Erdogan e Kilidaroglu sono bloccati in una feroce corsa alla presidenza turca

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il rivale Kemal Kilidaroglu sono impegnati in una feroce battaglia per la presidenza mentre i numeri delle elezioni aumentano le possibilità di un ballottaggio senza precedenti.

Sia Erdogan che Kilicdaroglu, che guidano una coalizione di sei partiti di opposizione, hanno messo in guardia dal trarre conclusioni dai conteggi preliminari dei voti, affermando di essere in vantaggio nella corsa. Ma a mezzanotte in Turchia, nessuna delle due parti sembrava essere in linea per assicurarsi la maggioranza necessaria per vincere la corsa, suggerendo che le elezioni presidenziali potrebbero concludersi in meno di due settimane.

Secondo i dati raccolti dall’agenzia di stampa statale Anadolu, Erdogan ha ottenuto meno del 50% dei voti, sulla base del 93% delle urne contate. Anka, un’altra testata giornalistica che ha tabulato i risultati, ha mostrato Kılıçdaroğlu con il 45% ed Erdogan con il 49%, sulla base del 90% delle urne.

La promettente presidenza separatista Sinan Ogun del Movimento nazionalista ultranazionalista ha ottenuto circa il 5% dei voti, secondo i dati di Anka e Anadolu. Il suo ruolo è significativo perché allo stato attuale nega a entrambi i principali candidati le maggioranze di cui hanno bisogno per vincere.

Il sindaco di Ankara e figura di spicco della coalizione di opposizione, Mansur Yavas, ha affermato che c’è “un’alta probabilità” che le elezioni vadano al secondo turno, circa sette ore dopo la fine delle urne.

I sondaggi in vista delle contestate elezioni di domenica hanno mostrato Kılıçdaroğlu davanti a Erdogan, anche se il margine di errore era ampio poiché molti analisti avevano previsto un ballottaggio.

© Ciad Suna/EPA/Shutterstock

A segno di come le tensioni siano alte, domenica gli alleati di Kılıçdaroğlu hanno contestato i dati forniti da Anadolu, affermando che i calcoli omettevano aree in cui l’opposizione aveva fatto bene e rallentavano i numeri per il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) di Erdogan. processo sollevando proteste nelle roccaforti dell’opposizione.

READ  Rickie Fowler crea un uccellino epico per vincere Rocket Mortgage Classic 2023

“Il mio consiglio è di ignorare i numeri dell’agenzia Anadolu perché stanno cercando di ingannarti”, ha detto domenica il sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu.

Il portavoce dell’AKP Ömer Çelik ha difeso Anadolu, dicendo che era una fonte importante per la cronaca elettorale e che gli “attacchi” del Partito Repubblicano (CHP) di Kılıçdaroğlu equivalevano a “propaganda”. Ha detto che era troppo presto per annunciare un vincitore e ha chiesto pazienza.

“Indipendentemente dai risultati delle elezioni, abbiamo una tradizione di rispetto dei risultati. “Hai una tradizione di non onorare le decisioni attraverso colpi di stato, memorandum e l’esercizio della magistratura”, ha detto Selig del CHP.

Erdogan e Kilidaroglu sono andati entrambi su Twitter per dire ai funzionari del partito incaricati di monitorare le urne di non lasciare i loro posti – un segno di quanto saranno stretti i risultati della corsa. “Chiedo a tutti i miei pubblici ministeri e colleghi di rimanere alle urne, qualunque cosa accada, fino a quando i risultati non saranno ufficialmente finalizzati”, ha detto Erdogan.

I seggi elettorali in tutta la Turchia erano in fermento dopo che più di 60 milioni di persone si erano registrate per votare alle elezioni presidenziali e parlamentari.

© Ozan Kose/AFP/Getty Images

Erdogan, che per primo ha portato al potere il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) nel 2002, ha affrontato una dura campagna mentre si scontrava con Kılıçdaroğlu. I risultati avranno ripercussioni globali poiché negli ultimi anni la Turchia, membro della NATO, ha svolto un ruolo sempre più importante sulla scena internazionale.

Kılıçdaroğlu ha promesso di rilanciare l’economia in difficoltà della Turchia, avvicinare il paese all’orbita dell’Occidente e ripristinare le istituzioni chiave minate durante il lungo mandato di Erdogan, prima come primo ministro e poi come presidente.

READ  Il presidente polacco firma il "Tusk Act" per l'indebita influenza russa

Il leader dell’opposizione di 74 anni ha condotto regolarmente campagne con altri politici di spicco che fanno parte della coalizione “Six-Man Table”.

Erdogan, che ha partecipato alle preghiere serali nella moschea di Hagia Sophia di Istanbul e sabato ha interrotto la sua ultima campagna elettorale, rimane popolare tra gli elettori conservatori e devoti nel cuore dell’Anatolia della Turchia.

Nelle infuocate manifestazioni elettorali, Erdogan si è presentato come l’unico politico in grado di assicurare un futuro prospero alla Turchia e proteggere i valori della famiglia. Sabato, Kılıçdaroğlu ha anche accusato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden di collaborare con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per sconfiggerlo, senza presentare prove.

Kılıçdaroğlu, nel frattempo, ha invitato gli elettori a “cambiare il destino della Turchia” votando per la sua coalizione di opposizione.

Domenica i turchi hanno anche votato alle elezioni parlamentari che potrebbero scuotere gli equilibri di potere. Una coalizione tra l’AKP di Erdogan e il partito del Movimento nazionalista ultranazionalista ha la maggioranza nel ramo legislativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *