Scandalo di corruzione in Ucraina: gli Stati Uniti giurano di “monitoraggio rigoroso” degli aiuti

Martedì gli Stati Uniti si sono impegnati a monitorare rigorosamente il modo in cui l’Ucraina spende miliardi di dollari in aiuti.

Mentre Washington ha affermato di non avere prove di un uso improprio dei fondi occidentali, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha promesso che ci sarebbe stato un “rigoroso monitoraggio” per garantire che gli aiuti statunitensi non venissero dirottati.

Diversi alti funzionari ucraini sono stati licenziati martedì, accusati di pagamenti impropri ai vice ministri e di aggiudicazione eccessiva di contratti militari.

Un totale di cinque governatori regionali, quattro viceministri e due capi di agenzie governative hanno lasciato i loro incarichi, insieme al vice capo dell’amministrazione presidenziale e al vice procuratore generale.

Nel suo discorso notturno, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che è “necessario” mantenere “una posizione forte”, mentre Price l’ha definita “rapida” ed “essenziale”.

Eppure lo scandalo arriva in un momento critico per Kiev, poiché cerca un sostegno sempre maggiore dall’Occidente e affronta l’avanzata russa a est.

Lo scandalo potrebbe smorzare l’entusiasmo occidentale per il governo ucraino, un regime traballante con una lunga storia.

Nel fine settimana, la polizia anticorruzione ha arrestato il viceministro delle infrastrutture con l’accusa di aver accettato una tangente di 367.000 euro per l’acquisto di generatori troppo cari, accusa che lui nega.

Arriva mentre il pubblico ucraino subisce interruzioni di corrente prolungate tra gli attacchi russi che stanno paralizzando l’infrastruttura energetica del paese.

Nel frattempo, un’inchiesta di un quotidiano ucraino ha accusato il ministero della Difesa di aver firmato contratti per fornire cibo alle truppe in prima linea a “due o tre” volte il prezzo normale.

READ  La cometa più vicina alla Terra questa settimana sarà visibile nel New England, Mass

Secondo gli analisti, le dimissioni di alto livello dimostrano che la corruzione non è solo una responsabilità criminale ma anche politica.

“È un buon esempio di come sono state stabilite istituzioni, anticorruzione e controlli ed equilibri [2014 Maidan] Una rivoluzione della dignità sta funzionando anche se è in corso una guerra su vasta scala”, ha detto a Euronews Kateryna Rysenko dell’Ong anticorruzione Transparency International Ukraine.

“Ma la parte finale di questi casi è che questi casi dovrebbero essere giudicati nella misura massima consentita dalla legge dall’accusa, dall’organo investigativo e dai tribunali”, ha aggiunto.

Il ministero della Difesa ucraino, che si dice abbia firmato contratti costosi del valore di 320 milioni di euro, ha affermato che le dimissioni aiuterebbero a “proteggere la fiducia della società e dei partner internazionali”.

Domenica ha respinto le accuse come “false informazioni”, avvertendo che potrebbero ledere “gli interessi della sicurezza in un periodo speciale”.

A gennaio, il leader della Repubblica cecena russa ha definito gli aiuti occidentali all’Ucraina un “programma di riciclaggio di denaro”.

“Vedo che alcune persone sono preoccupate per gli aiuti esteri all’Ucraina. Non preoccuparti! Questo è uno schema di riciclaggio di denaro funzionante. Le autorità occidentali e ucraine si appropriano indebitamente di questi fondi e oltre il 15% degli aiuti totali non raggiungerà le trincee ”, ha scritto Ramzan Kadyrov su Telegram.

Non ci sono prove da parte di un fedele alleato di Putin per questa affermazione.

Zelenskyy è stato eletto nel 2019 con la promessa di riforme ad ampio raggio per combattere la corruzione e migliorare l’economia.

Durante il suo mandato come presidente ucraino, ha licenziato numerosi ministri e funzionari mentre combatteva l’influenza corruttrice di potenti figure nel paese.

READ  Un'intervista individuale esclusiva con WMUR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *