Vladimir Kara-Murza condannato a 25 anni di carcere per aver denunciato la guerra in Ucraina

(CNN) Vladimir Kara-MurzaUn importante avvocato russo per i diritti umani e critico del Cremlino è stato condannato a 25 anni di carcere dopo aver pubblicamente condannato la guerra di Mosca in Ucraina, secondo quanto riportato lunedì dall’agenzia di stampa statale russa TASS.

Kara-Murza è stata inizialmente arrestata un anno fa, ore dopo Intervista alla Cnn In esso ha criticato il “regno degli assassini” del presidente russo Vladimir Putin.

Era indagato per reati penali tra cui tradimento, diffusione di notizie false sull’esercito russo e favoreggiamento delle attività di un’organizzazione sgradevole. La Russia ha criminalizzato le critiche ai militari in seguito alla sua invasione su vasta scala dell’Ucraina lo scorso anno. La corte ha detto che avrebbe scontato la pena in una “colonia di riforma del regime rigoroso”.

Kara-Murza farà appello contro la sentenza, ha detto lunedì alla CNN il suo avvocato Vadim Prokhorov.

La detenzione dell’attivista è stata condannata dalle organizzazioni internazionali per i diritti umani e le sanzioni sono state imposte dall’amministrazione Biden il mese scorso.

La sentenza di lunedì attira ulteriore attenzione sulla brutale repressione della libertà di espressione di Putin, che si è intensificata dalla sua invasione dell’Ucraina lo scorso febbraio.

Kara-Murza sconterà la pena in una “colonia di riforma del regime rigoroso”, ha affermato la corte in una nota.

Kara-Murza è stata a lungo critica nei confronti di Putin ed è sopravvissuta a due avvelenamenti.

Nel marzo 2022, ha parlato contro la guerra alla Camera dei rappresentanti dell’Arizona. Intervista alla Cnn Nell’aprile 2022, il dissidente politico ha condannato il regime di Putin per aver preso di mira i critici. Secondo sua moglie, fu presto arrestato per “non aver obbedito agli ordini delle forze dell’ordine”.

READ  Gli esperti dell'OMS rivedono i consigli sul vaccino Covid-19, affermano che il rischio è inferiore per bambini e adolescenti sani

La condanna porterà ulteriore condanna internazionale per Putin. La scorsa settimana, il direttore per l’Europa e l’Asia centrale di Human Rights Watch, Hugh Williamson, ha affermato in una dichiarazione che “il dissidente rischia il carcere per aver alzato la voce e alzare la voce di altri che non sono d’accordo con il Cremlino in Russia”. La sua guerra in Ucraina e la crescente repressione all’interno della Russia”.

Il governo britannico ha criticato la sentenza definendola “politicamente motivata”. “Vladimir Gara-Murza ha coraggiosamente condannato l’invasione russa dell’Ucraina, una flagrante violazione del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite. La mancanza di impegno da parte della Russia nella protezione dei diritti umani fondamentali, inclusa la libertà di espressione, è preoccupante”, ha affermato il Segretario di Stato James. Saggiamente detto lunedì.

L’accusa di tradimento in Russia è stata ampliata nel 2012 per includere la fornitura di consulenza o qualsiasi altra assistenza a un governo straniero oa un’organizzazione internazionale o straniera. È stato usato contro Kara-Murza per aver condannato l’invasione russa dell’Ucraina.

A marzo, il Dipartimento del Tesoro ha imposto sanzioni a diverse persone russe legate a quella che ha definito la “detenzione arbitraria” di Kara-Murza e ha chiesto il suo “rilascio immediato e incondizionato”.

All’udienza di chiusura del suo processo la scorsa settimana, Kara-Murza si è detto “orgoglioso” delle sue opinioni politiche.

“Sono in prigione per le mie opinioni politiche; per aver parlato contro la guerra in Ucraina, per anni di lotta contro la dittatura di Putin, per aver accettato sanzioni internazionali personali ai sensi della legge Magnitsky contro le violazioni dei diritti umani. Non solo io. Non lo faccio rimpiango tutto ciò, ne sono orgoglioso “, ha detto Kara-Murza. .

READ  Le lunghe morti per Covid-19 sono associate a un aumento significativo dei problemi cardiaci e polmonari, afferma lo studio

Il Magnitsky Act originale, convertito in legge nel dicembre 2012, vietava l’ingresso negli Stati Uniti e congelava i beni di alcuni funzionari e uomini d’affari del governo russo accusati di violazioni dei diritti umani. La legge è stata successivamente ampliata per dare portata globale alla legge incentrata sulla Russia.

Kara-Murza ha affermato di essersi incolpata di non essere riuscita a convincere adeguatamente i suoi “compagni” e politici delle democrazie del pericolo che l’attuale regime al Cremlino rappresenta per la Russia e il mondo.

Ha anche espresso la speranza che “verrà il giorno in cui l’oscurità scomparirà nel nostro Paese”.
“Ancora oggi, anche nell’oscurità intorno a noi, seduto in questa gabbia, amo il mio paese e credo nella nostra gente”, ha aggiunto. “Credo che possiamo camminare in questo modo.”

Darya Tarasova, Ratina Kikova e Ulyana Pavlova della CNN hanno contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *