Alpinista ucciso in caduta sul Monte Denali, Alaska

Uno scalatore è morto e un altro è rimasto gravemente ferito dopo essere caduto a circa 300 metri da una vetta nel Parco nazionale e riserva di Denali, in Alaska, giovedì scorso, hanno detto i funzionari.

Gli alpinisti stavano scalando il Monte Johnson, alto 8.400 piedi, su un percorso chiamato Escalator, una salita alpina ripida e tecnica sulla parete sud-est della vetta.

Il sentiero di 5.000 piedi comprende rocce ripide, neve e ghiaccio, afferma il National Park Service. detto in un comunicato. In genere attira da cinque a dieci squadre di arrampicata ogni anno.

Un'altra squadra di scalatori ha notato la caduta e ha allertato l'Alaska Regional Communications Center intorno alle 22:45 di giovedì. Gli alpinisti sono scesi dalle vittime e hanno confermato che uno degli scalatori era morto.

“Gli intervistati hanno scavato una grotta di ghiaccio e hanno curato le ferite dello scalatore sopravvissuto per tutta la notte”, si legge nella nota.

Un elicottero di soccorso in alta quota del parco e due ranger della montagna sono intervenuti venerdì mattina presto.

Sabato, il Il Park Service ha identificato lo scalatore morto Robbie Magus, 52 anni, di Keene Valley, New York

L'escursionista sopravvissuta, una donna californiana di 30 anni senza nome, ha riportato gravi ferite ed è stata salvata dai ranger escursionistici del Park Service venerdì mattina e trasportata in aereo in ambulanza in un ospedale di Anchorage.

Il clima invernale sulle montagne più alte del Nord America si estende da metà settembre a metà maggio. Strutture e servizi nel parco sono limitati.

Il tempo era caldo e soleggiato quando è avvenuto l'incidente, ha detto in una e-mail il portavoce del parco Paul Olick.

READ  La partnership JetBlue-americana annullata dal giudice federale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *