 1.000 cittadini dell’UE sono stati evacuati, una “mossa riuscita”.

“È stato un lungo fine settimana, un lungo e intenso fine settimana nel tentativo di far uscire la nostra gente dal Sudan”, ha detto Borrell, ringraziando in particolare la Francia per aver fatto uscire altri stranieri non francesi.

I cittadini giordani e di altre nazionalità evacuati dal Sudan arrivano all’aeroporto militare di Marka ad Amman, in Giordania, il 24 aprile 2023.

“Resta e rischia la fame o fatti uccidere da un proiettile vagante”

Ma mentre gli stranieri si precipitano sugli aerei di evacuazione, milioni di cittadini sudanesi sono lasciati a se stessi – bloccati nelle loro case per giorni e incerti su come mettersi in salvo.

Ismail Kushkush, un giornalista sudanese-americano, è rimasto intrappolato per diversi giorni in un edificio nel centro di Khartoum vicino al palazzo presidenziale, insieme ad altri 29 residenti di Khartoum, compresi bambini e stranieri.

“Non c’è elettricità né acqua da cinque giorni. Si usa poca acqua nel serbatoio dell’acqua. Le scorte di cibo sono finite. Non siamo riusciti a lasciare l’edificio, che è a due piani dal palazzo presidenziale. Il centro di combattere dall’inizio del conflitto”, ha detto. In una serie di messaggi di testo alla CNN. L’equipaggio è stato successivamente evacuato in sicurezza.

Nelle chat di gruppo di WhatsApp e sui social media nelle vicinanze, altri discutevano su dove prendere l’acqua, ricaricare i telefoni, trovare medici e trovare percorsi sicuri per uscire da Khartoum senza combattere. Molte persone hanno chiesto consigli su come raggiungere l’Egitto con i mezzi pubblici.

READ  Il mercato azionario si ritira dal massimo della giornata; La condivisione di rete supera la copertura degli analisti

Una donna sulla trentina, che ha chiesto di non essere nominata per motivi di sicurezza, ha detto alla Galileus Web di essere fuggita da Khartoum in Egitto in autobus.

Ha detto di essere stato motivato a farlo dall’imprevedibilità della RSF e dalle pessime condizioni nella capitale.

Sebbene la sua famiglia possieda un generatore e sia in grado di fornire acqua alle case del quartiere, non è chiaro quanto dureranno o quando un’ondata di conflitto potrebbe arrivare alla loro porta.

“Rimarremo e moriremo di fame? O verremo uccisi da un proiettile vagante? … Abbiamo deciso di correre il rischio”, ha detto, aggiungendo di aver sentito di persone che muoiono nelle loro case senza cibo e acqua. . “Abbiamo trovato delle anatre che stavano nelle nostre case.”

Un gruppo di suoi parenti, tra cui due bambini e una donna anziana, ha trovato un autista di autobus pronto a portarli in Egitto. Sono partiti venerdì mattina e sono arrivati ​​al confine sabato sera; Ha detto che il gruppo è stato fermato solo una volta dalle forze armate sudanesi a Omdurman.

Ma hanno lottato per far entrare uomini senza visto in Egitto e alcuni senza passaporto, compresi i neonati, sono stati respinti.

“Dovrebbero rimanere indietro. E stiamo ancora cercando di capire come ottenere loro i documenti per attraversare il confine”, ha detto.

Sandi Sidhu, Lauren Kent, Kylie Atwood, Xiaofei Xu, Joseph Ataman, Al Goodman, Heather Chen, Sugam Pokharel, Duarte Mendonça, Eyad Kuurdi, Gul Tuysuz e Jennifer Hansler hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *