Meta è stata multata di 1,3 miliardi di dollari per aver violato le norme sulla privacy dei dati dell’UE

“Senza la capacità di spostare i dati oltre confine, Internet sarà suddiviso in silos nazionali e regionali, limitando l’economia globale e lasciando i cittadini di diversi paesi impossibilitati ad accedere a molti dei servizi condivisi su cui facciamo affidamento”, ha affermato Nick Clegg. , Jennifer Newsted, presidente degli affari globali e chief legal officer di Meta, ha dichiarato in una nota.

IL Regola, che è una multa presentata ai sensi del Regolamento generale sulla protezione dei dati, o GDPR, ha il potenziale per paralizzare l’attività di Facebook in Europa, incidendo in particolare sulla capacità dell’azienda di indirizzare gli annunci. Il mese scorso, il chief financial officer di Meta, Susan Li, ha dichiarato agli investitori che circa il 10% delle sue entrate pubblicitarie globali proveniva da annunci offerti agli utenti di Facebook nei paesi dell’UE. Nel 2022 c’era Meta Quasi $ 117 miliardi di entrate.

Meta e altre società contano su un nuovo accordo sui dati tra Stati Uniti e UE per sostituire l’accordo invalidato dai tribunali europei nel 2020. L’anno scorso, hanno annunciato il presidente Biden e il presidente dell’Unione europea Ursula van der Leyen Bozze di accordo a Bruxelles, ma i dettagli sono ancora in fase di trattativa.

Senza un accordo, la sentenza contro Meta mostra i rischi legali che le aziende devono affrontare nello spostamento dei dati tra l’UE e gli Stati Uniti.

Johnny Ryan, membro anziano del Consiglio irlandese per le libertà civili, ha affermato che Meta deve affrontare la prospettiva di eliminare grandi quantità di dati sugli utenti di Facebook nell’Unione europea. Data la natura interconnessa delle società Internet, ciò presenta sfide tecniche.

READ  "Furiosa" guadagna 3,5 milioni di dollari, "Garfield" guadagna 1,9 milioni di dollari nelle anteprime

Sostenendo forti politiche di protezione dei dati, Mr. “È difficile immaginare come questo ordine verrebbe rispettato”, ha detto Ryan.

La decisione contro Meta arriva nel quinto anniversario del GDPR, che inizialmente era una legge modello sulla privacy dei dati che molti gruppi della società civile e attivisti per la privacy hanno affermato di non essere all’altezza delle sue promesse a causa della mancanza di applicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *