Draymond Green dei Warriors è stato espulso dopo aver litigato con i Magic contro un arbitro

Orlando, Fla. – L'attaccante dei Golden State Warriors Draymond Green è stato espulso a meno di quattro minuti dall'inizio della partita di mercoledì sera contro gli Orlando Magic.

Dopo che Green è stato fischiato per il suo primo fallo personale, l'arbitro Ray Acosta lo ha schernito. Alcune giocate dopo, dopo che Stephen Curry è stato fischiato per un fallo su tiro, Green si è avvicinato ad Acosta e ha iniziato a urlargli contro. Acosta ha ricevuto un fallo tecnico e Green non si è fermato, Acosta gliene ha dato un altro, concludendo la sua serata al 8:24 del primo quarto.

Mentre Green usciva dal campo, l'allenatore dei Warriors Steve Kerr ha espresso il suo disappunto agli arbitri. Durante i timeout successivi, Curry camminava avanti e indietro, scuotendo la testa.

I Warriors hanno vinto 101-93.

È stato il quarto licenziamento più alto della carriera di Green in una stagione. Secondo ESPN Stats and Information Research, è il primo giocatore ad essere licenziato almeno quattro volte in una stagione da quando Kevin Durant è stato licenziato cinque volte nel 2017-18.

L'uscita di mercoledì ha segnato anche la seconda espulsione di Green nel primo quarto di questa stagione. Secondo ESPN Stats & Info, è l'unico giocatore nelle ultime 20 stagioni ad avere più licenziamenti nel primo quarto in una stagione.

READ  Ogni pianeta del sistema solare sarà visibile mercoledì in una rara "parata planetaria".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *