Un razzo SpaceX porta un equipaggio internazionale alla stazione spaziale

LOS ANGELES, 2 marzo (Reuters) – Due astronauti statunitensi, un cosmonauta russo e un astronauta degli Emirati Arabi Uniti erano in viaggio sani e salvi verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) giovedì mentre la loro navicella spaziale SpaceX si avvicinava a un appuntamento programmato con la sonda orbitante. , ha detto la NASA.

La capsula spaziale SpaceX Crew Dragon ha raggiunto la stazione spaziale poco dopo l’1:15 EST (0615 GMT) di venerdì, quasi 25 ore dopo il decollo dal Kennedy Space Center della NASA a Cape Canaveral, in Florida, e doveva attraccare.

Il controllo del veicolo spaziale sarà trasferito da SpaceX Mission Control vicino a Los Angeles al Johnson Space Center della NASA a Houston una volta che la Crew Dragon sarà pronta ad attraccare con la ISS.

Il team di quattro membri dovrebbe trascorrere sei mesi sulla ISS conducendo più di 200 esperimenti e dimostrazioni tecniche, dalla ricerca sulla crescita delle cellule umane nello spazio al controllo dei combustibili in condizioni di microgravità.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

Alcune delle ricerche nell’ambito del programma Artemis della NASA potrebbero aprire la strada a missioni umane di lunga durata sulla luna e oltre, ha affermato l’agenzia spaziale statunitense, il successore di Apollo.

La missione, soprannominata Crew 6, è il sesto equipaggio della ISS di lunga durata che SpaceX ha volato per la NASA da quando l’impresa missilistica privata fondata dal miliardario Elon Musk ha iniziato a inviare in orbita astronauti americani nel maggio 2020. Musk è il CEO del produttore di auto elettriche Tesla (TSLA). .O) e il sito di social media Twitter.

Sottomarini e ingegneri

L’ultimo membro dell’equipaggio è Stephen Bowen, 59 anni, un ex ufficiale sottomarino della Marina degli Stati Uniti che ha registrato più di 40 giorni in orbita, un veterano di tre navette spaziali e sette passeggiate nello spazio. Il collega astronauta della NASA Warren “Woody” Hoburg, 37 anni, ingegnere elettrico, specialista in informatica e pilota commerciale, ha effettuato il suo primo volo spaziale.

La missione Crew 6 includeva anche l’astronauta degli Emirati Arabi Uniti Sultan Al Nayadi, 41 anni, la seconda persona del suo paese a volare nello spazio e la prima persona a lanciarsi dal suolo statunitense come parte di un equipaggio di lunga durata della stazione spaziale.

A completare l’equipaggio di quattro persone c’è il cosmonauta russo Andrey Fedayov, 42 anni, che, come Alneyadi, è un ingegnere e novizio del volo spaziale.

Nonostante le crescenti tensioni tra Washington e Mosca per l’invasione russa dell’Ucraina, Fedayov è il secondo astronauta a volare su una navetta spaziale statunitense in base a un rinnovato accordo di condivisione dei viaggi firmato dalla NASA e dall’agenzia spaziale russa Roscosmos a luglio.

Il team Crew 6 viene accolto alla stazione spaziale da sette attuali occupanti della ISS: tre membri dell’equipaggio della NASA, insieme al comandante Nicole Aunabu Mann, la prima donna nativa americana a volare nello spazio, tre russi e un astronauta giapponese.

Tutti e sette dovrebbero completare le loro missioni e lasciare la stazione spaziale questo mese. Quattro torneranno a ottobre a bordo della Dragon di SpaceX e tre torneranno a casa a bordo di una navicella spaziale russa Soyuz che la scorsa settimana è volata vuota verso la ISS ed è arrivata alla stazione a dicembre per sostituire una perdita di refrigerante.

L’equipaggio 6 è stato lanciato 72 ore dopo che un primo tentativo di decollo è stato cancellato negli ultimi minuti del conto alla rovescia mattutino di lunedì a causa di un flusso irregolare del fluido di accensione del motore. La NASA ha affermato che il sistema ha funzionato correttamente dopo che il filtro intasato è stato sostituito e le linee sono state lavate.

READ  Azioni in calo, rendimenti in calo, prezzi del petrolio in calo: notizie dal mercato azionario oggi

Il lancio alla fine si è svolto senza un singolo intoppo. Ma è stato trovato un sensore difettoso in 36 interruttori attaccati a una dozzina di rampini usati per attaccare il muso della capsula dell’equipaggio alla ISS, ma il sistema ha abbastanza ridondanza. Questo è previsto, hanno detto i funzionari della NASA e SpaceX.

Il lancio e l’appuntamento sono coincisi esattamente nel 2019 con il quarto anniversario del primo volo di prova senza equipaggio della navicella Dragon, “Demo-1” di SpaceX.

(Questa storia è stata ristampata per correggere il cambio GMT nel paragrafo 2)

Steve Corman riferisce a Los Angeles; Montaggio di Davide Gregorio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *