Le lunghe morti per Covid-19 sono associate a un aumento significativo dei problemi cardiaci e polmonari, afferma lo studio



Cnn

Mentre la nazione guarda alla fine dell’emergenza sanitaria pubblica Covid-19, una nuova ricerca mostra che alcuni gruppi stanno ancora risentendo degli effetti a lungo termine della malattia. Nell’anno successivo all’infezione, le persone che soffrono di covid prolungato corrono un rischio maggiore di una serie di esiti avversi per la salute, incluso un rischio raddoppiato di morte. Un nuovo studio Pubblicato venerdì al JAMA Health Forum.

Lo studio ha analizzato i dati sui sinistri assicurativi per 13.435 adulti con malattia prolungata da Covid-19 e 26.870 senza Covid-19 durante un periodo di follow-up di 12 mesi. Dopo aver tenuto conto dei fattori pre-infezione, la mortalità è aumentata nel gruppo long-covid, con il 2,8% degli individui con long-covid che muore rispetto all’1,2% in quelli senza long-covid.

Chi soffre di Covid a lungo termine ha il doppio delle probabilità di sperimentare eventi cardiovascolari, tra cui aritmia, ictus, insufficienza cardiaca e malattia coronarica. Anche le condizioni polmonari sono comuni. Il rischio di embolia polmonare è triplicato mentre il rischio di BPCO e asma moderato o grave è quasi raddoppiato in quelli con Covid a lungo termine.

Lo studio ha rilevato che i rischi erano più elevati tra le persone ricoverate in ospedale entro un mese dalla contrazione del Covid.

“Sappiamo dalla letteratura pubblicata che il Covid a lungo termine può causare affaticamento, mal di testa e deficit di attenzione”, ha affermato il dott. Andrea Devries, vicepresidente del personale per la ricerca sui servizi sanitari presso Eleven’s Health e autore principale dello studio. “Sebbene tali condizioni siano rilevanti, i risultati di questo studio indicano esiti più preoccupanti che potrebbero compromettere seriamente la qualità e l’aspettativa di vita delle persone con Covid-19 prolungato”.

READ  5 cose che sappiamo sulla campagna di Ron DeSantis dopo la debacle di Twitter

IL Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie Il Covid prolungato è definito come problemi di salute nuovi, ricorrenti o in corso più di quattro settimane dopo l’infezione iniziale. Secondo Ricerca del CDCUn sopravvissuto al Covid-19 su cinque di età compresa tra 18 e 64 anni e un sopravvissuto su quattro di età pari o superiore a 65 anni potrebbe aver contratto il Covid-19.

Long Covid è associato a più di 200 segni e sintomi e 50 condizioni di salute. Gli effetti sulla salute possono durare mesi o anni, dicono gli esperti.

“Possiamo solo misurare per quanto tempo si verifica l’infezione, ma le prime prove suggeriscono che la maggior parte delle persone che soffrono di post-Covid lo fa più di due anni dopo l’infezione iniziale, che è essenzialmente il tempo che può essere”, ha affermato il dott. Mark Chesler, autore di un editoriale correlato pubblicato su JAMA Health Forum.

La ricerca mostra Una riattivazione covid aumenta significativamente il rischio di morte, ricovero ed effetti sulla salute di un individuo a causa di una malattia covid prolungata. Ad esempio, il rischio di malattie cardiovascolari aumenta di 1,6 con un’infezione, 3,0 con due infezioni e 4,8 con tre o più infezioni.

“Dimostra che non è come se avessi una volta il Covid, e quindi a meno che non ti ammali gravemente o sviluppi un Covid prolungato da quella prima infezione, la costa è chiara”, ha detto Chesler, che non è stato coinvolto nello studio. .

Altri fattori di rischio La durata più lunga del covid include l’età avanzata, l’essere donne, l’uso di tabacco, un indice di massa corporea più elevato e la comparsa di più sintomi durante la malattia acuta da covid-19. La vaccinazione viene somministrata prima dell’infezione è collegato Di conseguenza, il rischio di covid prolungato diminuisce Ricerca precedente.

READ  Powerball Jackpot: un biglietto venduto in California ha vinto un jackpot da 1,08 miliardi di dollari

Gli autori dello studio affermano che questi risultati richiedono sforzi continui per prevenire le infezioni da Covid-19 e una migliore sorveglianza sanitaria delle persone dopo l’infezione.

“Il Covid prolungato è una condizione di salute che dobbiamo continuare a studiare e prendere sul serio”, ha affermato DeVries.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *