Jay Powell afferma che la lotta all’inflazione della Federal Reserve “non è finita”

Apri Editor's Digest gratuitamente

Jay Powell ha affermato che il lavoro della Federal Reserve di ridurre l’inflazione non è ancora terminato e che la banca centrale americana ha bisogno di “molta fiducia” che le pressioni sui prezzi si stiano allentando prima di tagliare i tassi di interesse, mettendo in guardia contro qualsiasi rapido cambiamento nella politica monetaria.

I commenti di Powell mercoledì alla business school dell'Università di Stanford sono arrivati ​​dopo che le ultime proiezioni dei funzionari della Fed di marzo hanno mostrato che si aspettavano di tagliare i tassi di 0,75 punti percentuali quest'anno, in calo dal massimo di 23 anni del 5,25% al ​​5,5%.

Ma i dati positivi sul mercato del lavoro e i segnali di un’inflazione persistentemente elevata mettono in dubbio tali previsioni.

Powell ha affermato che gli ultimi dati “non cambiano il quadro generale” e ha osservato che è “troppo presto per dire se gli ultimi dati sull'inflazione siano più di un aumento”.

Tuttavia, ha osservato: “Non ci aspettiamo che sia opportuno tagliare il nostro tasso ufficiale finché non avremo più fiducia che l'inflazione si sta muovendo costantemente verso il 2%”.

I commenti di Powell fanno eco a quelli di altri funzionari della banca centrale che hanno recentemente indicato che la banca centrale non ha fretta di tagliare i tassi di interesse, rendendo meno probabile la prima mossa nei prossimi incontri. Ma lasciano ancora spazio alla banca centrale per iniziare a tagliare i tassi nella seconda metà del 2024.

“Abbiamo tempo per lasciare che i dati in arrivo guidino le nostre decisioni politiche”, ha affermato Powell. “Le prospettive sono ancora incerte e affrontiamo rischi da entrambe le parti”.

READ  Sospetto arrestato nell'incendio dell'ufficio di Bernie Sanders nel Vermont

La prudenza di Powell sui tassi di interesse è arrivata quando ha sottolineato l'importanza dell'indipendenza della banca centrale per consentire che la politica venga impostata sulla base di “questioni politiche a breve termine” e ha messo in guardia contro “la missione” della banca centrale, dicendo: “Non siamo, o non lo sono. Vogliamo essere responsabili delle politiche climatiche.”

Il suo messaggio potrebbe essere particolarmente importante in un anno di corsa presidenziale che contrappone Joe Biden a Donald Trump. Trump ha scelto Powell per dirigere la Fed durante il suo mandato, ma l’ex presidente ha spesso criticato il presidente della Fed e lo ha ripetutamente esortato a tagliare i tassi.

Mercoledì Powell ha annunciato che quest’anno inizierà una nuova revisione del suo quadro di politica monetaria, che guida le sue decisioni sui tassi, dopo essere stato completato nel 2020 al culmine della pandemia.

La revisione, che dovrebbe durare circa un anno, è in linea con i piani della banca centrale di aggiornare il documento ogni cinque anni. L’ultimo è iniziato nel 2019 ed è stato completato prima della ripresa dell’inflazione iniziata nel 2021, ed è stato considerato peggiore in termini di inflazione rispetto al quadro precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *