Cittadino russo ucciso in un attacco di squalo in Egitto

8 giugno (Reuters) – Un cittadino russo è stato ucciso in un attacco di squalo vicino a una spiaggia nella località egiziana di Hurghada sul Mar Rosso, hanno riferito giovedì il consolato generale russo nella città e due fonti della sicurezza egiziana.

Il ministero dell’ambiente egiziano ha affermato in una dichiarazione su Facebook che la morte del bagnante è stata causata da uno squalo tigre, ma non ha fornito dettagli sulla vittima.

Una squadra del ministero e altri funzionari sono riusciti a catturare lo squalo, afferma la dichiarazione, aggiungendo che le autorità locali hanno vietato il nuoto, lo snorkeling e altri sport acquatici in diverse spiagge vicino al luogo dell’attacco.

Un sommozzatore che è arrivato sul posto dopo l’attacco ha detto che le persone si sono precipitate ad aiutare la vittima dopo che un bagnino di un hotel vicino ha lanciato l’allarme, ma non è riuscito a raggiungerlo in tempo.

L’agenzia di stampa russa TASS ha detto che l’uomo ucciso era un uomo russo nato nel 1999 che viveva a tempo pieno in Egitto e non era un turista.

In una dichiarazione pubblicata sul suo canale ufficiale sull’app di messaggistica Telegram, l’ambasciata ha esortato i turisti russi a essere vigili mentre si trovano in acqua e ad attenersi rigorosamente a qualsiasi restrizione al nuoto imposta dalle autorità locali.

I rapporti dei giornalisti di Reuters sono stati curati da Andrew Osborne e Leslie Adler

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Rosenthal: il grande slam di Trey Turner alimenta un'entusiasmante rimonta mentre gli Stati Uniti avanzano alle semifinali WBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *