Il capo dei titoli di JP Morgan, Bob Michael, vede inquietanti echi del 2008

  • L’attuale mercato ricorda l’ingannevole rallentamento durante la crisi finanziaria del 2008, afferma Bob Michele, chief investment officer della massiccia divisione di asset management di JPMorgan Chase.
  • Nei cicli di aumento dei tassi precedenti al 1980, le recessioni sono iniziate in media 13 mesi dopo l’ultimo aumento dei tassi della Fed, ha affermato.
  • Ha detto che il dolore sarebbe maggiore in tre aree dell’economia: banche regionali, immobili commerciali e mutuatari aziendali con rating spazzatura.

Bob Michael è amministratore delegato, Chief Investment Officer e capo del gruppo Global Fixed Income, Currencies and Commodities (GFICC) di JP Morgan.

CNBC

Almeno per un’esperienza di mercato, un rimbalzo del mercato azionario dopo fallimenti bancari e rapidi aumenti dei tassi di interesse significa solo una cosa: attenzione.

Il tempo presente ricorda Bob MicheleChief Investment Officer per Massive Asset Management presso JP Morgan Chase manoCalma ingannevole durante la crisi finanziaria del 2008, ha detto in un’intervista presso la sede della banca a New York.

“Mi ricorda da marzo a giugno del 2008”, ha detto Michael.

Allora come oggi, gli investitori erano preoccupati per la stabilità delle banche americane. In entrambi i casi, il capo di Michael ha calmato i nervi logorati lanciandosi per affrontare un concorrente in difficoltà. Il mese scorso, JP Morgan ha acquistato il giocatore regionale fallito First Republic; Nel marzo 2008, JP Morgan preso Banca d’investimento Bear Stearns.

“I mercati l’hanno visto, c’è stata una crisi, c’è stata una risposta politica e la crisi è stata risolta”, ha detto. “E poi hai avuto un costante rally di tre mesi nei mercati azionari.”

La fine di un periodo di quasi 15 anni di denaro a buon mercato e bassi tassi di interesse in tutto il mondo ha sconvolto sia gli investitori che gli osservatori del mercato. I massimi dirigenti di Wall Street, incluso il capo di Michele, Jamie Dimon, hanno lanciato allarmi sull’economia per più di un anno. Dimon e altri hanno affermato che tassi più alti, un’inversione dei programmi di acquisto di obbligazioni della Federal Reserve e conflitti stranieri potrebbero essere una combinazione pericolosa.

READ  I picchetti WGA non si alzano immediatamente in caso di sciopero - scadenza

Ma l’economia statunitense è stata sorprendentemente resiliente, poiché i dati sui salari migliori del previsto di maggio hanno fatto salire le scorte. Alcuni per chiamare l’inizio di un nuovo mercato rialzista. Le correnti incrociate hanno grosso modo diviso il mondo degli investimenti in due campi: quelli che vedono un atterraggio morbido per la più grande economia del mondo e quelli che immaginano qualcosa di molto peggio.

Per Michael, che ha iniziato la sua carriera quattro decenni fa, i segnali sono chiari: i prossimi mesi saranno la calma prima della tempesta. Michael supervisiona oltre 700 miliardi di dollari di asset per JP Morgan ed è il capo globale del reddito fisso per la divisione di asset management della banca.

Nei cicli di aumento dei tassi precedenti al 1980, le recessioni sono iniziate in media 13 mesi dopo l’ultimo aumento dei tassi della Fed, ha affermato. L’ultima mossa della banca centrale è arrivata a maggio.

Durante quel periodo ambiguo dopo che la Fed ha finito di alzare i tassi, “non sei in recessione; sembra un atterraggio morbido” perché l’economia è ancora in crescita, ha detto Michael.

“Ma sarebbe un miracolo se finisse senza recessione”, ha aggiunto.

Michael ha detto che l’economia è destinata alla recessione entro la fine dell’anno. Sebbene l’inizio della recessione possa essere ritardato, ha affermato, grazie agli effetti persistenti dei fondi di stimolo Covid, l’obiettivo è chiaro.

“Sono molto ottimista sul fatto che saremo in recessione tra un altro anno”, ha detto.

Altri osservatori del mercato non condividevano il punto di vista di Michael.

Il capo delle obbligazioni di BlackRock Rick Ryder ha dichiarato il mese scorso che l’economia era in “una forma molto migliore” rispetto all’opinione del consenso e potrebbe evitare una profonda recessione. L’economista di Goldman Sachs, John Hutchius, ha recentemente ridotto al 25% la probabilità di una recessione entro un anno. Anche tra coloro che preannunciano la recessione, pochi pensano che sarà così grave come il crollo del 2008.

READ  Chuck Todd lascia il panel politico della NBC "Meet the Press" e viene sostituito da Kristen Welker

Per iniziare la sua argomentazione sull’arrivo di una recessione, Michael sottolinea che le mosse della Fed dal marzo 2022 sono state la serie di aumenti dei tassi più aggressivi degli ultimi quattro decenni. Il ciclo coincide con le azioni della banca centrale per controllare la liquidità del mercato attraverso un processo noto come inasprimento quantitativo. Consentendo alle sue obbligazioni di maturare senza reinvestire i proventi, la banca centrale spera di ridurre il proprio bilancio fino a 95 miliardi di dollari al mese.

“Stiamo vedendo cose che vedi solo in una recessione o finisci in una recessione”, ha detto, iniziando con uno “shock sui tassi” di circa 500 punti base nell’ultimo anno.

Secondo i sondaggi degli ufficiali di credito, altri segnali che indicano un rallentamento economico includono l’inasprimento del credito; Disoccupazione in aumento, tempi di consegna dei fornitori ridotti, curva dei rendimenti invertita e valori delle materie prime in calo, ha affermato Michael.

Ha detto che il dolore sarebbe maggiore in tre aree dell’economia: banche regionali, immobili commerciali e mutuatari aziendali con rating spazzatura. Michael crede che tutti possano fare i conti.

Ha osservato che le banche regionali devono ancora affrontare la pressione delle perdite sugli investimenti legate a tassi di interesse più elevati e si affidano a programmi governativi per aiutare a far fronte ai deflussi di depositi.

“Non credo che sia stato ancora completamente risolto; penso che sia stato confermato dal sostegno del governo”, ha detto.

Gli uffici del centro in molte città sono “quasi una terra desolata” di edifici non occupati, ha detto. I proprietari di immobili potrebbero dover rifinanziare il prestito a tassi di interesse molto elevati andare via dai loro debiti come alcuni hanno già fatto. Tale default influenzerebbe i portafogli bancari regionali e i fondi comuni di investimento immobiliare, ha affermato.

READ  Victor Vembanyama e Britney Spears raccontano l'incidente al ristorante di Las Vegas

Una donna mascherata passa davanti a pubblicità per uffici e spazi commerciali nel centro di Los Angeles, California, il 4 maggio 2020.

Federico J. Marrone | AFP | Belle foto

“Ci sono molte cose che risuonano con il 2008”, ha detto. “Eppure fino a quando ciò non accadrà, è in gran parte respinto.”

Infine, ha detto Sotto-investimento Le imprese di qualità che godevano di costi di indebitamento relativamente bassi ora si trovano ad affrontare un contesto finanziario diverso; Le persone che hanno bisogno di rifinanziare prestiti a tasso variabile possono incontrare un muro.

Molte aziende siedono su fondi a bassissimo costo; “Quando vanno a rifinanziare, possono raddoppiare, triplicare o non possono e devono entrare in una sorta di ristrutturazione o default”, ha detto.

Data la sua visione del mondo, Michael ha affermato di essere prudente nei suoi investimenti, che includono debito societario investment grade e mutui cartolarizzati.

“Tutto ciò che possediamo nei nostri portafogli, stiamo spingendo per due trimestri di -3% -5% del PIL reale”, ha affermato.

Questo mette JP Morgan in contrasto con altri partecipanti al mercato ruote BlackRock, il più grande asset manager del mondo.

“Parte della differenza con alcuni dei nostri concorrenti è che si sentono più a loro agio con il debito, quindi sono disposti ad aggiungere prestiti a tassi più bassi nella speranza che vadano bene con un atterraggio morbido”, ha detto.

Anche se Michael ha gentilmente preso in giro il suo rivale, dice che lui e Ryder erano “molto amichevoli” e si conoscevano da tre decenni, frequentandosi quando Michael era alla Blackrock e Ryder era alla Lehman Brothers. Ryder ha recentemente preso in giro Michael su un JP Morgan Ordinalo I dirigenti dovrebbero lavorare dagli uffici cinque giorni alla settimana, ha detto Michael.

Ora, la traiettoria dell’economia potrebbe scrivere l’ultimo capitolo della loro rivalità di basso profilo e far sembrare uno dei titani obbligazionari un investitore molto scaltro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *