28 morti nell’incendio del traghetto passeggeri filippino

  • Il secondo incidente in barca filippino più mortale in meno di un anno
  • 230 Salvataggio – Codice Guardia
  • Il bilancio delle vittime aumenta bruscamente dopo che i corpi vengono trovati nella cabina
  • Le Filippine hanno una solida esperienza nella sicurezza marittima

MANILA, 30 marzo (Reuters) – Almeno 28 persone, tra cui un bambino di 6 mesi, sono morte in un incendio su un traghetto passeggeri tra le isole nelle Filippine meridionali, ha detto giovedì la guardia costiera.

I funzionari devono ancora identificare la causa dell’incendio, scoppiato mercoledì intorno alle 23:00 (15:00 GMT) dall’isola di Basilan mentre molti dei passeggeri dormivano in cabine con aria condizionata sul ponte inferiore del traghetto.

“Inizialmente abbiamo salvato 10 persone che sono annegate. Poi abbiamo trovato le altre 18 persone a bordo nella cabina. Erano completamente bruciate”, ha detto a Reuters il capo della guardia costiera della regione meridionale di Mindanao, il commodoro Regard Marf.

C’erano cifre contrastanti sul numero di passeggeri a bordo della barca, che non era sovraccarica, ma la Guardia Costiera ha detto che 230 persone, tra cui 35 membri dell’equipaggio, sono state salvate.

Marfay in precedenza aveva affermato che la maggior parte delle persone stava dormendo al momento dell’incendio, aggiungendo che “c’era il caos”.

I vigili del fuoco hanno domato il rogo giovedì mattina.

Le foto condivise dalla Guardia Costiera hanno mostrato la nave MV Lady Mary Joy 3 avvolta dalle fiamme.

“Pensavo di sognare, ma quando ho aperto gli occhi era buio ed eravamo circondati dal fumo”, ha detto a DZRH la 46enne Mina Nani.

Ha detto che è sopravvissuto saltando fuori bordo e condividendo un galleggiante con un altro passeggero prima che venissero salvati.

READ  I giocatori della NFL tornano in campo dopo il crollo di Damar Hamlin di Bills

Le Filippine, un arcipelago di oltre 7.600 isole, hanno una scarsa sicurezza marittima, con navi spesso sovraffollate e molte navi obsolete ancora in uso.

A maggio, almeno sette persone sono morte quando un traghetto filippino ad alta velocità che trasportava 134 persone ha preso fuoco.

Nel 1987, circa 5.000 persone morirono nel peggior disastro marittimo del mondo in tempo di pace, quando il traghetto passeggeri sovraccaricato Dona Pass si scontrò con una petroliera al largo dell’isola di Mindoro, a sud della capitale Manila.

Neil Jerome Morales (reportage di Ed Davis, montaggio di Martin Petty)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *