Uno studente non può indossare una fascia di bandiere messicane o americane alla laurea, le regole del giudice

Venerdì un giudice federale ha confermato una decisione che vieta a una studentessa di indossare un sari alla laurea in onore della sua eredità messicana americana dopo che l’anziano del liceo ha citato in giudizio il suo distretto scolastico del Colorado.

In una causa intentata mercoledì presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto del Colorado, l’avvocato dello studente, Naomi Pena Villazano, ha affermato che la segretaria del preside le ha detto che non poteva indossare il sari. Apri molte porte.

Gli avvocati della diciottenne signora Villazano hanno scritto nella causa che “non tutti i messicani americani, compresi i suoi genitori, hanno l’opportunità di diplomarsi al liceo e superare la fase di laurea”.

Hanno aggiunto: “Indossando il sari, Naomi rappresenta la sua famiglia, la sua identità di messicana americana e la sua cultura in questa importante occasione”.

Il sari, disegnato in stile serafino, era un regalo di suo fratello maggiore e rifletteva le bandiere americana e messicana. Ha la scritta “Class of 2023” ricamata sopra.

In una telefonata con il cognato della signora Villazano, il preside della Grand Valley High School di Parachute, a circa 200 miglia a ovest di Denver, ha ribadito che alla signora Villazano non sarebbe stato permesso di indossare la fascia per il diploma. Ha ammesso che non esisteva una politica scritta della scuola o del distretto sulle insegne indossate sopra o sopra gli abiti di laurea, ha detto la causa.

La cognata della signora Villazano in seguito chiamò il sovrintendente, il quale disse che il distretto, Garfield County School District 16, non consentiva l’esposizione delle bandiere perché “avrebbe aperto la porta a uno studente che indossava una spilla con bandiera confederata o un’altra bandiera . Ciò causerebbe offesa “, ha affermato la causa.

READ  Brasile: i sostenitori di Bolsonaro rompono le barriere di sicurezza per entrare nel Congresso e nel palazzo presidenziale del Brasile.

La signora Villazano ha partecipato a una riunione del consiglio di contea questo mese, sperando di convincere i leader della contea a cambiare posizione.

“Sono 200 percento – 100 percento americano e 100 percento messicano”, ha detto nei suoi commenti, secondo la causa. “Sono nato in America, ma i miei genitori erano immigrati messicani venuti qui per una vita migliore”.

SM. Thomas Chance, presidente e consigliere generale del Mexican American Legal Defense and Education Fund, che rappresenta Villasano, ha osservato che la scuola ha affermato che consentirà ad altri studenti di indossare fusciacche che celebrano la loro eredità nativa americana o delle isole del Pacifico fino alla laurea. Ha detto che viola la clausola di pari protezione della Costituzione degli Stati Uniti.

“Il fatto che ci siano così tanti casi come questo dovrebbe preoccupare tutti noi”, ha detto.

Gli avvocati della signora Vilasano hanno sostenuto che indossare il sari alla laurea di sabato era un discorso privato protetto dal Primo Emendamento che giustificava l’intervento del tribunale.

Il giudice Nina Y. Wang si è schierato con il distretto scolastico in un’udienza in risposta a una petizione di emergenza che chiedeva il permesso di indossare il sari.

“Sebbene sia vero che molti dei pezzi di regalia che completano il cappello e l’abito sono indossati a discrezione del laureato, nel contesto della cerimonia di laurea della Grand Valley High School, tale esibizione è soggetta alla discrezione e alla supervisione del distretto scolastico in quanto questione certo”, ha scritto il giudice Wang nella sua sentenza.

In una dichiarazione, la signora Villazano ha detto di essere “senza parole per il risultato” ed era “incredibilmente triste” per non aver potuto festeggiare con la sua famiglia come avrebbe voluto.

READ  Strano DNA trovato nel deserto offre lezioni per cacciare la vita su Marte

L’amministrazione distrettuale ha espresso soddisfazione per questo risultato.

“Questo non è un problema sulla capacità di uno studente di esprimere orgoglio per la propria cultura e il proprio patrimonio”, ha dichiarato il sovrintendente Jennifer Bach in una dichiarazione. “Lei e tutti i suoi compagni di classe hanno uno sbocco per questa espressione adornando i loro sparvieri con i loro berretti di qualità, comprese le appropriate approvazioni nazionalistiche”.

Il caso della sig.ra Villazano arriva tra polemiche su ciò che costituisce la libertà di parola alle cerimonie di inaugurazione.

Giovedì in Oklahoma, il legislatore statale Ha scavalcato il veto di Kevin Stitt Di Un disegno di legge per consentire agli studenti di indossare insegne dei nativi americani Al liceo e ai diplomi universitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *