È morto a 83 anni Roberto Cavalli, stilista che celebrava gli eccessi

È morto Roberto Cavalli, lo stilista italiano che celebrava il glamour e l'eccesso vestendo modelle e attrici in passerella con abiti leopardati, jeans ingioiellati effetto consumato, corsetti di raso e altri glitter inutili. Ha 83 anni.

La sua compagnia ne annunciò la morte su Instagram ma non sono stati forniti dettagli.

Sig. Lo stile distintivo di Cavalli – una volta descritto dal quotidiano britannico The Independent come “moldo glamour, stampo animalier e stampo, stampo italiano” – è rimasto sostanzialmente invariato durante la sua lunga carriera. Ma ha abilmente reinventato i suoi vestiti attraverso varie epoche, ha goduto di numerosi rinascimenti e ha creato un marchio di lifestyle globale.

Negli anni '70, il sig. Cavali ha disegnato giacche, jeans e miniabiti realizzati in denim patchwork, vendendo la sua alta qualità. Abiti hippie In una boutique a St. Tropez, sulla Costa Azzurra, per attrici come Brigitte Bardot e Sophia Loren.

Per i successivi due decenni rimase poco conosciuto fuori dall'Europa. Poi, negli anni '90, ha reinventato il denim di lusso, prima con un look sabbiato e poi, mettendo la lycra sui jeans per farli sembrare più eleganti e sexy. I jeans elasticizzati divennero una grande tendenza nel 1993, quando la modella Naomi Campbell ne indossò un paio durante una sfilata.

Prima di questo sviluppo, Mr. Gli affari di Kavali stavano vacillando e prese in considerazione l'idea di chiudere la sua fabbrica. Ma dalla metà degli anni '90 è uno dei più grandi nomi della moda, con negozi in tutto il mondo, fan di celebrità come Lenny Kravitz e Cindy Crawford e licenze per qualsiasi cosa, dai gioielli, profumi e occhiali da sole all'abbigliamento per bambini, casa merci e altro ancora. Vodka marchiata Roberto Cavalli, confezionata in una bottiglia avvolta in pelle di serpente.

Come (Gianni) Versace o Calvin (Klein), Cavali si è guadagnato un nome singolare: rappresentava un'estetica immediatamente riconoscibile.

READ  Bill Maher licenzia la CAA dopo l'affronto della festa degli Oscar

“Roberto amava troppo, ma non lo perdeva di vista”, ha detto la direttrice di Elle Nina Garcia in una e-mail nel 2020. “Anche quando il minimalismo era la norma, lei credeva nel massimalismo. Ci ha ispirato a pensare che la vita – e la moda – dovrebbero essere vissute a pieno ritmo.

Condoglianze continue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *