Il governo approva la riapertura da parte di Israele del valico di frontiera settentrionale di Gaza per la prima volta dal 7 ottobre, dice un funzionario

Mostafa Algarouf/Anatolu/Getty Images

Il 29 febbraio 2024, i soldati israeliani erano di stanza al confine di Erez con armi pesanti e veicoli militari.



CNN

Il Gabinetto di Difesa israeliano ha approvato per la prima volta la riapertura del valico di Erez tra Israele e il nord di Gaza. 7 ottobre Attacchi di HamasUn funzionario israeliano ha detto giovedì alla CNN.

Il funzionario israeliano ha detto che il valico sarà aperto per consentire più aiuti umanitari nella Gaza assediata. Il governo ha inoltre approvato l’utilizzo del porto israeliano di Ashdod per fornire ulteriori aiuti a Gaza.

Questo viene dopo Il presidente americano Joe Biden Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato giovedì che la situazione umanitaria complessiva a Gaza è diventata inaccettabile e ha avvertito Israele di agire per risolvere la crisi o affrontarne le conseguenze.

Il valico di Erez, un passaggio pedonale, era uno dei valichi di frontiera quando i militanti di Hamas lanciarono un sanguinoso attacco contro Israele, uccidendo 1.200 persone e prendendo 250 ostaggi.

Non è chiaro come verrà attuata la riapertura; La quantità di consegne di aiuti consentite finora attraverso i valichi lungo il confine meridionale di Gaza è stata insufficiente rispetto al livello di sofferenza umana nel territorio.

La notizia della riapertura è stata accolta con cautela dalle Nazioni Unite. “Questa è una notizia positiva, ma dobbiamo vedere come verrà implementata. Abbiamo bisogno di un cessate il fuoco umanitario e di aiuti massicci”, ha detto giovedì il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite Stephane Dujarric.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente, la principale agenzia di aiuti per Gaza, è stata messa da parte da Israele e limitata in alcune parti dell’insediamento, in particolare nel nord, dove il rischio di carestia è alto. Casi di fame riportato.

READ  Un tram degli Universal Studios si schianta, ferendo 15 passeggeri

Secondo Oxfam, da gennaio gli abitanti del nord di Gaza sono costretti a sopravvivere con una media di appena 245 calorie al giorno.

L'annuncio di giovedì arriva nel mezzo dell'indignazione internazionale per gli attacchi israeliani che hanno ucciso sette operatori umanitari della World Central Kitchen a Gaza. Israele ha detto che l'attacco non è stato intenzionale.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, il blocco israeliano di Gaza dall'attacco terroristico del 7 ottobre ha ucciso almeno 32.916 persone e ha portato ad una crisi umanitaria.Tre quarti Secondo un rapporto sostenuto dalle Nazioni Unite, le persone nel nord di Gaza soffrono di una fame catastrofica.

I valichi di terra verso Gaza, attraverso i quali gran parte degli aiuti vitali entrano tradizionalmente al confine, sono fortemente limitati da Israele. Le agenzie umanitarie hanno incolpato IsraeleHa inoltre vietato agli aiuti di entrare nella regione devastata dalla guerra, ma Israele ha affermato che non c’è “nessun limite” alla quantità di aiuti che possono entrare.

Prima dell’inizio della guerra, Israele ha bloccato tutti gli accessi a Gaza via mare e via aerea, e ha controllato strettamente i valichi terrestri. Era Due collegamenti operativi con l'enclave : Erez, che era per la circolazione delle persone, e Kerem Shalom, per le merci.

A Rafah, gestita dalle autorità egiziane, c'è un valico con l'Egitto e Gaza. Sebbene Israele non abbia il controllo diretto su questo valico, monitora tutte le attività nel sud di Gaza.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant si è impegnato a tagliare le forniture di elettricità, cibo, acqua e carburante ai territori palestinesi dopo il 7 ottobre.

Gli aiuti iniziarono ad affluire a Rafah alla fine di ottobre e, in seguito alle pressioni degli Stati Uniti, iniziò Israele. I camion degli aiuti sono stati autorizzati a passare attraverso Kerem ShalomAlla fine di dicembre, ma a un ritmo molto inferiore rispetto ai 500 camion commerciali e umanitari del giorno prima della guerra.

READ  Boris Johnson ancora una volta ha fatto riferimento alla polizia per aver infranto le regole del Covid

Oggi, tutti i 2,2 milioni di persone a Gaza non hanno abbastanza cibo, con metà della popolazione sull’orlo della fame e della carestia che si prevede colpirà il nord “tra metà marzo e maggio”. Classificazione integrata delle fasi di sicurezza alimentare (IPC).

La World Central Kitchen era al centro della popolare nuova rotta marittima da Cipro, ma ha interrotto le operazioni a Gaza dopo che gli attacchi aerei israeliani hanno ucciso i suoi lavoratori, insieme ad almeno due organizzazioni umanitarie.

Questa è una storia in via di sviluppo e verrà aggiornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *