Rosenthal: il grande slam di Trey Turner alimenta un’entusiasmante rimonta mentre gli Stati Uniti avanzano alle semifinali WBC

MIAMI — Trey Turner ha affrontato il destro venezuelano Silvino Bracho esattamente una volta nella sua carriera.

“Guarda l’highlight dell’ad-pat”, mi ha detto prima che lo intervistassi su FS1.

“Cattivo?” Ho chiesto.

“Peccato”, ha risposto Turner.

L’at-bat ha avuto luogo il 26 settembre 2016, l’ex squadra di Turner, i Nationals, ha seguito i Diamondbacks 14-4 nel nono inning di una partita. Bracho ha lanciato un cursore da 82 mph. Turner controllò il suo swing. La sua prima palla era così debole che non ha avuto punti.

Peccato – e il riferimento completo di Turner quando Bracho è entrato nei quarti di finale del World Baseball Classic di sabato sera con le basi caricate, non in fondo all’ottavo, mentre il Venezuela ha superato gli Stati Uniti 7-5.

La seconda volta di Trey Turner contro Silvino Bracho è stata migliore della prima per l’interbase dei Phillies. (Sam Navarro/USA Today)

Turner, $ 300 milioni del Team USA n. 9 Battitore lanciato veloce per colpire uno. Ha commesso fallo su un altro lanciatore veloce per strike due. Durante quel periodo, era 3 su 13 nel WBC, anche se uno dei suoi successi era un homer. Proprio come se fosse in un normale allenamento primaverile, stava ancora trovando il suo swing. Sullo 0-2, sapeva di avere Mookie Betts e Mike Trout che colpivano dietro di lui.

Bracho ha collezionato solo quattro presenze in Major League nelle ultime quattro stagioni. L’allenatore venezuelano Omar Lopez ha dovuto espellere l’esterno sinistro Jose Quijada dopo aver accompagnato Tim Anderson e aver permesso al singolo bloop del pinch-hitter Pete Alonso di caricare le basi segnando JD Realmuto. Il più vicino Jose Alvarado non ha ottenuto più di quattro eliminazioni, ha detto Lopez.

Bracho ha lanciato un cambio a Turner sul cuore del piatto. Questa volta Turner non ha controllato il suo swing. Invece, ha girato furiosamente in campo, seguito da un sublime finale con una mano sola. In una notte piena di molti dubbi, il sollievo Daniel Bard ha avuto una spaventosa perdita di controllo, ha contribuito a trasformare un vantaggio di 5-2 in uno svantaggio di 6-5 e Turner ha centrato l’indiscusso e immortale Grande Slam definitivo.

“Mi sento svenuto”, ha detto Turner.

Non è solo.

“Ho visto circa 35 persone, compresi gli allenatori”, ha detto il manager del Team USA Mark DeRosa.

I ricordi possono essere confusi per Turner, DeRosa e Co., ma i vigilantes non dimenticheranno mai ciò che hanno visto. Turner si dirige verso la prima base, tremando per l’eccitazione e indicando la panchina. Poi, allo stesso modo del Venezuela e di molte altre squadre straniere, finisce terzo con quasi tutto il Team USA che lo aspetta a casa base per festeggiare con lui.

READ  Svitek vince un altro Open di Francia, battendo Muchova

I club della Major League sono così riservati che la panchina si svuota solo per le passeggiate. Ma DeRosa, che ha giocato in Venezuela per i Leones del Caracas durante la stagione 2000-01, sapeva che sabato sera doveva essere diverso. Il WBC era sceso alla singola eliminazione. E il pubblico tutto esaurito a Miami sosterrà sicuramente il Venezuela.

DeRosa ha detto ai suoi giocatori prima della partita di “lasciar perdere” per eguagliare l’energia della squadra venezuelana. Se un giocatore americano fa un fuoricampo, incontralo a casa base. Nolan Arenado ha condiviso un messaggio simile. Il Team USA sarà effettivamente una squadra su strada, ha detto Arenado. Deve generare la propria energia.

L’eroe americano WBC del 2017 Adam Jones è entrato nella stanza quando Arenado ha finito. Ha detto ai giocatori di caricarsi. Sii più forte con i tuoi compagni di squadra che con la folla. Oh, e pompa un singolo se vuoi, perché è quello che farà il tuo avversario.

“Siamo stati un po ‘morti nei giochi di biliardo”, ha detto il ricevitore Realmudo. “Ma qui, avranno molti fan dietro di loro e dobbiamo riunirci nelle nostre panchine e creare quanta più energia possibile. È importante avere quel messaggio prima della partita e sapere cosa aspettarsi dentro.

Jones voleva che gli americani fossero “dinamici”, ed è quello che sono stati nel primo inning, martellando l’apertura venezuelana Martin Perez con cinque singoli consecutivi portandosi in vantaggio per 3-0. Il venezuelano Luis Ares ha risposto nella metà inferiore con il primo dei suoi due homer, un tiro da due run che ha fornito la prima indicazione che la notte era insolita anche per gli standard WBC.

Ares, il campione di battuta dell’AL la scorsa stagione, non ha mai prodotto una partita da due homer nelle major. Diamine, ha colpito solo 20 homer in 850 partite professionistiche. Ma come disse in seguito Turner, parlando del ritorno del Team USA, “Quando vieni preso a pugni in bocca, devi rispondere”.

Ci saranno più pugni. E molti altri.

Luis Ares non ha mai disputato una partita da due homer nelle major. (Eric Espada/Getty Images)

Nella parte superiore del quinto, Kyle Tucker ha segnato un fuoricampo per ridurre il vantaggio del Team USA a tre run. Lance Lynn ha lanciato i primi quattro inning per gli Stati Uniti, consentendo la sua unica corsa sull’homer di Ares. DeRosa, dopo un giorno di riposo, si è preso una pausa. E la sua prima scelta è stata Bard, che ha concesso quattro punti nella sconfitta del Team USA contro il Messico in biliardo, ma si è ripreso con un inning senza reti contro la Colombia.

READ  Butler, Adebayo accendono il calore per la vittoria del G6 sui Knicks per avanzare alle finali est

Bart, 37 anni, ha una storia di problemi di controllo. Nel 2012 ha sviluppato “la cosa” a causa della sua incapacità di comandare la zona di sciopero, tenendolo fuori dalle major dal 2014 al 2020. Il suo ritorno con le Montagne Rocciose ha portato a un’estensione del contratto di due anni da 19 milioni di dollari lo scorso luglio. Ma tra i 152 soccorritori qualificati della scorsa stagione, lo era ancora 36 ° tasso di camminata più alto.

Il primo segno di difficoltà di Bard è stata una passeggiata di cinque tiri verso Kleyber Torres sabato sera. Andres Gimenez ha seguito con un singolo interno. Bart ha lanciato un lancio selvaggio per far avanzare i corridori. L’aspetto del piatto è arrivato come l’ultimo foraggio per i critici del WBC, che ignorano il fatto che sfortunati infortuni si verificano anche nelle partite di allenamento primaverile.

Jose Altuve era il terzo battitore di Bard, quindi DeRosa non poteva tirarlo senza superare il minimo di tre battitori in quel momento. Ma sulla base della storia di Bard, inclusa la sua prima espulsione nel torneo, si potrebbe ragionevolmente sostenere che non avrebbe mai dovuto lanciare. Si potrebbe certamente sostenere che DeRosa avrebbe dovuto rimuovere Aldu dopo averlo colpito al braccio destro con un piombino da 96 miglia. Bard ha lanciato un secondo lancio selvaggio, segnando punti, e ha emesso un’altra camminata. Alla fine ha segnato quattro punti.

Perché DeRosa non ha iniziato a riscaldare un altro sollievo nel momento in cui Bart ha emesso la sua passeggiata iniziale? In base alle restrizioni imposte dai club della major league, un soccorritore deve lanciare non appena si alza, ha detto il manager. Tuttavia, anche con una flessibilità limitata, DeRosa non avrebbe dovuto correre il rischio di lasciarsi sfuggire un gioco di eliminazione.

Gli Astros forniranno maggiori informazioni sulle condizioni di Altuve domenica, ma ha lasciato il parco con il pollice fasciato e la paura iniziale era un dito rotto. Lopez, il primo allenatore di base degli Astros, si è detto “molto preoccupato” per Altuve. Il Venezuela ha preso il comando dopo il gol di Altuve. Ma l’infortunio di Altuve è così preoccupante, ha detto Lopez, “l’intera panchina è morta”.

Jose Altuve ha lasciato il parco con il pollice fasciato (Eric Espada/Getty Images)

Proprio come lo strano infortunio al ginocchio di Edwin Diaz ha scatenato lo straordinario sconvolgimento di Puerto Rico contro la Repubblica Dominicana, l’infortunio di DeRosa ad Altuve è stato “uno dei migliori giochi a cui abbia mai preso parte”. Tuttavia, i giocatori americani erano ancora in fermento mentre lasciavano il parco, increduli per quello che avevano vissuto. All’incontro. rumore Il grande slam di Turner e l’inning senza reti di Devin Williams e Ryan Pressley hanno salvato la vittoria.

READ  Macron ha ottenuto un voto di sfiducia mentre si intensificava l'opposizione al piano pensionistico

“(The Royals’) Brady Singer mi stava chiedendo come sarebbero stati i playoff”, ha detto il sollievo americano Adam Ottavino, che ha lanciato in otto diverse serie post-stagionali per quattro diversi club. “Ero tipo, non so nemmeno se sono così. È stato l’ambiente migliore in cui sia mai stato. Anche se l’abbiamo perso, è stato molto divertente farne parte.

Facendo eco ai sentimenti di Ottavino, Realmuto ha anche inviato un sottile messaggio a chi ha scelto di non partecipare. “Non posso credere che rimarranno in allenamento primaverile piuttosto che giocare in una partita del genere”, ha detto Realmudo. “Molto orgoglio per la linea. Molto divertente. Il significato di quella partita era chiaro per entrambe le squadre.

Tuttavia, affinché il Team USA difenda con successo il suo titolo WBC, deve vincere altre due partite. La prima è la semifinale di domenica sera contro Cuba, con Adam Wainwright titolare contro Ronis Elias. La partita di campionato di martedì prevede una seconda partita contro la vincitrice delle semifinali Messico-Giappone.

DeRosa ha usato sei mitigatori contro il Venezuela, ma Kendall Graveman e Aaron Loup non hanno lanciato. Nick Martinez ha lasciato la squadra sabato e si è riunito ai Padres, ma Singer, Kyle Freeland e Merrill Kelly dovrebbero trovare sollievo contro Cuba, con Miles Mikolas tra i titolari che dovrebbe essere trattenuto per iniziare le finali.

Per quanto folle sia, la stagione regolare si profila come una delusione. La concorrenza nel WBC è pura. L’atmosfera di Miami è unica. Il tetto è chiuso al Lone Depot Park, musica a tutto volume e fan ruggenti diventano ancora più forti. Kyle Schwarber ha detto di non aver mai preso parte a un gioco con una tale elettricità a marzo. “Mi fa venire voglia di andare a una partita invernale e vedere quanto diventano turbolenti questi fan”, ha detto.

È faticoso. È eccitante. E non è ancora finita.

(Foto in alto: Eric Espada/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *